Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Kurdistan

Le donne chiedono al CPT di agire per Öcalan

Mentre proseguono le condizioni aggravate di isolamento del leader del popolo curdo Abdullah Öcalan sull’isola di İmralı, i curdi protestano nei paesi europei e in altre parti del mondo. Il Comitato Europeo per la Prevenzione della Tortura (CPT), il Consiglio Europeo (EC) e la Corte Europea per i Diritti Umani (CEDU) a Strasburgo sono stati i principali siti delle manifestazioni di protesta.

Il Movimento Europeo delle Donne Curde (TJK-E) ha tenuto una serie di proteste con lo slogan “Le donne protestano per la Libertà del loro Leader” e “Libertà per Öcalan, status per il Kurdistan” davanti a CPT, EC e ECHR a Strasburgo. Le manifestanti hanno chiesto la fine dell’isolamento di Öcalan e chiesto che il CPT visiti İmralı appena possibile.

Centinaia di donne si sono radunamte davanti al CE a Strasburgo questa mattina e hanno formato una catena umana fino all’edificio del CPT. La deputata dell’HDP Dilek Öcalan, Ceylan Bağrıyanık del Coordinamento KJA, Melanie Tsagouris del Partito Comunista Francese, la co-presidente dell’Associazione Francia Kurdistan Sylview Jan, la co-presidente del NAV-DEM Fatoş Göksungur, rappresentanti del TJK-E, Clotilde Farroux del Collettivo delle Donne di Kobanê e Laura Restrepo del comitato delle donne che visitato Cizre, hanno partecipato alla protesta.

ISOLAMENTO DEL POPOLO CURDO E DEGLI OPPRESSI

La deputata dell’HDP di Urfa Dilek Öcalan è intervenuta durante la protesta e ha ricordato che il cessate il fuoco è iniziato durante la celebrazione del Newroz ad Amed nel 2013. Öcalan ha fatto notare che non ci sono stati scontri nei due anni successivi a questa celebrazione, ma che la guerra è ripresa nel 2015. La deputata dell’HDP ha fatto notare che il leader del popolo curdo Abdullah Öcalan è la persona che ha lavorato di più per i negoziati durate il cessate il fuoco, ma che il governo di Erdoğan ha rovesciato il tavolo dei negoziati e riavviato la guerra. Ha detto che Abdullah Öcalan non ha potuto incontrare i suoi parenti e avvocati, né i componenti del Comitato di İmralı dal 2015 e che l’isolamento di Öcalan significa l’isolamento del popolo curdo e degli oppressi.

IL CPT DEVE INTERVENIRE IMMEDIATAMENTE

Nel suo intervento Dilek Öcalan ha affermato che l’isolamento di Öcalan costituisce un crimine costituzionale e singifica una violazione dei diritti individuali e della democrazia. Dilek Öcalan ha chiesto al CPT di intervenire immediatamente e di mandare un comitato indipendente a İmralı per indagare su maltrattamenti e tortura di Abdullah Öcalan. Infine Dilek Öcalan ha notato che l’assenza di interventi da parte del CPT significherebbe che sta chiudendo gli occhi davanti alla questione e ha detto che i negoziati in Turchia non devono riprendere da dove si sono fermati, ma con la libertà di Abdullah Öcalan.

ANF

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

L’Associazione per i Diritti Umani è un’organizzazione volontaria per i diritti umani, indipendente dallo Stato, dal governo e dai partiti politici, che osserva le...

Turchia

L’organizzazione provinciale di Qers (Kars) del Partito Dem ha chiesto al comitato elettorale provinciale di annullare le elezioni in città. Il Partito per l’uguaglianza...

Turchia

WAN – Le proteste sono iniziate in tutta la città dopo che Abdullah Zeydan, che ha vinto le elezioni per la carica di co-sindaco...

Turchia

Affermando che il diritto di essere eletto del co-sindaco della municipalità metropolitana di Van, Abdullah Zeydan, è stato usurpato per ordine del ministro della...