Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Interviste

Karayılan: la strategia AKP-MHP si basa sull’ostilità nei confronti dei curdi

Il componente del Consiglio Esecutivo del PKK Murat Karayılan ha dichiarato ha che l’AKP ha definito un suo obiettivo per garantire che il popolo curdo non sia parte del ridisegno della regione e possa sconfiggere i curdi in modo assoluto.

Il componente del Consiglio Esecutivo del PKK Murat Karayılan ha parlato con la radio Dengê Kurdistan (Voce del Kurdistan) dei piani dell’AKP di spezzare il Movimento di Liberazione Curdo, della fase di guerra, delle politiche dello Stato turco sul Rojava e il Kurdistan del sud e dell’importanza dell’unità nazionale tra curdi.

La prima parte dei punti salienti dell’intervento di Murat Karayılan tradotta da ANF English è la seguente:

Il contenuto della strategia AKP-MHP è l’ostilità nei confronti dei curdi

“Nella situazione attuale, il regime dell’AKP ha deciso una nuova strategia. Nel contesto di questa strategia, l’AKP ha preso come base la linea dell’MHP. Con questo l’MHP è stato reso superfluo e loro sono stati costretti a marciare accanto all’AKP. Il contenuto di questa strategia è l’ostilità contro i curdi. L’AKP ha definito un proprio scopo nel garantire che il popolo curdo non sia parte del ridisegno della regione e che loro possano vincere in modo assoluto. L’esistenza stessa del sistema dipende da questo. Erdoğan oggi sta guidando il sentimento anti-curdo su questa base. Usando il tentativo di golpe come un pretesto per sequestrare completamente lo Stato, si sono concentrati completamente sul popolo curdo e sulle conquiste del popolo curdo. Hanno preparato piani nel contesto di questa strategia.

In primo luogo vogliono intensificare l’isolamento imposto al Leader Apo, impedire che si senta la sua voce e così farlo ritirare e ottenere risultati attraverso l’implementazione di una sfumata e profonda guerra psicologica e una politica della tortura a İmralı. Hanno pianificato di estendere questa politica in tutte le galere turche passo per passo.

In secondo luogo hanno chiuso tutte le organizzazioni curde e hanno preso di mira le conquiste del popolo curdo. Secondo i loro numeri, hanno chiuso 390 organizzazioni curde in un colpo solo. Hanno abolito tutte le organizzazioni del popolo curdo democratiche, culturali, politiche e altre organizzazioni del genere.

In terzo luogo hanno pianificato di confiscare le cento municipalità che erano tenute dal movimento curdo. Ma sequestrandone 2 o 3 alla volta, con interruzioni, così non ci sarebbe stata una reazione a livello mondiale. In sostanza stanno arrestando persone elette dal voto popolare con questa pratica che va definita come un golpe e nominando loro funzionari e governatori distrettuali come fiduciari. Questo è un grande attacco alla volontà del popolo curdo. Questo è il vero golpe.

Il quarto pilastro di questa strategia è prendere di mira i politici curdi e spingere i curdi fuori dall’arena politica. Per questo hanno arrestato i co-presidenti dell’HDP e 11 deputati HDP e continuano a tenere in carcere e rilasciare altri parlamentari ogni giorno, mettendoli quotidianamente sotto pressione. Oggi migliaia di funzionari di HDP e DBP sono stati arrestati. Solo in quest’ultimo processo, sono state fermate 4 mila persone.

In linea con questa strategia, il quinto pilastro è la pressione sulla popolazione. Nel contesto della guerra psicologica speciale, attualmente è in atto una estesa repressione. Oggi stanno mettendo un atto una politica del bastone e della carota. Occasionalmente colpiscono, poi occasionalmente dicono “Io aiuterò”, mirando a castigare il popolo curdo e a piegarlo. Su questa base attualmente stanno sviluppando una repressione e tirannia fascista in Kurdistan. Per questo continuano ad estendere lo stato di emergenza.

Come sesto punto, possiamo parlare della politica contro la gioventù curda. Vogliono sviare la gioventù curda. Oggi c’è una guerra psicologica e un attacco molto esteso contro la gioventù curda. Stanno mettendo in atto una politica speciale di crudeltà contro i giovani e contro le donne affinché non proteggano la lotta di liberazione e la loro identità, in modo che abbiano sempre paura.

La settima cosa sono le estese operazioni che hanno sviluppato contro i guerriglieri per la libertà del Kurdistan. In autunno ci sono stati attacchi in modo che “la guerriglia non costruisca basi nell’inverno”. Ora stanno attaccando per individuare le loro basi invernali e eliminare la guerriglia. Ci sono attacchi estesi sia nelle città sia nelle aree rurali. Mirano a creare gruppi di martiri in ogni operazione per demoralizzare il popolo curdo e spezzare la speranza della gente portando i corpi nelle città. Quindi, nel corso dell’inverno stanno svolgendo operazioni senza precedenti.

