Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Kurdistan

Dettagli sull’incontro di Öcalan con suo fratello a İmralı l’11 settembre

Mehmet Öcalan ha detto che suo fratello Abdullah Öcalan ha fatto valutazioni significative sui più recenti sviluppi in Turchia e in Kurdistan durante il loro recente incontro sull’isola carcere di İmralı Island all’inizio del mese.Mehmet Öcalan ha parlato con ANF rispetto ai messaggi dati da suo fratello, il leader del popolo curdo Abdullah Öcalan, con il quale si è incontrato l’11 settembre dopo mesi di divieti nell’ambito dell’isolamento che gli è stato imposto in linea con le politiche di guerra perseguite dall’AKP / Palazzo contro i curdi.

Mehmet Öcalan ha detto che il leader curdo non poteva incontrarlo quando finalmente gli è stato permesso di accedere a İmralı l’11 settembre. Secondo Mehmet Öcalan, al leader curdo nei loro precedenti incontri nel corso di 18 anni servivano solo 5 minuti per arrivare sul posto, ma questa volta è arrivato a vedere suo fratello 30-40 minuti più tardi, dopo essere stato convinto dall’amministrazione del carcere.

Öcalan ha detto che suo fratello era davvero furioso per via degli ultimi sviluppi, aggiungendo: “Avevo già capito che non voleva uscire per la visita. L’amministrazione del carcere lo ha avvicinato per parlargli e sono riusciti a convincerlo nel giro di 30-40 minuti. Altrimenti non mi avrebbe incontrato. Quando mi ha visto le sue prime parole sono state: “Bene, sei venuto, ma le mie parole saranno troppo pesanti da portare per te. Potresti fare del male a te stesso o a me. Questo perché ti dirò la verità e non sarei venuto qui se fossi stato al tuo posto. Quando gli ho detto di essere venuto su richiesta della popolazione ha detto che lo sapeva e che lo capiva.”

Mehmet Öcalan ha citato il leader curdo che ha detto quanto segue: “Sono un democratico e un rivoluzionario. Non mi arrenderò allo Stato né a nessun altro, anche a costo di dover stare qui per altre dozzine di anni. Posso continuare a vivere in questo modo fino alla fine della mia vita senza fare un solo sospiro. Sono chiaro su questo argomento.”

Mehmet Öcalan ha detto che suo fratello gli ha parlato con rabbia per 50 minuti e che tutte le sue parole sono state sul movimento curdo e lo Stato, ma non su individui. Öcalan ha detto che: “Sia lo Stato che il nostro movimento vengono qui quando sono a punto morto. Questo non è accettabile.”

Mehmet Öcalan ha detto che questa è stata la prima volta che ha visto suo fratello così arrabbiato, furioso e indignato durante gli incontri sull’isola negli scorsi 15 anni.

Mehmet Öcalan ha riferito che il leader curdo ha detto quanto segue sul tentativo di golpe del 15 luglio: “Ho ripetutamente messo in guardia rispetto a probabilità simili al golpe fino a quando la questione curda resterà irrisolta. La strada verso colpi di stato e simili tentativi resterà sempre aperta se la questione curda non viene risolta e non viene costruita una Turchia democratica. Simili colpi di stato e tentativi verranno inscenati da varie persone se questo vuoto non viene riempito. L’attuale ambiente in Turchia è sempre conveniente per colpi di stato e ho parlato ai funzionari dello Stato dozzine di volte di questa realtà. Non fa differenza chi inscena questi golpe e questi potranno cambiare, ma la questione principale è che il meccanismo di golpe ci sarà sempre a tutti gli effetti.”

Secondo suo fratello, i messaggi di, Öcalan si sono focalizzati sulle istituzioni e strutture curde piuttosto che sulla popolazione e ha detto quando segue sulle osservazioni di Öcalan sulla distruzione di città curde e villaggi curdi durante la resistenza di autogoverno da parte della popolazione:

“Il leader ha descritto l’autogoverno come una realtà, fatto valutazioni complessive ed espresso critiche. Sta seguendo gli sviluppi in Kurdistan, Turchia e nel Medio Oriente meglio di tutti noi. Monitora e valuta sia il processo che l’agenda meglio di noi nonostante i mezzi ristretti. Sa molto bene chi ha fatto cosa. Ha chiesto ‘Perché non avete potuto salvare Mehmet Tunç quando ha detto di essere circondato, bloccato e che il tempo stava per finire.”

