Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Kurdistan

Licê: Proclamato il coprifuoco in 13 villaggi

Bakur/Kurdistan del nord – A Licê, una provincia che fa parte di Amed, con nemmeno 27.500 abitanti, dei quali la metà vive nella capitale della provincia, è stato di nuovo proclamato il coprifuoco. Ne sono colpiti 13 villaggi. Un’operazione militare nel nord di Licê è stata usata come pretesto. Con la proclamazione del coprifuoco è vietata sia l’uscita che l’ingresso delle località. I villaggi colpiti sono: Dizdeynî  (Yamaçlı köyü), Xosor (Yalımlı köyü), Büyükçağ köyü, Şaxur (Saydamlı köyü), Karıncax (Bayırlı köyü), Seyrek köyü, Yeşilburç köyü, Konuklu köyü, Mızak (Kılıçlı köyü), Zengesor (Akçabudak köyü), Heşeder (Ulucak köyü), Hendif (Yorulmaz köyü), Barav (Baharlar köyü).

Con l’inizio del coprifuoco la piana di Licê è stata bombardata dal cielo per 3 ore. Nel villaggio di Hamzabey, che non compare nella lista dei villaggi colpiti dal coprifuoco, i bombardamenti dell’aviazione turca hanno distrutto alcune case. Per impedire eventi più gravi scudi umani si sono avviati verso il territorio e ci sono rimasti fino a sera.

ANF, 19.06.2016, ISKU

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Memet Sıddık Akış, co-sindaco eletto del comune di Hakkari, è stato arrestato questa mattina e sostituito dal governatore di Hakkari. Il fascicolo investigativo utilizzato...

Turchia

La deputata del partito DEM Ceylan Akça-Cupolo chiede un’indagine sullo sfollamento forzato della popolazione di Sur avvenuto dopo la distruzione del quartiere storico. Il...

Turchia

Condanne durissime contro l’Hdp. 42 anni a Demirtas, l’unico in grado di ridare forza e unità alla sinistra turca e curda. Prima del verdetto...

Turchia

Gültan Kışanak, Ayla Akat Ata, Meryem Adıbelli, Ayşe Yağcı e Sebahat Tuncel sono di nuovo libere. Ma non si sentono veramente libere. Dopo aver...