Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Kurdistan

La Turchia recluta 5000 nuovi guardiani di villaggio per il sudest curdo

Il governo turco ha deciso di reclutare 5000 militanti aggiuntivi noti come ” guardiani di villaggio” nel tentativo di combattere il Partito dei Lavoratori del Kurdistan (PKK) nella regione curda del sudest della Turchia. Lo ha riferito il quotidiano Habertürk.

I guardiani di villaggio, uomini etnicamente curdi pagati dal governo che sostengono lo Stato turco, sono considerati traditori dal PKK e dalla locale comunità curda in Turchia. I guardiani di villaggio hanno il diritto di portare armi, di informare sulle attività separatiste sospette e di uccidere per conto dello Stato che li ha resi una forza nella regione, mentre la critica sostiene che essi utilizzano il loro status per dirimere le questioni familiari e per impadronirsi delle terre.

In un incontro al palazzo presidenziale nella capitale Ankara il 20 ottobre, lo ha dichiarato il Ministro degli Interni Süleyman Soylu ai partecipanti all’incontro tra il presidente Recep Tayyip Erdoğan e 49 rappresentanti di ONG e e opinionisti della regione. In linea con i programmi, il personale di nuova recluta verrà ufficialmente chiamato “Guardie di Sicurezza” invece di “Guardi Permanenti” o “Guardie di Villaggio.” Ankara ha anche deciso di non adottare dalle nuove guardie una “tassa sulle armi”, più di 4000 lire turche che vengono pagate allo Stato ogni 5 anni.

Anche le indennità personali e i diritti sociali delle guardie di villaggio saranno aumentate, con la riduzione dell’età di pensionamento ridotta a 40 o 45 anni, meno dell’attuale età dei 55. Anche i famigliari dei guardiani in pensione.Secondo le nuove misure i parenti dei guardiani di villaggio in pensione saranno di ruolo.

Precedentemente il Comando generale della gendarmeria aveva deciso il 4 settembre di reclutare 1000 guardie di villaggio in più sotto i 35 anni come sergenti specialisti sottoposti all’autorità dei militari. Secondo la decisione un corpo speciale per condurre operazioni nell’est contro i militanti del PKK  doveva essere costituito con i guardiani di villaggio esistenti.

Dal luglio 2013 la Turchia ha avviato una controversa campagna militare contro il PKK nella regione curda del sud est dopo che Ankara aveva posto a termine un accordo di cessate il fuoco di due anni. Dall’inizio della campagna, Ankara ha imposto diversi coprifuoco , impedendo ai civili di lasciare le regioni dove le operazioni venivano condotte. Osservatori affermano che la repressione ha comportato un tributo importante dalla popolazione civile curda e accusano la Turchia di utilizzare punizioni collettive contro la minoranza.

Attivisti hanno accusato le forze di sicurezza di causare enormi distruzioni ai centri urbani e di uccidere civili curdi. Ma il governo sostiene che le operazioni sono essenziali per la pubblica sicurezza, incolpando per i danni il PKK.

Il PKK ha preso le armi nel 1984 contro lo Stato turco, che ancora nega l’esistenza costituzionale dei curdi, per spingere per una maggiore autonomia per la minoranza curda che costituisce circa 22.5 milioni della popolazione del paese. Un ampia comunità curda nel paese e nel mondo simpatizza per i ribelli del PKK.

Fonte: Hürriyet Daily News

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Memet Sıddık Akış, co-sindaco eletto del comune di Hakkari, è stato arrestato questa mattina e sostituito dal governatore di Hakkari. Il fascicolo investigativo utilizzato...

Turchia

La deputata del partito DEM Ceylan Akça-Cupolo chiede un’indagine sullo sfollamento forzato della popolazione di Sur avvenuto dopo la distruzione del quartiere storico. Il...

Turchia

Condanne durissime contro l’Hdp. 42 anni a Demirtas, l’unico in grado di ridare forza e unità alla sinistra turca e curda. Prima del verdetto...

Turchia

Gültan Kışanak, Ayla Akat Ata, Meryem Adıbelli, Ayşe Yağcı e Sebahat Tuncel sono di nuovo libere. Ma non si sentono veramente libere. Dopo aver...