Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Interviste

Gli avvocati di Öcalan: Con lo stato di emergenza tutta la Turchia è come İmralı

İbrahim Bilmez,uno degli avvocati di Öcalan ha affermato che il divieto di visita e di comunicazione non è mai stato così rigoroso come oggi, anche nel periodo del colpo di stato del 12 settembre. Bilmez ha dichiarato che tutta la Turchia è stata trasformata in Imrali con lo stato di emergenza.Oggi ricorre il quinto anno di diniego al leader del curdo Abdullah Öcalan di vedere i suoi avvocati. Gli avvocati dello studio legale Asrın a cui non è stato consentito di vedere il loro cliente dal 27 luglio 2011, sono preoccupati sulla situazione generale ii merito a Öcalan.

İbrahim Bilmez,uno degli avvocati di Öcalan, è intervenuto con ANF e ha affermato che milioni di persone seguono la condizione di salute e la situazione generale di Öcalan, le preoccupazioni si sono approfondite e le tensioni sociali sono aumentate quando nessuno ha avuto notizie di lui.Bilmez ha sottolineato che il divieto di comunicazione e di visita emesso dal giudice di esecuzione di Bursa riguardante il loro cliente e ed altri detenuti a Imrali, è arbitrario e che tale situazione non è stata vissuta nemmeno nel periodo del colpo di stato del 12 settembre.

Dichiarando che la situazione illegale a Imrali è stata posta in essere nell’intera Turchia con la dichiarazione dello stato di emergenza, Bilmez ha dichiarato : “L’intero paese è diventato İmralı con la dichiarazione dello stato di emergenza.”

Si dice che uno degli obiettivi dei militari nel tentativo di colpo di stato era il carcere di Imrali.Sei stato in grado di ottenere informazioni sulla situazione generale di Öcalan?

Io ero all’aeroporto di Sabiha Gökçen quando è partito il tentativo di colpo di stato.Sono stato in grado di raggiungere un posto sicuro alle 4 di mattina, ed ho incominciato a chiamare Imrali alle 8.00 per avere informazioni di. Öcalan. Dal momento che diamo per scontato che sarebbe stato impossibile che i golpisti, che hanno bombardato il parlamento e che hanno assediato le città,che non avevano pensato a Öcalan.Così eravamo profondamente preoccupati.Ci siamo organizzati per raggiungere il direttore del carcere nel pomeriggio dopo chiamate inarrestabili.Il direttore aveva dichiarato che non c’erano problemi ad Imrali, e che Öcalan stava bene, e che se ci fosse stato un problema, lui non era in gradi di parlare al telefono con noi.Naturalmente questa spiegazione non era sufficiente per le nostre preoccupazioni, e questa preoccupazione in ogni caso non era solo nostra.Come sapete milioni di persone seguono la condizione di saluta e a situazione generale di  Öcalan, e l a preoccupazione si approfondisce e le tensioni socilai aumentano quando non possono sentirlo.Specialmente dopo tale tentativo di colpo di stato, la gente era allarmata e preoccupata persino di più di quando non possono avere informazioni, questa è una legittima preoccupazione.

Essi stanno cercando di legittimare l’isolamento con l’ordinanza del giudice di esecuzione

Sei stato in grado di incontrare la sua famiglia?

Certamente,lo abbiamo fatto.Loro ci hanno chiamato immediatamente dopo il tentativo di colpo di stato e hanno carcto di avere informazioni sulla situazione di Öcalan.Ci siamo rivolti ogni giorno ripetutamente all’Ufficio del capo del Pubblico Ministero dopo il tentativo di colpo di stato,sia per le visite della famiglia che degli avvocati.Ma tutte sono state rifiutate.Nel frattempo la Delegazione di Imrali  ha contattato il Ministero della Giustizia per avere informazioni sulla situazione di Öcalan,ma erano state date solo spiegazioni dicendo che la sua salute era buona.Purtroppo noi siamo in una posizione dove non possiamo credere allo stato, i membri della Cemaat accusati di avere messo in scena il colpo di stato, avevano utilizzato precedeentemente gli apparati della magistratura.

Essi erano i giudici,i pubblici ministeri ,i burocrati di questo stato e ci hanno costantemente mentito. Perciò queste legittime preoccupazioni devono essere affrontate immediatamente.

