Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Kurdistan

Avvocato di Öcalan: il CPT non sta facendo il suo dovere per impedire l’isolamento a İmralı

L’avvocato di Öcalan Newroz Uysal ha detto che l’isolamento imposto da 18 anni al leader del popolo curdo Abdullah Öcalan si basa sull’illegalità e che il CPT non sta facendo il suo dovere nell’impedire questa tortura.Un crimine contro l’umanità, l’isolamento messo in atto contro il leader del popolo curdo Abdullah Öcalan dall’AKP dopo aver messo fine al processo negoziale, continua in condizioni che si aggravano ogni giorno.

Nonostante che non ci sia alcuna base legale per l’isolamento imposto a Öcalan, l’AKP/Palazzo continua con le sporche politiche messe in atto contro Öcalan e insiste nel considerare il popolo curdo come parte dell’isolamento con l’attuale processo di guerra. Lo stato di emergenza dichiarato dopo il tentativo di golpe del 15 luglio ha portato l’isolamento imposto a Öcalan a un nuovo livello.

L’avvocato di Öcalan Newroz Uysal dello Studio Legale Asrın ha parlato con ANF delle pratiche illegali imposte a Öcalan per 18 anni e ha detto che lo stato considera la situazione come la presa di un ostaggio da usare contro il popolo curdo. Uysal ha fatto riferimento all’illegalità dell’isolamento imposto a Öcalan e ha detto che il CPT non affronta la situazione con serietà.

Nessuna parola da Öcalan

Uysal enfatizzato che dal più piccolo trattamento al diritto più fondamentale, nulla è stato rispettato per 18 anni sull’isola di İmralı dove viene tenuto Öcalan e ha affermato che sia la Turchia, sia le potenze internazionali non stanno rispettando le loro responsabilità. Uysal ha detto: “L’approccio dello Stato turco nei confronti di Öcalan è, come lui dice spesso, di trattarlo come un ostaggio tenuto in una mossa politica. Quando vogliono inasprire la guerra o quando dichiarano una guerra politica contro il popolo curdo e contro il movimento curdo, l’isolamento in essere viene aumentato. Il suo diritto a telefonate e visite degli avvocati è stato limitato sin dal 1999 e questo indica isolamento. Ma ora, a determinati intervalli, e come abbiamo sperimentato nei mesi scorsi, siamo in periodi di assolta mancanza di contatti.”

Gli appelli vengono rifiutati per via dello stato di emergenza

Uysal ha affermato che hanno vissuto il periodo più critico di mancanza di contatti degli ultimi 18 anni dopo il tentativo di golpe del 15 luglio e ha detto che anche in questa situazione, lo stato turco e le istituzioni internazionali hanno rifiutato il loro appello di incontrare Öcalan. Uysal ha detto che gli è stato risposto che dopo la proclamazione dello stato di emergenza, è stata emessa una sentenza di tribunale che ha deciso che Öcalan e le altre 3 persone con lui, non possono incontrare nessuno finché continua lo stato di emergenza. “Gli appelli che facciamo tutte le settimane sia per le visite degli avvocati che della famiglia, vengono rifiutati con questa motivazione. Come ricordate, 50 politici curdi hanno fatto uno sciopero della fame perché Öcalan venisse contattato. Se lo consideriamo dal punto di vista politico, dopo questo sciopero della fame, nonostante il decreto sullo stato di emergenza, come se il processo legale fosse del tutto normale, gli è stata consentita una vista con la sua famiglia Dopo quell’incontro, abbiamo continuato a presentare appelli ogni settimana, ma continuano a rifiutare citando quell’ordinanza illegale del tribunale. Già questo mostra quando la situazione lì sia illegale.”

Il CPT non sta facendo il suo dovere

Uysal ha detto che come esempio unico nel mondo, l’isolamento di İmralı è accettato dalla comunità internazionale, mentre tribunali prendono atto che lì vige un sistema di isolamento che costituisce tortura.