Abdullah Öcalan ha anche fatto commenti sulla rivoluzione del Rojava dicendo quanto segue: “Non avevamo né armi né soldi quando io e alcuni amici siamo andati nel Rojava. Non avevamo nessun altro accanto a noi. Non avevamo niente ma siamo riusciti a fare cose enormi sotto il governo di Hafez Assad che era un nome influente nel Medio Oriente. Abbiamo fatto conoscere i curdi al mondo nel Rojava. Come parte della rivoluzione del Rojava, gli USA e il PYD fino a poco tempo fa si sono scambiati sostegno contro ISIS. Tuttavia gli USA hanno invitato lo Stato turco nel Rojava attraverso Jarablus qualche settimana fa. Questo deve essere analizzato molto bene. Immagino che gli USA hanno seguito una strategia del genere per indebolire sia i curdi sia i turchi a questo punto. I turchi non sarebbero stati in grado di entrare a Jarablus se gli USA non lo avessero voluto. Il loro obiettivo e di fare in modo che le due parti si affrontino qui. Abbiamo formato la base del movimento di oggi nel Rojava quando siamo andati lì senza armi e denaro. Siamo riusciti in questo avanzando passo per passo. Le conquiste ottenute nel Rojava oggi sono i risultati del progetto che avevamo rivelato anni fa. Il Rojava oggi ha una forza armata di 50mila combattenti. Se non sarà in grado di salvare se stesso oggi, quando altro potrà farlo? Cosa posso fare a questo punto?”

Mehmet Öcalan ha riferito che il leader curdo ha detto quanto segue per quanto riguarda la nomina di amministratori fiduciari nella municipalità del DBP: “Le municipalità non sono in grado di opporsi a questo sistema se non si integrano con la popolazione. Vorrei che i nostri amministratori eletti nelle municipalità lo avessero fatto, ma temo che non ci siano riusciti. Ora ci sarà solo un po’ di resistenza contro i fiduciari per un po’ di tempo, ma questo resterà inadeguato. Questa gente ha preso parte all’amministrazione di molte strutture in Kurdistan, ma cosa hanno fatto finora? Se le municipalità non sono riuscite a integrarsi con la popolazione e se la gente non è accorsa verso i municipi a migliaia e decine di migliaia dopo la nomina dei fiduciari, allora questo significa che le municipalità non hanno fatto il loro dovere. Questo è inaccettabile. Le municipalità sono le posizioni dove abbiamo vinto con la nostra volontà e ora vengono sequestrate e di fronte a questo restano muti e sordi. Non hanno potuto realizzare i loro progetti. Le municipalità sono state trasformate in sistema di fabbrica e gli impiegati sono presenti solo per avere la pensione. Non cedete le vostre municipalità. Accorrete verso i municipi a migliaia e proteggeteli. Non ci sarà niente da fare una volta che le avrete perse. La vostra volontà viene sequestrata e starete solo a guardarvi perderla per via della vostra incapacità di integrarvi con la popolazione.”

Mehmet Öcalan ha detto che il leader curdo ha anche condiviso le sue idee rispetto alla fine del processo di risoluzione della questione curda che era stato iniziato con il manifesto dichiarato ad Amed in occasione del Newroz del 2013. Il leader curdo a questo proposito ha detto questo segue: “Lo Stato ha messo fine al processo dopo l’accordo raggiunto a Dolmabahçe il 28 febbraio. Non siamo stati noi, ma lo Stato che ora è governato da Erdoğan e dal suo AKP, a rovesciare il tavolo dei negoziati. Durante il nostro ultimo incontro la delegazione statale mi ha detto che sarebbero ritornati sull’isola a parlarmi 15 giorni dopo l’accordo annunciato a Dolmabahçe. Tuttavia poi hanno fatto saltare il tavolo. Li ho aspettati ma non sono venuti. Non abbiamo avuto colpe durante il processo di risoluzione e avremmo potuto fare qualsiasi cosa se fosse stato necessario. Se lo Stato avesse concordato sul mantenere in corso il processo ci saremmo assunti le nostre responsabilità una per una.”

Secondo Mehmet Öcalan il leader curdo ha detto che lui e gli altri 3 internati nel carcere di İmralı hanno parlato e si sono scambiati opinioni rispetto alla risoluzione e che attualmente hanno lavorato a un progetto in proposito. Conseguentemente Abdullah Öcalan ha detto che: “Se lo Stato è pronto può mandare due persone e possiamo iniziare i negoziati. Siamo pronti per questo. A parte questo, tutti possono fare ciò che vogliono, non ho paura dello Stato. Possono giustiziarmi qui, ma mai impossessarsi della mia volontà.”

 

HASAN YOLDAŞ

 

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

MERSİN – Intervenendo all’incontro delle donne, la politica curdo Sebahat Tuncel ha sottolineato che la pratica del fiduciario è diventata un regime e colpisce...

Iraq

ll dottor Kamuran Berwarî ha affermato che la Turchia sta prendendo di mira l’invasione con attacchi nella regione federata del Kurdistan e ha affermato:...

Libertà per Öcalan

L’isolamento del leader del PKK Abdullah Öcalan sarà oggetto di discussione in una conferenza che sarà organizzata nell’ambito della 56a sessione sui diritti umani...

Turchia

Memet Sıddık Akış, co-sindaco eletto del comune di Hakkari, è stato arrestato questa mattina e sostituito dal governatore di Hakkari. Il fascicolo investigativo utilizzato...