Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Comunicati

Il Newroz è il simbolo della resistenza – contro il colonialismo, il patriarcato, il razzismo, la xenofobia

Il 21 marzo i popoli del Medio Oriente festeggiano il Newroz come festa per l’inizio della primavera per del nuovo anno. Per il popolo curdo il Newroz è allo stesso tempo simbolo della resistenza contro la dittatura, il colonialismo e il razzismo, per la democrazia, la libertà e la parità di diritti. Mentre il Newroz negli ultimi due anni ha fatto germogliare la speranza per una soluzione politica della questione curda – ricordiamo i messaggi storici del leader curdo Abdullah Öcalan – il Newroz di quest’anno è caratterizzato dalla guerra. Non solo il Kurdistan, ma l’intero Medio Oriente continuano a essere segnati da linee di conflitto che diventano sempre più profonde.

Nonostante i divieti in Kurdistan ,nelle città assediate da mesi nel Bakur, in Medio Oriente, in Europa e i tutto il mondo, i curdi e le curde sono in piazza in migliaia per celebrare il Newroz.

Al Newroz vengono avanzate le seguenti richieste: libertà per Abdullah Öcalan, per l’autonomia democratica in Kurdistan e per una Turchia democratica.

Accanto ai fattori e ai poteri internazionali, la Turchia in questo svolge un ruolo centrale. Con ogni mezzo cerca di annientare le conquiste dei curdi nella regione: nel Rojava soprattutto con l’aiuto dello Stato Islamico (IS) e nel Kurdistan settentrionale con l’esercito. Dopo che i piani di Erdogan per un sistema presidenziale dittatoriale sono stati distrutti con l’ingresso in parlamento del progressista Partito Democratico dei popoli (HDP) – un’alleanza elettorale di curdi e altri democratici, nonché di organizzazioni di donne e di giovani – il processo di pace è stato archiviato ed è iniziato un terrorismo di stato senza precedenti. Coprifuoco, assassinii in mezzo alla strada – solo negli ultimi sei mesi sono morti centinaia di civili, tra cui numerosi bambini, donne e persone anziane – e la distruzione di intere località caratterizzano la vita quotidiana in Kurdistan. I governi europei che fingono di voler liberare la regione e di voler risolvere la questione dei profughi, ma nei fatti dichiarano che i diritti umani e i principi democratici sono una questione secondaria e scendono a patti con la Turchia.

Ma noi curde e curdi rimaniamo fedeli allo spirito di resistenza del Newroz. Per difenderci da questa repressione massiccia, nelle città curde in Turchia è stato proclamato l’autogoverno basato sulla democrazia dal basso secondo il principio di un Medio Oriente democratico con una pluralità etnica, religiosa e di parità di genere. Proprio questo significa anche il Newroz, la festa della pace e della libertà. Usiamo le tante iniziative previste in Italia per festeggiare il Newroz per lasciare un segno contro il razzismo e la guerra – per la pluralità, la democrazia, la pace e l’umanità.

Viva l’autogoverno democratico in Kurdistan!
Viva la resistenza dei popoli!
Viva il Newroz – festa della libertà e della pace!

Newroz Piroz be!

 

Ufficio di Informaizone del Kurdistan in Italia ( UIKI-Onlus )

 

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

L’Associazione per i Diritti Umani è un’organizzazione volontaria per i diritti umani, indipendente dallo Stato, dal governo e dai partiti politici, che osserva le...

Turchia

L’organizzazione provinciale di Qers (Kars) del Partito Dem ha chiesto al comitato elettorale provinciale di annullare le elezioni in città. Il Partito per l’uguaglianza...

Turchia

WAN – Le proteste sono iniziate in tutta la città dopo che Abdullah Zeydan, che ha vinto le elezioni per la carica di co-sindaco...

Turchia

Affermando che il diritto di essere eletto del co-sindaco della municipalità metropolitana di Van, Abdullah Zeydan, è stato usurpato per ordine del ministro della...