Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Appelli

Nuovo appello a sostegno degli accademici per la pace

Come sapete il nostro paese si è ritrovato in una spirale di terrore e guerra che si è gradualmente accelerata a partire dalle elezioni generali che si sono tenute il 7 giugno 2015. Mentre nuove vittime si aggiungono giorno per giorno a questo ciclo di violenza, hanno causato la morte di centinaia di civili e soldati, “Accademici per la Pace” ha concordato di rivendicare la “pace” firmando un appello intitolato “Noi non parteciperemo a questo crimine” che è stato firmato da 1128 accademici.

Questi accademici sono stati immediatamente sottoposti a indagini disciplinari e penali illegittime, arresti e sospensioni.

La situazione si è deteriorata con l’arresto di tre accademici il 15 marzo. Gli accademici arrestati sono: Assist. Prof. Dr. Esra Mungan dell’Università Boğaziçi, Assoc. Prof. Dr. Kıvanç Ersoy dell’Università delle Belle Arti Sinan e l’Assist. Prof. Dr. Muzaffer Kaya è stato licenziato dall’Università di Nişantaşı. La corte ha richiesto l’arresto della Assist. Prof. Dr. Meral Camcı, anche lei licenziata dall’Università Yeni Yuzyıl. Non è stata arrestata perché attualmente non si trova in Turchia. Tra i tre accademici arrestati, la Dr. Mungan è stata messa in isolamento nel carcere femminile di Bakırköy.

L’amministrazione carceraria ha deciso che lei è “adatta per un reparto di isolamento.” È stata messa nella sezione riservata alle detenute condannate all’ergastolo duro e non è chiaro se avrà il diritto a ricevere visite una volta a settimana, dato che è internata in una sezione dove si trovano detenute che hanno il diritto alle visite una volta al mese. Analogamente anche Kıvanç Ersoy e Muzaffer Kaya che sono stati trasferiti dal carcere di Metris a quello di Silivri nei giorni successivi al loro trasferimento nel carcere di Silivri sono stati messi in isolamento totale. Gli è proibito incontrarsi, i loro libri sono stati sequestrati e loro sono stati sottoposti a perquisizioni corporali.

Di conseguenza noi continuiamo a rivendicare il nostro appello per la pace; continuiamo il nostro percorso non solo per la pace, ma anche per la libertà dei nostri amici arrestati. Chiediamo anche la fine delle restrizioni alla libertà di espressione e alla libertà di pensiero. Inoltre le indagini penali e le misure punitive contro i 1128 accademici che hanno solo firmato un appello per la pace e ora affrontano accuse di “propaganda terroristica”, vanno immediatamente fatte cadere.

In realtà tutti gli attacchi ai diritti umani fondamentali significano anche un attacco ai valori democratici di una società. Per questo abbiamo iniziato una “Veglia per la Pace” [The Freedom Watch] davanti ai carceri di Silivri e Bakırköy e vogliamo andare avanti con la partecipazione e il sostegno di tutte le organizzazioni per i diritti umani. Siamo pienamente consapevoli che se il mondo accademico e organizzazioni per i diritti umani si uniscono per difendere i diritti e le libertà fondamentali, questo aiuterà anche a rafforzare i valori democratici sia a livello locale sia a livello internazionale.

Vi invitiamo a mandare le vostre lettere di protesta al Primo Ministro della Repubblica di Turchia, Ahmet Davutoglu e al Presidente, Recep Tayyip Erdogan.

Saremmo molto lieti se gentilmente voleste inviare la vostra solidarietà e il vostro sostegno con una lettera anche ai tre accademici. I loro nomi e indirizzi sono riportati qui di seguito.

Se avete dei rappresentanti in Turchia, vi chiediamo gentilmente di unirvi a noi nella “Veglia per la Pace” in qualsiasi giorno che sia adatto ai vostri programmi, o davanti al carcere di Bakırkoy o davanti a quello di Silivri, e di esprimere la vostra preoccupazione con un comunicato stampa.

Il vostro sostegno e la vostra solidarietà sarebbero molto apprezzati da “Accademici per la Pace” e aggiungerebbero un valore enorme alla nostra lotta per la pace, la democrazia e la libertà in Turchia.

 

Cordialmente

Accademici per la Pace

 

POTETE MANDARE LE VOSTRE LETTERE E MESSAGGI DI SOLIDARIETA’ A QUESTI INDIRIZZI:

 

Assoc. Prof. Dr. Kıvanç Ersoy: Silivri Cezaevi 9 Numaralı Yüksek Güvenlikli Kapalı Cezaevi C-1 Blok 6 Silivri-İSTANBUL
Assist. Prof. Dr. Muzaffer Kaya: Silivri Cezaevi 9 Numaralı Yüksek Güvenlikli Kapalı Cezaevi C-1 Blok 4 Silivri-İSTANBUL
Assist. Prof. Dr. Esra Mungan Gürsoy: Bakırköy Kadın Kapalı Ceza İnfaz Kurumu Bakırköy-İSTANBUL

 

POTETE INVIARE LE VOSTRE PROTESTE AGLI INDIRIZZI QUI DI SEGUITO:

 

Ufficio del Primo Ministro
Indirizzo: Çankaya Mah. Ziaur Rahman Cad. Çankaya / Ankara

Tel. n.:+90 (312) 403 50 00

www.bimer.gov.tr
Ufficio del Presidente
Indirizzo: Cumhurbaşkanlığı Külliyesi, 06560 Beştepe- Ankara TURKEY

Tel. n.: +90 (312) 525 55 55

Fax: +90 (312) 525 58 31

 

 

Accademici per la Pace

https://www.facebook.com/barisicinakademisyenler/?fref=ts

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Condanne durissime contro l’Hdp. 42 anni a Demirtas, l’unico in grado di ridare forza e unità alla sinistra turca e curda. Prima del verdetto...

Turchia

Gültan Kışanak, Ayla Akat Ata, Meryem Adıbelli, Ayşe Yağcı e Sebahat Tuncel sono di nuovo libere. Ma non si sentono veramente libere. Dopo aver...

Turchia

Sara Kaya, ex co-sindaco del distretto di Nusaybin a Mardin, è stata rilasciata dal carcere il 9 maggio dopo un lungo periodo di detenzione....

Turchia

Un gruppo di 159 accademici, scrittori, parlamentari e avvocati ha chiesto il rilascio delle persone imprigionate nel processo di Kobanê e ha affermato: “Questo...