Per quanto riguarda l’ottava cosa, possiamo parlare degli attacchi agli alleati del popolo curdo. C’è un attacco ai movimenti rivoluzionari-democratici della Turchia in particolare. Oggi tutti quelli che non si inchinano di fronte a Erdoğan vengono presi di mira dal regime AKP-MHP in un modo o nell’altro. In questo contesto, hanno preso di mira molte persone, arrestandole e riducendole al silenzio. Così non solo i curdi, tutti coloro che sono amici dei curdi, gente di sinistra, socialisti e chiunque voglia la democrazia in Turchia, chiunque si opponga alle politiche AKP-MHP ora sono bersagli.

Del nono e ultimo passo di questa strategia, si può dire che l’obiettivo sia di creare una voce monotona in aggiunta a tutte le pratiche repressive, fasciste e tiranniche. A questo scopo, si concentrano in modo estensivo sui media. Chiudono molte organizzazioni del settore dei media. Giusto ora, per via dei 150 giornalisti che hanno arrestato, la Turchia è la seconda nella lista dei Paesi con il maggior numero di giornalisti incarcerati. Fino al punto che non è sbagliato dire che al momento in Turchia esiste un unico canale. Nonostante il fatto che ci sono molte reti sotto nomi diversi, tutte devono andare in onda indiretta quando parla Erdoğan o un amministratore dell’AKP. Qualsiasi cosa abbiano all’ordine del giorno, qualsiasi cosa di cui parli Erdoğan nei suoi discorsi, diventa l’ordine del giorno per il Paese. Vogliono confiscare l’ordine del giorno, creare una percezione nella società, gestire la società a modo loro e trasformare il popolo della Turchia in uno strumento di guerra psicologica. Hanno attaccato tutti i media curdi a questo scopo, ma hanno anche duramente attaccato i media turchi. In questo modo mirano a costruire un impero di paura e a sviluppare monismo.

Non è solo il nord anche il Rojava e il sud vengono presi di mira

Oltre a tutto questo avevano anche una politica nei confronti dei curdi del Rojava Kurdistan e del Kurdistan del sud. Hanno lanciato un’operazione che hanno chiamato “Scudo dell’Eufrate” contro il Rojava. Erdoğan ha detto, “Prenderemo rapidamente Bab, poi Manbij, poi andremo verso Raqqa,” e ha aggiunto che anche Efrîn era un obiettivo. Così volevano intervenire in questo modo negli affari interni della Siria, prendendo di mira per questo la Rivoluzione del Rojava, in particolare interrompendo le loro relazioni internazionali attraverso attacchi politico-militari e aggiungendo PYD e YPG alla lista delle organizzazioni terroristiche, soffocando con questo la Rivoluzione del Rojava. Quello che hanno fatto nel Kurdistan del sud è stato di rafforzare gli attacchi aerei, di attaccare Shengal e le zone di difesa di Media e soprattutto creando una divisione tra forze curde per sviluppare una guerra civile.

Miravano ad ottenere in questo modo risultati entro marzo. A questo scopo Süleyman Soylu ha detto, “A marzo nessuno parlerà del PKK.” Perché volevano sconfiggere il nord, soffocare il Rojava, spezzare il sud in questo modo e fare pulizia di tutto quanto sarebbe rimasto entro aprile.

Il piano AKP-MHP è fallito

Manca un mese per arrivare a marzo. Devono ancora ottenere successi in uno di questi piani. Il leader del popolo curdo, la lotta di libertà del Kurdistan, i politici curdi, il popolo curdo e i rivoluzionari del Kurdistan in tutte le quattro parti sono insorti contro gli attacchi dell’alleanza AKP-MHP e in nessuno luogo questa strategia ha avuto successo. Anche se l’inverno non è ancora passato, finora hanno fallito nell’ottenere qualche risultato. Quindi ora si può dire che tutti questi piani sono falliti. Quindi la situazione non è quella in cui nessuno parlerà del PKK a marzo come ha detto quell’uomo ignobile, ma una in cui a marzo si parlerà di più del PKK, la resistenza del PKK si diffonderà in tutto il Kurdistan e nel Medio Oriente e avrà la meglio. Sicuramente in un processo in corso va sottolineato ancora una volta che gli attacchi del nemico continuano in condizioni invernali e la resistenza del nostro popolo e movimento sta crescendo a fronte di questi attacchi.

ANF

 

 

 

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Memet Sıddık Akış, co-sindaco eletto del comune di Hakkari, è stato arrestato questa mattina e sostituito dal governatore di Hakkari. Il fascicolo investigativo utilizzato...

Turchia

La deputata del partito DEM Ceylan Akça-Cupolo chiede un’indagine sullo sfollamento forzato della popolazione di Sur avvenuto dopo la distruzione del quartiere storico. Il...

Turchia

Condanne durissime contro l’Hdp. 42 anni a Demirtas, l’unico in grado di ridare forza e unità alla sinistra turca e curda. Prima del verdetto...

Turchia

Gültan Kışanak, Ayla Akat Ata, Meryem Adıbelli, Ayşe Yağcı e Sebahat Tuncel sono di nuovo libere. Ma non si sentono veramente libere. Dopo aver...