Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Retekurdistan.it | 26 aprile 2019

Seleziona una pagina:
Scroll to top

Top

Nessun commento

Campagna contro la  censura di Twitter sugli account dei media  curdi

Campagna contro la  censura di Twitter sugli account dei media  curdi

15 agosto 2016


I media curdi hanno sottolineato che: “Se Twitter insiste sulle sua decisione di applicare la censura sugli account curdi, boicotteremo Twitter disattivando centinaia di migliaia di profili di account Twitter contemporaneamente”.I media curdi hanno rilasciato una dichiarazione condannando il recente aumento dei divieti degli account dei media e di giornalisti curdi.

La dichiarazione afferma:

“Durante lo scorso anno, i territori del Medio Oriente hanno assistito ad un aumento delle politiche autoritarie del regime dell’AKP in Turchia.Queste tendenze autoritarie sono state accompagnate da politiche orientate alla guerra sia in Turchia che nei territori del Medio Oriente.Per consolidare il proprio stato autoritario, il regime dell’AKP sta anche intervenendo sulla comunicazione su vari canali informativi come principale strumento.Per fornire un caso, i principali media turchi hanno raffigurato il massacro di 34 contadini curdi da parte dell’esercito turco come una mossa legittima, e il principale quotidiano e la principale trasmissione hanno affermato che questi contadini stavano contrabbandando con la sottile implicazione che meritavano di essere uccisi dall’esercito turco.

Da luglio 2015 lo Stato turco ha distrutto diverse città curde come Cizre e Gever, Nusaybin, Sirnak, e Sur. Le forze di sicurezza dello Stato turco hanno anche assassinato centinaia di civili curdi, inclusa una neonata di 3mesi,  Miray, a Cizre.Tuttavia i media di massa turchi hanno ignorato questi eventi e sono rimasti completamente fedeli allo Stato turco, che ha commesso decine di gravi crimini di guerra in un anno.IMC TV, un canale televisivo che ha documentato i crimini di guerra dello stato curdo nella regione, è stato escluso illegalmente dal servizio satellitare nel febbraio 2016.

In questo contesto, i curdi possono ottenere informazione affidabile solo da alcuni media filo curdi, e da ciò che è rimasto da operatori affidabili dei media di opposizione in Turchia.Così sempre di più, i curdi e altri oppositori in Turchia hanno cominciato a fare affidamento ai sociale media( Twitter e Facebook) per avere informazioni attendibili.Tuttavia lo Stato turco sta tentando di tagliare il flusso di informazioni anche da questi canali.

Per esempio, 103 account filo Twitter, inclusi quelli del giornalista Amed Dicle e del Partito Democratico delle Regioni sono rifiutati in Turchia.

La nostra richiesta a Twitter è di smettere di essere parte di un regime di censura in Turchia.Gli amministratori di Twitter dovrebbero sostenere la libertà di informazione e di espressione , piuttosto che essere un rafforzamento  di un regime autoritario.

Continueremo a dare voce alla nostra richiesta di libertà di espressione e a far sentire la nostra voce con l’hastag #TurkeyBansTwitterAccounts.

Se Twitter insiste sulla sua decisione di applicare la censura su questi account, noi boicotteremo Twitter deattivando centinaia di migliaia di account Twitter contemporaneamente.I media liberi non possono essere ridotti al silenzio.

Gli account bloccati di giornalisti, giornali e partiti includono:

@_DBPGenelMerkez

@ANFKURDi

@AmedDicleeT

@kcd_dtk

@OzgurrGundem


Inserisci un commento