Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Donne

Appello delle donne di Van per fermare la guerra

Dalla scorsa estate, la Turchia ha avviato una politica dei coprifuoco militari e aspre azioni repressive sulle città curde.Politiche di guerra sono state avviate a Nusaybin, Şırnak e Yüksekova.Le donne chiedono l’unità per fermare la guerra reagendo alle politiche di guerra.Le politiche di guerra denominate “coprifuoco” sono continuate dopo Sur a Yüksekova (Gever) distretto di Hakkari,a Cizre e Nusaybin.Le donne a Van hanno reagito contro l’assedio che continua Şırnak, Nusaybin e Yüksekova.

Mercan İşnaz (35) è una di queste donne.Mercan ha affermato che gli scontri, che sono scoppiati a causa dell’assedio, devono essere fermati.Mercan vede l’AKP responsabile degli scontri e chiede di fermare la guerra.

Mercan ha affermato che accanto alle stragi a Sur, Cizre e Silopi,le abitazioni ,i negozi e le strade sono state rese inutilizzabili.Mercan ha dichiarato “Cerchiamo di fermare la guerra.Lo stato ha demolito Sur ,Cizre e Silopi. Adesso lo stato sta cercando di fare lo stesso a Gever, Şırnak e Nusaybin. Basta,quante persone devono essere uccise? Noi siamo madri Noi vogliamo la pace. Questa guerra continuerà senza l’unità del popolo curdo.Lasciateci unire ,come donne ,dobbiamo fermare questa guerra adesso.”

Makbule Kumli (60) ha sottolineato che la guerre non porteranno nessun beneficio all’umanità.Ha osservato che la guerra porta con se morte e distruzione ,e ha ricordato che sono stati uccisi bambini e corpi di donne sono stati esibiti nell’assedio.Come donne e madri non vogliamo la guerra.Non permettete ai soldati ,ai poliziotti e ai guerriglieri di morire. Basta, non lasciate piangere le madri ,il popolo curdi non può essere annientato con queste politiche di guerra.Hanno bruciato i nostri martiri ;hanno bruciato a morte i nostri ragazzi nei piani seminterrati.Quale religione può approvare questa oppressione.Come popolo curdo conosciamo anche come possiamo combattere.Ma noi vogliamo la pace anche se conosciamo come combattere.Il governo dell’AKP ha incarcerato le persone che non può annientare.Quanto durerà questa oppressione e questa negazione?Abbiamo seppellito i nostri ragazzi.I curdi non possono essere annientati uccidendoli.

Aysel Şan (45), un altra donna di Van, ha affermato :”Noi non vogliamo crescere i nostri ragazzi per farli uccidere dal governo dell’AKP.Vogliamo la pace.Siamo stanche di svegliarci con nuove morti.Siamo stanche di vivere nella paura se il mio bambino è stato ucciso oggi.Non lasciamo che le madri e le donne piangano.” Aysel ha affermato che le donne devono unirsi e fermare la guerra.

(htk-hk/dc/dk/gd)

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Memet Sıddık Akış, co-sindaco eletto del comune di Hakkari, è stato arrestato questa mattina e sostituito dal governatore di Hakkari. Il fascicolo investigativo utilizzato...

Turchia

La deputata del partito DEM Ceylan Akça-Cupolo chiede un’indagine sullo sfollamento forzato della popolazione di Sur avvenuto dopo la distruzione del quartiere storico. Il...

Turchia

Condanne durissime contro l’Hdp. 42 anni a Demirtas, l’unico in grado di ridare forza e unità alla sinistra turca e curda. Prima del verdetto...

Turchia

Gültan Kışanak, Ayla Akat Ata, Meryem Adıbelli, Ayşe Yağcı e Sebahat Tuncel sono di nuovo libere. Ma non si sentono veramente libere. Dopo aver...