Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Donne

Attacco della polizia a protesta delle donne per gli arresti dei parlamentari di HDP

La polizia ha attaccato le organizzazioni delle donne guidate dalle Assemblee delle Donne di HDP-HDK che protestavano contro gli arresti illegittimi dei e delle parlamentari HDP.La polizia turca, insofferente perfino agli slogan delle donne, ha sparato proiettili di gomma sulla folla e ha malmenato e fermato diverse persone. Le donne protestavano contro la violenza della polizia con lo slogan “Basta con la violenza di stato maschile” affermando che non avrebbero lasciato le strade e le piazze.

Le donne si sono raccolte nella piazza Kadıköy Pier seguendo l’appello delle Assemblee delle Donne di HDK-HDP di Istanbul e hanno protestato contro gli arresti dei deputati e delle deputate con canti e slogan. Le deputate HDP Pervin Buldan e Hüda Kaya e la co-portavoce dell’HDK Gülistan Kılıç hanno partecipato alla protesta delle organizzazioni delle donne, EHP, EMEP, Feminist, SODAP, Yeni Demokrat Kadın e altre hanno sostenuto la protesta. La protesta si è svolta con un blocco da parte della polizia e le donne hanno portato striscioni che recavano le foto delle politiche di HDP e DBP con le scritte “Siamo qui per nostra volontà e per il nostro futuro, stiamo resistendo. Lunga vita alla solidarietà delle donne” e manifesti con scritto “Stato, lascia in pace le donne”, “Le donne dell’HDP non sono sole”. Il messaggio delle donne era che non lasceranno che la loro volontà sia tenuta in ostaggio.

Non saremo in parlamento senza i nostri co-presidenti

Le donne hanno risposto agli annunci della polizia di “Nessuno slogan o interveniamo” gridando “Jin Jiyan Azadî”, “Lunga vita alla solidarietà delle donne”, “Vittoria attraverso la resistenza” e “Bijî Têkoşina Jinan”. Sono stati letti messaggi dalle carceri da parte delle deputate e della co-sindaca della Municiplità Metropolitana di Amed Gültan Kışanak durante la protesta e sono stati nominati tutti i deputati e tutte le deputate HDP, mentre la folla rispondeva “Non è solo/a”. La deputata HDP Pervin Buldan ha parlato tra gli slogan delle donne. Buldan ha detto che si sono riunite per i deputati e le deputate HDP che sono stati presi in ostaggio e ha inviato i suoi saluti e la sua solidarietà ai deputati e alle deputate. “Non sono in arresto, sono stati presi in ostaggio,” ha detto Buldan, sottolineando l’operazione politica condotta contro i deputati e le deputate che lottano per la pace, la fratellanza e la libertà. Buldan ha ripetuto la decisione dell’HDP di fermare l’attività parlamentare e ha detto che continuare a fare politica in un parlamento dove le politiche democratiche vengono impedite e dove non sono presenti i co-presidenti è privo di significato “Amici e amiche, non preoccupatevi ma, una Figen va, mille prendono il suo posto, un Selahattin è incarcerato, emergono mille Selahattin,” ha detto Buldan e ha affemato che la lotta continuerà nelle strade e nelle piazze, a qualunque costo. Buldan ha chiesto il rilascio dei deputati e delle deputate tenuti in ostaggio.

Non ci lasceremo intimidire difenderemo la nostra volontà

La co-portavoce dell’HDK,Gülistan Kılıç Koçyiğit, ha parlato dopo Pervin Buldan e ha detto che con la presa in ostaggio dei deputati e delle deputate HDP si voleva costringere il movimento di liberazione delle donne ad arrendersi. “Tutti i valori democratici vengono calpestati nelle persone dei deputati e delle deputate HDP” ha detto Koçyiğit e ha evidenziato che l’AKP e il Palazzo che vogliono cambiare il regime stanno cercando di far arrendere l’HDP e le donne dell’HDP perché sono il più grande ostacolo sulla loro strada. Koçyiğit ha sottolineato che loro come donne non si lasceranno intimidire di fronte a questo attacco, che non si arrenderanno e che proteggeranno la loro volontà fino alla fine.

Gli uomini intervenuti a sostegno delle donne sono stati malmenati e arrestati

Ayşe İğdeğen ha letto la dichiarazione delle organizzazioni delle donne e ha enfatizzato che il fatto che le deputate dell’HDP siano state prese prigioniere significa imprigionare i sogni di tutte le donne, il loro desiderio di una vita migliore e più libera e loro speranza per la pace. İğdeğen ha detto: “Noi rifiutiamo di essere cancellate dalle strade e dal parlamento e di tornare a casa, di essere rinchiuse. Noi donne sappiamo che la lotta per la libertà è l’unica istruzione e continueremo a essere gioiose e a resistere.”

Dopo la dichiarazione la polizia ha attaccato le donne per disperderle. La polizia è dilagata nelle strade in modo incontrollato, pestando gravemente e arrestando uomini che sostenevano le donne. La polizia ha anche attaccato la stampa che cercava di documentare la protesta e ha sparato proiettili di gomma sulla folla.

İSTANBUL – ANF

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Memet Sıddık Akış, co-sindaco eletto del comune di Hakkari, è stato arrestato questa mattina e sostituito dal governatore di Hakkari. Il fascicolo investigativo utilizzato...

Turchia

La deputata del partito DEM Ceylan Akça-Cupolo chiede un’indagine sullo sfollamento forzato della popolazione di Sur avvenuto dopo la distruzione del quartiere storico. Il...

Turchia

Condanne durissime contro l’Hdp. 42 anni a Demirtas, l’unico in grado di ridare forza e unità alla sinistra turca e curda. Prima del verdetto...

Turchia

Gültan Kışanak, Ayla Akat Ata, Meryem Adıbelli, Ayşe Yağcı e Sebahat Tuncel sono di nuovo libere. Ma non si sentono veramente libere. Dopo aver...