Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Diritti umani

Apppello Urgente: Peggioramento della situazione nelle carceri turche

Recentemente ci sono state diverse notizie e affermazioni nei media turchi e internazionali che una sollevazione può essere provocata nelle carceri turche per fornire al governo il pretesto e l’opportunità di eseguire un massacro programmato contro i detenuti. Noi sappiamo che il governo ha sostituito molte guardie carcerarie con forze speciali di sicurezza e ha anche trasferito  armi pesanti in alcune prigioni- armi che fino ad ora non sono mai state utilizzate contro i detenuti. Tali nuove misure e preparativi stanno sollevando domande e preoccupazioni.

A causa della crescente tensioni nelle carceri in tutto il paese, sia i detenuti che i loro familiari sono impauriti ed allarmati. Anche le informazioni che abbiamo ricevuto dagli avvocati e dalle famiglie dei detenuti indicano una grave situazione nelle carceri, dando credibilità alle affermazioni che il governo starebbe programmando di attuare alcune politiche repressive e fatali nelle carceri.

Più recentemente , il 23 novembre, 58 detenuti politici accusati di essere membri o sostenitori del PKK sono stati improvvisamente esiliati dal carcere di alta sicurezza di tipo F verso altre carceri senza nessun avviso o spiegazione. Il nostro co-presidente Selahattin Demirtaş ed il vice Abdullah Zeydanoglu sono tenuti in carcere nelle condizioni di confinamento solitario.

Facciamo appello a tutti gli organismi internazionali e le istituzioni, In primo luogo alla commissione per il Comitato europeo per la prevenzione della tortura,al Commissario per i diritti umani del Consiglio d’Europa,come pure le autorità competenti dell’Unione europea e del Parlamento europeo, di osservare, di ricercare meticolosamente, e di agire sulla grave situazione nelle carceri turche.Li esortiamo a comunicare immediatamente con il governo turco e fare in modo che la vita e la sicurezza personale dei detenuti non siano in pericolo.

Hişyar Özsoy

Vice Co-presidente di HDP Responsabile Affari Esteri
Deputato per Bingol
23 Novembre 2016

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

L’Associazione per i diritti umani ha affermato che nei primi sei mesi del 2024 si sono verificate 3.900 violazioni dei diritti nel Kurdistan settentrionale....

Turchia

Ad Amed (Diyarbakir) i sostenitori di Hüda Par stanno diventando sempre più violenti. Il partito islamista, che l’anno scorso è entrato nel parlamento turco...

Diritti umani

ŞIRNEX – Molti edifici storici saranno allagati se verrà completata la costruzione della “diga Cizre” sul fiume Tigri. Il progetto della “Diga di Cizre”...

Libertà per Öcalan

In una conferenza stampa tenutasi presso la sede del partito ad Ankara, la portavoce Ayşegül Doğan ha sottolineato le violazioni dei diritti umani nella...