Primo,deve essere garantito il diritto legale della famiglia e degli avvocati di incontrarsi con Öcalan.Anche se questo non avviene, il nostro cliente deve essere in grado di esercitare il suo diritto di comunicazione e di telefonare alla sua famiglia, o di scrivere una nota di suo pugno sul suo benessere.Le gente è veramente preoccupata.

Vi siete rivolti al giudice di esecuzione come avvocati.Cosa è emerso?

Ci siamo rivolti al giudice di esecuzione un giorno prima che lo stato di emergenza venisse deliberato.Ma l’Ufficio del giudice di esecuzione di Bursa ha ordinato un divieto sulle visite e le comunicazioni per il nostro cliente Öcalan e gli altri detenti alla velocità della luce.

In ogni caso non sono stati preclusi questi diritti arbitrariamente?

Si lo sono stati.Così stanno cercando di legittimare questo divieto di fatto scrivendoli rispetto alla legge.Ma gli articoli che hanno utilizzato quando hanno ordinato questo divieto sono assolutamente sbagliati.Gli articoli 114 e 115 del codice penale che hanno utilizzato dicono che le visite e  le comunicazioni degli arrestati sono  per garantire la sicurezza delle inchieste giudiziarie in corso.Ma il nostro cliente e le altre persone in corso sono già state condannate, non hanno in corso indagini o azioni penali.Perciò il decreto emesso dal giudice di Bursa è davvero bizzarro.Abbiamo presentato ricorso ieri al tribunale di Bursa, adesso stiamo attendendo la loro riposta.Se anche la risposta è negativa, porteremo la questione alla Corte Costituzionale.Abbiamo già presentato un reclamo presso la Corte Costituzionale per un’ingiunzione il 20 Luglio 2016 in quanto non siamo in grado di  incontrare il nostro cliente.

Il CPT può condividere il rapporto solo con l’approvazione del governo

Il CPT effettuato un’indagine in Imrali 3 mesi fa, ma ancora non hanno rilasciato la relazione da essi predisposta. Che cosa pensi che sia?

Abbiamo informato il CPT della situazione di Öcalan per un lungo periodo.Abbiamo mandato rapporti occasionali, e qualche volta ci siamo incontrati.A seguito di questi incontri, il CPT ha visitato Imrali 3 mesi fa, ma loro non hanno ancora rilasciato il loro rapporto su quella visita.Prima di tutto dobbiamo spiegare cosa è il CPT all’opinione pubblica.il CPT non è una ONG, è un organismo del Consiglio d’Europa.Questo ha dei vantaggi e degli svantaggi.Il vantaggio è che essi possono visitare qualsiasi prigione in Turchia senza preavviso o permesso, questo è il modo come hanno visitato Imrali 6 volte precedentemente.Lo svantaggio è, ogni stato membro ha un rappresentante nel CPT.Per esempio la Francia ha un rappresentante, la Russia ha un rappresentante- e la Turchia ha un rappresentante.In questo senso possiamo dire che il CPT èun istituzione con riflessi politici.Il CPT ha una procedura operativa.Per rilasciare un rapporto su una visita, essi fanno sapere al governo turco della situazione determinata e danno loro il tempo per rispondere.Possono pubblicare il rapporto solo se il governo turco da loro il permesso.In tutte le cinque visite precedenti il governo ha dato il permesso ed è così che i rapporti sono stati in grado di essere pubblicati.

Vi siete rivolti al CPT dopo il tentativo di solpo di stato?

Si ci siamo rivolti ancora al CPT il 20 luglio 2016, e li abbiamo informati dell’attuale situazione.Abbiamo detto loro che c’è stato un tentativo di colpo di stato in Turchia, e che c’era caos, e che eravamo preoccupati per la sicurezza del nostro cliente Öcalan. Abbiamo spiegato che il paese stava attraversando un processo straordinario, e che i reclami di tortura erano aumentati in tutte le carceri in Turchia, e abbiamo richiesto che essi conducano ancora una indagine a Imrali.

Invito alla consapevolezza dell’opinione pubblica

Sono previste altre considerazioni per rompere l’isolamento diverse dagli appelli di routine?

Questo caso è stato avviato in base al sistema giudiziario turco,i processi si sono svolti, ma anche la Corte Europea ha dichiarato che al nostro cliente non è stato garantito un processo equo.Il signor Ocalan è stato consegnato alla Turchia, è stato sottoposto a processo, ed ha ricevuto prima una condanna a morte e poi la pena è stata ridotta a ergastolo aggravato.Tutto questo non è separato dalla questione curda.Questo è un processo politico, perciò la soluzione di questo processo è direttamente legata alla questione curda.Come avevo detto prima, il popolo curdo è veramente consapevole di questa questione e sono profondamente preoccupati a seguito del colpo di stato.Francamente vogliamo esprimere che ci aspettiamo ancora maggiore consapevolezza dall’opinione pubblica.