“La CEDU nel 2004 ha emesso una sentenza e ha confermato con un’ordinanza della corte che questo è tortura. C’è tortura, riconosciuta da una sentenza di tribunale, ma il CPT, che come istituzione sotto il Consiglio d’Europa, è obbligato ad approfondire, sta tirando per le lunghe i nostri appelli e a tenerli fermi. Il minimo che si sarebbe potuto fare è che il CPT visitasse con urgenza il carcere di İmralı dopo il tentativo di golpe del 15 luglio, ma non l’hanno fatto. Li abbiamo incontrati di persona e abbiamo provato a descrivere la situazione nei nostri rapporti mensili. Anche se il CPT ha visitato la Turchia a metà settembre, hanno visitato gli arrestati dell’organizzazione di Fethullah Gülen.” Uysal ha affermato che il CPT non ha visitato il carcere di Imralı che è la posizione più critica.

Il CPT ha incontrato lo Stato turco invece di visitare l’isola

Uysal ha detto quanto segue sulla risposta che hanno avuto dal CPT quando hanno chiesto perché non hanno visitato l’isola: “L’informazione che ci ha dato le autorità statali per noi è stata sufficiente e soddisfacente. Hanno trovato una scusa per non fare visita, questo è quanto ci hanno detto. Il CPT esiste per prevenire la violenza nelle carceri, possono visitare un carcere senza permesso da parte dello Stato, ma possono anche dire che sono soddisfatti delle informazioni che hanno avuto dallo Stato. Il dovere del CPT è di controllare se Öcalan è vivo o no. Il dovere del CPT è di impedire la tortura che lì è in essere. Continuiamo a mandare regolarmente i nostri rapporti mensili al CPT, ma non dicono altro che di avere un’inchiesta sulla situazione e che la stanno valutando.”

La pace per la Turchia arriverà attraverso Öcalan

Uysal ha detto che c’è stata l’esperienza della durata di due anni del processo di pace e che dopo questa esperienza, per la democratizzazione della Turchia, considerano Öcalan in grado di svolgere un ruolo molto attivo sia nel risolvere le altre questioni in generale sia la questione curda e che hanno visto quanto le soluzioni che lui offre ottengono risultati. Uysal ha sottolineato che I cambiamenti nell’approccio dello Stato nei confronti del popolo curdo e del movimento curdo si sono mostrati per la prima volta a İmralı e ha detto: “Le scintille del periodo di guerra che sono emerse in aprile e i commenti del Primo Ministro su ‘Non c’è una questione curda, il tavolo non c’è più’ sono iniziate dopo che le visite a Öcalan sono state interrotte di nuovo. C’è un meccanismo per una risoluzione esposto da Öcalan, sia in senso politico che complessivamente. Il fatto che oggi venga preso di mira l’HDP è prendere di mira Öcalan. Perché è un progetto che lui ha creato e il partito e il fatto che il partito sia sotto un attacco del genere è sinonimo di attaccare le idee di Öcalan. Nello scorso anno, la guerra in Kurdistan ha raggiunto un livello di annichilimento e siamo in una posizione in cui stiamo marciando verso il fascismo.”

Uysal ha concluso dicendo che l’unico modo di uscire dal periodo di guerra in Turchia e Kurdistan è mettendo fine all’isolamento imposto a Öcalan.

AMED – ANF – ELİF DOĞAN

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Libertà per Öcalan

La campagna “Libertà per Öcalan: Una soluzione politica alla questione curda” chiede al Comitato europeo per la prevenzione della tortura o dei trattamenti degradanti...

Turchia

Condanne durissime contro l’Hdp. 42 anni a Demirtas, l’unico in grado di ridare forza e unità alla sinistra turca e curda. Prima del verdetto...

Turchia

Gültan Kışanak, Ayla Akat Ata, Meryem Adıbelli, Ayşe Yağcı e Sebahat Tuncel sono di nuovo libere. Ma non si sentono veramente libere. Dopo aver...

Turchia

Sara Kaya, ex co-sindaco del distretto di Nusaybin a Mardin, è stata rilasciata dal carcere il 9 maggio dopo un lungo periodo di detenzione....