Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Kurdistan

Inserito nella legge omnibus articolo che confisca le municipalità gestite dal DBP

Con gli emendamenti nella proposta di legge omibus presentate al parlamento, il governo dell’AKP metterà in azione il piano per confiscare le municipalità e le proprietà delle popolazioni.Il governo dell’AKP ha trasformato il tentativo di colpo di stato e lo stato di emergenza a proprio vantaggio.Rimodellando lo stato attraverso decreti legge che hanno deliberato sulla base delle leggi dello stato di emergenza, il governo dell’AKP vuole fare passare diverse leggi che avevano rinviato con l’ultima legge omibus che sta presentando al parlamento.

La legge omnibus propone anche cambiamenti alla legge delle municipalità.Secondo ciò, nel caso che il sindaco, il vice sindaco, o i membri del consiglio “Commettono uno dei crimini di terrorismo” il Ministro degli Interni o il governatore saranno in grado di nominare qualsiasi persona in grado di assolvere ai requisiti per essere designata come sindaco, vice sindaco, o membro del consiglio.In questo modo le persone elette saranno sostituite da persone designate arbitrariamente, e la volontà della popolazione verrà ignorata.

Il cambiamento proposto per l’articolo 52 della legge sulle municipalità sia aggiunge ai precedenti cambiamenti.Secondo questo, il sindaco, il vice sindaco o i membri del consiglio che saranno rimossi dall’ufficio a causa di accuse di ” soccorso e favoreggiamento del terrorismo” saranno sostituiti dal Ministro degli Interni nelle municipalità metropolitane e provinciali, e dal governatore nelle altre, entro 15 giorni anche se erano stati precedentemente eletti dal consiglio. La legge omnibus regola anche l’articolo 563 della legge sulle municipalità.In base a questo  Nei casi di “gestione della neve, eventi di terrore e violenza, e altri simili casi in cui è necessario un intervento immediato”,i comuni saranno considerati non adempienti ai loro doveri e saranno dimesso dal Ministero degli Interni.

Tentativi di eliminare il DBP nelle municipalità gestite dal DBP

I cambiamenti proposti alla legge delle municipalità sono ampiamente considerati come “un colpo di stato contro la volontà popolare” e ” pratiche in tempo di golpe”, e sono considerati un tentativo di rimuovere il DBP dalle municipalità gestite dal DBD e costringerli alla resa.

Il governo dell’AKP da il potere al Ministro degli interni di confiscare tutte le proprietà appartenenti alle istituzioni pubbliche e di altri soggetti giuridici pubblici,comprese le amministrazioni provinciali speciali e i comuni, per “motivi di sicurezza”.

Questo significherà che le proprietà appartenenti a tutte le istituzioni pubbliche nelle città curde e altri spazi urbani di opposizione, saranno consegnati al Ministero degli Interni.La modifica proposta mira a legalizzare la confisca illegale delle istituzioni pubbliche ancora in piedi nelle città curde rase al suolo.

Il Ministero sarà l’unica autorità

I disegno di legge omibus propone modifiche anche all’indennizzo di compensazione  dei danni e del terrore della legge antiterrorismo.Il Consiglio dei Ministri ed il Ministro dell’Ambiente e dell’Urbanizzazione  saranno l’unica autorità in tutti i processi che coinvolgono l’abbattimento degli immobili, l’evacuazione, la nuova pianificazione urbana, i progetti di infrastrutture , la concessione di licenze e la costruzione senza la necessità di chiedere il consenso dei proprietari degli immobili danneggiati nelle zone ritenute a “rischio”.Anche le amministrazioni locali saranno completamente tagliate fuori da questi processi. L’attuale legge prevede che se i proprietari della struttura non possono essere raggiunti la costruzione attenderà fino a quando si sarà ottenuto il loro consenso, ma le modifiche proposte rimuovono questo.

ANF

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Condanne durissime contro l’Hdp. 42 anni a Demirtas, l’unico in grado di ridare forza e unità alla sinistra turca e curda. Prima del verdetto...

Turchia

Gültan Kışanak, Ayla Akat Ata, Meryem Adıbelli, Ayşe Yağcı e Sebahat Tuncel sono di nuovo libere. Ma non si sentono veramente libere. Dopo aver...

Turchia

Sara Kaya, ex co-sindaco del distretto di Nusaybin a Mardin, è stata rilasciata dal carcere il 9 maggio dopo un lungo periodo di detenzione....

Turchia

Un gruppo di 159 accademici, scrittori, parlamentari e avvocati ha chiesto il rilascio delle persone imprigionate nel processo di Kobanê e ha affermato: “Questo...