Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Kurdistan

Bayık: Non combattiamo più come una volta, tutti lo vedranno

Il co-presidente del Consiglio Esecutivo dell’Unione delle Comunità del Kurdistan KCK Cemil Bayık ha dichiarato che non combattono più come facevano una volta e che tutti presto lo vedranno chiaramente.Il co-presidente del Consiglio Esecutivo dell’Unione delle Comunità del Kurdistan KCK Cemil Bayık ha parlato con Ronahi TV e ha espresso valutazioni sulla crisi siriana, gli sviluppi nel Rojava e la guerra nel Kurdistan del nord. Bayık ha affermato che non combattono più come facevano una volta e che tutti presto lo vedranno chiaramente.

Rispetto all’operazione Manbij, Bayık ha commemorato il comandante di Shams Al-Shamal Faysal Abu Layla caduto durante l’operazione e ha detto che l’unico modo per rendere immortali i martiri è di portare a termine l’operazione con successo, cosa di cui dice che avverrà molto presto.

Efrin e Shahba  vanno inclusi nella federazione della Siria del Nord

Bayık ha affermato che la lotta nel Rojava è per l’umanità e avrà un grande impatto sul mondo, perché la crisi nel Medio Oriente si sta incentrando sempre di più intorno al Rojava. Bayık ha detto che la rivoluzione nel Rojava è un grande successo politico nonostante i suoi limiti e non può dare frutti se non viene integrata in una rivoluzione sociale che, dice, richiede un cambio di mentalità. Enfatizzando il bisogno di coinvolgere tutto il nord della Siria – compresi Efrin e Shahba- nella Federazione della Siria del Nord, Bayık ha sottolineato che questa federazione non mira ad uno Stato, ma alla formazione di un sistema democratico e alla protezione dell’unità della Siria.

“Tutti tra TRA Kobane ed Efrin devono essere liberati 

Nella sua risposta a una domanda sul perché l’operazione per liberare Jarablus è stata rinviata, Bayık ha detto che l’operazione a Manbij è un passo per la liberazione di Jarablus e che tutta la zona tra Kobanê e Efrin deve essere liberata.

Bayık ha messo in evidenza che la Turchia vuole infliggere un colpo alla rivoluzione del Rojava prendendo il controllo della regione di Jarablus tramite forze che agiscono per procura e che l’obiettivo della Turchia di prevenire l’unione tra Kobanê e Efrin fallirà proprio come le altre politiche della Turchia in Siria. Bayık ha ricordato che la Turchia ha sostenuto e armato gruppi jihadisti che agiscono per procura in Siria e enfatizzato la necessità di risolvere i problemi della Siria in Siria e non all’estero.

Relazioni AKP KDP

Il co-presidente del Consiglio Esecutivo della KCK Bayık ha toccato le relazioni AKP-KDP e affermato che tutti coloro che hanno una coscienza possono vedere che Erdoğan è il nemico di tutti i curdi nelle diverse parti del Kurdistan. Bayık ha detto che coloro che descrivono Erdoğan come uno che va bene per il popolo curdo è un complice dei crimini di Erdoğan.

Abbiamo fatto alcuni cambiamenti e non combattiamo più come facevamo prima

Bayık ha affermato che Erdoğan sta violando la legislazione nazionale e internazionale nel Kurdistan del nord per restare al potere e che il piano di Erdoğan di bloccare il movimento curdo si è rivoltato contro di lui. In risposta a una domanda su se ci saranno negoziati con l’AKP, Bayık ha detto che questo non può succedere ora perché Erdoğan vuole sterminare il popolo curdo.

Infine Bayık ha affermato che non combattono più come facevano e che tutti presto lo vedranno chiaramente e ha fatto appello al popolo curdo perché accresca la lotta e rafforzi la sua unione.

NEWS DESK – ANF

 

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Diritti umani

Sono passati 14 anni dall’omicidio di Ceylan Önkol, il cui corpo smembrato era avvolto in foglie di quercia. Anche se i responsabili di Ceylan...

Turchia

Il segretario organizzativo dell’Unione dell’Istruzione Tahir Çetin, che ha affermato che il governo impone la sua ideologia nazionalista, religiosa e sessista ai bambini, ha...

Diritti umani

Nonostante la sentenza contraria della Corte costituzionale turca, la polizia di Istanbul ha nuovamente attaccato il raduno delle Madri del sabato in piazza Galatasaray....

Diritti umani

Sulla base di false accuse da parte delle autorità turche, Mehmet Dizin, che vive in Germania dal 1980, è stato arrestato mentre era in...