Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Senza categoria

Intervista a Rojda Felat, la comandante che guida la lotta contro Stato Islamico

Rojda Felat , la donna curda comandante delle Forze Democratiche Sirane , che sta conducendo l’operazione per liberare Raqqa dallo Stato Islamico (IS) e la più ampia Siria , è intervenuta con il giornale delle donne sulle SFD ed il ruolo delle donne nella lotta contro IS.

Puoi parlarci dell’importanza dell’operazione Raqqa?

Abbiamo parlato dell’importanza di questa operazione dal primo giorno.La cosa importante è che l’area in cui ci stiamo muovendo è un triangolo tra i tre cantoni.Abbiamo iniziato questa operazione come parte dell’obbiettivo di liberare il nord di Raqqa.Questa operazione è sostenuta dalle brigate Tehrir El-Raqqa e dalla coalizione internazionale.Un altro obbiettivo di questa operazione è di estendere le zone cuscinetto per Cizre, Gire Spi e Kobane.

Raqqa è una regione strategica tra i cantoni di Cizre e Kobane.Quello che vogliamo è proteggere questa regione per aprire un corridoio allo scopo di garantire la sicurezza del nostro popolo.Ogni operazione che intraprendiamo è per garantire la sicurezza della nostra gente.La nostra resistenza non è solo per la popolazione curda, è per tutti i popoli, inclusi gli arabi, agli armeni e gli assiri.Dovunque c’è un attacco contro l’umanità, noi come Forze Democratiche Siriane, saremo là.Ovunque ci sia una donna repressa, quello è un campo di battaglia per noi.

Quando sono state costituite le Forze Democratiche Siriane (SDF) e quali sono i suoi scopi?

Le SDF sono state costituite un anno fa.All’interno delle SDF ci sono arabi, armeni e assiri.Solo dopo una lotta intensa e molti sacrifici i popoli del Rojava sono in grado di godere di vantaggi significativi.Queste acquisizioni hanno destabilizzato le bande.Questa bande hanno intrapreso attacchi disumani contro le donne e la nostra gente.Hanno decapitato le persone, ucciso bambini e stuprato donne.Noi come ADF puntiamo a liberare la nostra popolazione dalle atrocità di queste bande.

Le donne sono l’avanguardia della rivoluzione del Rojava.Che cosa succederà a Raqqa quando sarà liberata?

Ci sono molte combattenti delle YPJ (Unità di difesa delle donne) all’interno delle SDF.Questo è molto significativo: noi volgiamo liberare la nostra regione da questa tirannia per le donne.Le azioni di ISIS non hanno spazio nell’Islam.Isis e tutti coloro che lo sostengono hanno perso la loro importanza davanti alla lotta delle SDF.Noi non stiamo preparando solo no istessi per una operazione.Le persone si stanno unendo alle SDF e alle YPJ a frotte.Non soltanto le donne di Shegal (Sinjar), ovunque una donna è oppressa, ovunque un uomo sta minacciando una donna, le nostre forze lotteranno contro tutto questo.La nostra lotta per la liberazione del nostro popolo diventerà un punto di riferimento per tutti i popoli che resistono.

Noi ci opporremo a tutti gli attacchi rivolti alle donne.Molti villaggi e regioni sono già state liberate nell’operazione Raqqa.Stanno costantemente tentando di attaccarci con veicoli carichi di esplosivo.È stato lo stesso quando Kobane è stata circondata da queste bande.Tuttavia, questo attacco è stato respinto a causa di attacchi tattici da Cizre, Hasakahe e Qamishlo.La fiducia della gente è aumentata a seguito di questi successi.

Che impatto ha il fatto che una donna comandante conduce l’operazione sui combattenti maschi?

Quando guardiamo alla rivoluzione del Rojava sono le donne che sono l’avanguardia della rivoluzione.Arin Mirkan era un esempio di questo.Queste compagne ci ha mostrato la strada da seguire.I nostri amici maschi sono abituati a questo percorso e non sono più sorpresi, ci rispettano e ci sostengono.

Sappiamo che le donne curde sono all’interno delle SDF. Ci sono delle donne di altre componenti etniche in questa operazione?

Si ci sono arabe,donne curde e donne assire.Come donne stiamo attivamente prendendo parte in questa operazione.Questa operazione è una operazione strategica.Il nemico vuole dominare questa ragione allo scopo di mantenere i cantoni isolati.Il loro scopo è quello che le persone non i uniscano.

Fonte: Özgür Gündem

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Sara Kaya, ex co-sindaco del distretto di Nusaybin a Mardin, è stata rilasciata dal carcere il 9 maggio dopo un lungo periodo di detenzione....

Interviste

Come è noto, il 31 marzo si terranno le elezioni municipali in Turchia. Come valuta le elezioni e la preparazione alle elezioni? È importante...

Diritti umani

La giornalista Safiye Alağaş è stata arrestata ieri sera dalla polizia. Ieri sera la polizia ha intercettato il veicolo di Safiye mentre viaggiava da...

Interviste

Per i popoli e le donne della Siria settentrionale e orientale, il nuovo Contratto sociale rappresenta un’altra pietra miliare, ha affermato Foza Yûsif. La...