Solo i golpisti avrebbero fatto questo

Hanno detto che il colpo di stato è stato respinto e che la democrazia ha vinto.Ma hanno dichiarato lo stato di emergenza.Non è una contraddizione?

Si sembra che come colpo di stato sia stato diffuso, da diversamente, nel luogo attuale in cui ci troviamo, possiamo dire che sembra che l’AKP ha messo in scena un colpo di stato.Perchè il governo sta eliminando tutti i gruppi che vede come nemici, hanno lasciato migliaia di persone senza lavoro e dopo li hanno arrestati.Lo stato di emergenza dovrebbe essere normalmente dichiarato dalle persone che hanno messo in scena il colpo di stato, ma questo è stato direttamente l’opposto.Cosi il colpo di stato è stato diffuso, ma lo stato di emergenza è stato dichiarato.Il decreto legge rilasciato nell’ambito di questo stato di emergenza ha innalzato il periodo di detenzione a 30 giorni.questa è una cosa che solo i golpisti possono fare in questo paese.I 30 giorni di detenzione sono un invito alla tortura.In ogni caso assumendo le dichiarazioni della gente dovrebbero essere al massimo 3/4 giorni al massimo.

La situazione illegale di Imrali diffusa in tutta la Turchia

Ad oggi, non siete stati in grado di incontrare il cliente Ocalan esattamente per cinque anni. Che cosa intende dire su questo?

Con la dichiarazione dello stato di emergenza, alle persone arrestate per essere “parallelisti” [membri di una presunta “struttura parallela dello stato] non è stato permesso di incontrarsi con i loro avvocati. per 12 giorni.Poiché questo periodo si allunga, ambienti del diritto rimangono stupiti e cominciano a chiedere, “Come è possibile che essi non sono stati autorizzati a vedere i loro avvocati?”.Bene questo è quello che abbiamo affrontato esattamente per cinque anni.Tale situazione non era presente nemmeno nel periodo del colpo di stato del 12 settembre.E la parte peggiore è che non hanno permesso a noi avvocati di vedere Öcalan durante il processo di risoluzione democratica.Chiediamo che Ocalan sia sottoposto immediatamente al normale diritto  esia in grado di vedere i suoi avvocati.Il signor Ocalan ha affermato innumerevoli volte durante il processo di risoluzione, negli incontri sia con lo Stato e la commissione, che se il processo sarebbe fallito, il meccanismo del colpo di stato sarebbe andato in moto.Aveva ragione, di nuovo.Questo è il motivo per cui il processo di risoluzione “congelato”ha bisogno di ripartire.La Turchia attualmente può trasformare questo colpo di stato in un opportunità.n questo momento, la situazione illegittima a Imrali  si è diffusa in tutta la Turchia. Tutta la Turchia è trasformata in Imrali.

Nel 2005 le leggi erano state cambiate per Öcalan,essi hanno iniziato a registrare il rapporto tra avvocato e cliente a Imrali, per la prima volta gli avvocati di Öcalan sono stati banditi dalla professione, e per la prima volta gli avocati dei Öcalan sono stati arrestati.Ma oggi, con lo stato di emergenza, vediamo che nel 2016 queste pratiche arbitrarie si sono diffuse in tutta la Turchia.

 

ISTANBUL – ANF – ZEYNEP KURAY

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Libertà per Öcalan

La campagna “Libertà per Öcalan: Una soluzione politica alla questione curda” chiede al Comitato europeo per la prevenzione della tortura o dei trattamenti degradanti...

Turchia

Condanne durissime contro l’Hdp. 42 anni a Demirtas, l’unico in grado di ridare forza e unità alla sinistra turca e curda. Prima del verdetto...

Turchia

Gültan Kışanak, Ayla Akat Ata, Meryem Adıbelli, Ayşe Yağcı e Sebahat Tuncel sono di nuovo libere. Ma non si sentono veramente libere. Dopo aver...

Turchia

Sara Kaya, ex co-sindaco del distretto di Nusaybin a Mardin, è stata rilasciata dal carcere il 9 maggio dopo un lungo periodo di detenzione....