Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Kurdistan

Bayık: Erdoğan sta portando se stesso e la Turchia verso la fine

Il co-presidente del Consiglio Esecutivo della KCK Cemil Bayık ha scritto il seguente articolo in curdo pubblicato sui giornali Yeni Özgür Politika e Azadiya Welat, tradotto in inglese a cura di ANF English service.“La stampa di parte e i funzionari dell’AKP, in particolare il Presidente Tayyip Erdoğan, parlano della patria e della nazione ogni volta che aprono la bocca. Come se qualche entità fosse interessata a rubare ai turchi la loro patria e stessero combattendo sacra difesa della loro patria! Il mondo non ha mai visto un capovolgimento della realtà così immorale. Bruciano le città curde radendole al suolo e allo stesso tempo parlano di “alcune persone” che vogliono bandire i turchi.

Il Movimento di Liberazione Curdo ha parlato di una madrepatria comune senza problematizzare i confini politici della Turchia. Ma Tayyip Erdoğan parla insistentemente di “patria unica”, ovvero la patria turca. Vede il Kurdistan dove vivono in curdi come un pezzo di terra da conquistare e turchizzare. Nessuno sta invadendo la patria turca; ma le terre dei curdi vengono completamente bruciate, come in un’invasione e i curdi si trovano ad affrontare un desiderio genocida. Questo è il problema della Turchia. Non che una qualche misteriosa entità ambisce alle terre turche. Ma c’è un problema nella mentalità e le politiche che crea grandi problemi per la Turchia a livello locale e internazionale.

Le città vengono completamente bruciate in Kurdistan e le bandiere turche sono appese ovunque. I soldati e i poliziotti spinti a morire in Kurdistan vengono presentati come eroi che salvano la patria. Questo è un grande imbroglio. Il governo dell’AKP sta mandato soldati e poliziotti a morire per salvaguardare la loro egemonia. L’unica richiesta dei curdi è di vivere una vita libera e democratica nelle proprie terre con la loro lingua e identità. I curdi hanno il diritto all’autogoverno tanto quando hanno diritto al latte materno. Dicendo che stanno “trasformando queste terre nella patria” incendiando le città curde, uccidendo indiscriminatamente i curdi, che siano donne, bambini o persone anziane, è un’amissione di una mentalità e di politiche colonialiste invasive e genocide.

Quello che mette in pericolo la patria turca e la Turchia sono l’attuale mentalità e politica del governo. Tayyip Erdoğan e il governo dell’AKP non hanno capito la legge dei turchi che vivono in queste terre e che rendono queste terre la loro patria. Non ha afferrato la legge dei turchi che vivono e prosperano in queste terre, nemmeno tanto quanto i sultani ottomani di cui parla così spesso. Al contrario, sta trascinando la Turchia in gravi pericoli andando contro la legge dei curdi che vivono in queste terre.

Il leader Apo aveva dichiarato che i turchi hanno agito insieme al popolo curdo nel 1071, 1514-16-17 e durante gli anni ’20 del secolo scorso e che il loro avanzamento in Europa e nel Medio Oriente è stato reso possibile dalle buone relazioni con i curdi. Ha detto che i turchi sono diventati una Potenza in questa geografia quando hanno stabilito buone relazioni con i curdi e questa dialettica del potere è stata invertita quando hanno combattuto contro il popolo curdo. Ora, sono i curdi o il governo dell’AKP e i suoi alleati fascisti a tradire la storia? È chiaro che loro i quali hanno lanciato una Guerra contro il popolo curdo sono coloro i quali hanno tradito la storia della Turchia per quanto riguarda le relazioni tra curdi e turchi. Sono coloro i quali considerano le terre dei curdi come luoghi da invadere. Tayyip Erdoğan, le forze dello Stato, i componenti dell’AKP e la stampa di parte stanno cercando di nascondere questa verità e i crimini che hanno commesso contro i popoli della Turchia.

Se qualcuno sta agendo come farebbero nemici della Turchia, sono Tayyip Erdoğan, le forze dello Stato e i loro alleati fascisti. Solo i nemici della Turchia vorrebbero fare una guerra contro i curdi in questo modo. Coloro i quali negano esistenza del popolo curdo e la sua vita libera e democratica ora sono molto contenti. Se qualcuno sta esponendo la Turchia al pericolo, sono Tayyip Erdoğan e le forze dello Stato.

I curdi non rinunceranno alla loro identità, cultura e vita libera e democratica. Tayyip Erdoğan e le forze dello Stato non potranno mai distruggere il popolo curdo, quindi le politiche attuali significano la fine della Turchia. Tayyip Erdoğan e le forze dello Stato hanno ricevuto sostegno da certe potenze nella loro distruzione delle città curde, ma in cambio di cosa? Il governo non è in grado di rispondere a questa domanda ed è diventato una marionetta di certi poteri. Non importa quanto parlano di patriottismo, stanno esponendo la Turchia al pericolo. Anche gli Enver, Talat e Cemal pasha si consideravano patriottici, ma alla fine cosa è successo? Verranno giudicati per i loro pensieri per le conseguenze delle loro azioni?

Oggi Tayyip Erdoğan è diventato Enver Pasha in Turchia e sta cercando di fare di se stesso il leader del mondo turchico. Ha esposto la Turchia a grandi pericoli con le sue politiche scioviniste, nazionaliste e settarie. Enver Pasha è salito sul cavallo ottomano ma alla fine ha portato alla fine degli ottomani. Oggi Tayyip Erdoğan e le forze dello Stato sono sul cavallo della Turchia e stanno per portare alla fine della Turchia.

Il patriottismo in Turchia non è usare le risorse del Paese per egemonia e fare felici i nemici della Turchia. Patriottismo in Turchia è prevenire il governo isterico e sfacciato e rendere la Turchia il Paese condiviso e democratico di tutti i popoli.

La storia non è solo il passato, ma anche l’oggi. Tutti devono guardare alla storia e alla dialettica delle relazioni tra curdi e turchi e poi decidere come dovrebbe essere il futuro.”

NEWS DESK – ANF

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Memet Sıddık Akış, co-sindaco eletto del comune di Hakkari, è stato arrestato questa mattina e sostituito dal governatore di Hakkari. Il fascicolo investigativo utilizzato...

Turchia

La deputata del partito DEM Ceylan Akça-Cupolo chiede un’indagine sullo sfollamento forzato della popolazione di Sur avvenuto dopo la distruzione del quartiere storico. Il...

Turchia

Condanne durissime contro l’Hdp. 42 anni a Demirtas, l’unico in grado di ridare forza e unità alla sinistra turca e curda. Prima del verdetto...

Turchia

Gültan Kışanak, Ayla Akat Ata, Meryem Adıbelli, Ayşe Yağcı e Sebahat Tuncel sono di nuovo libere. Ma non si sentono veramente libere. Dopo aver...