Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Kurdistan

Donne contro Erdogan

Turchia: Vietati presidi e manifestazioni per la Giornata internazionale della donna. In Piazza in migliaia-La Giornata internazionale della Donna dell’8 marzo da molti anni anche in Turchia è occasione per scendere in piazza. Le donne non se lo fanno impedire né dai loro mariti, né da divieti delle istituzioni o dai manganelli della polizia. Criticano il governo del Presidente Recep Tayyip Erdogan non solo per la violenza contro chi la pensa diversamente e le violazioni dei diritti umani e della libertà di stampa, ma anche perché il livello di violenza contro le donne in Turchia è alto come prima. L’agenzia stampa Reuters domenica ha citato uno studio delle Nazioni Unite secondo il quale la probabilità che in Turchia si verifichino violenze domestiche è dieci volte più elevato che nei paesi dell’Unione Europea. Nell’indice di parità del programma di sviluppo dell’ONU la Turchia si trova solo al 77simo posto su 138.

Quest’anno i governatori competenti hanno vietato presidi e manifestazioni per la Giornata della Donna tra l’altro a Istanbul, Ankara, Batman e Urfa. Anche la lettura di dichiarazioni non va premessa, così ha riferito l’agenzia stampa Etha. La »Piattaforma delle Donne 8 Marzo« di Istanbul, una coalizione di organizzazioni di sinistra e curde, per questo aveva annunciato in precedenza di non lasciarsi togliere il diritto a manifestare nonostante i divieti e che nel dubbio si sarebbe conquistata la piazza.

Per questo domenica migliaia di donne si sono recate in una piazza centrale nel distretto di Istanbul di Kadiköy per manifestare per i propri diritti. Le forze di polizia in attesa sul posto hanno attaccato le donne riunite pacificamente con lacrimogeni, idranti e proiettili d’acciaio coperti di gomma. Già lungo il percorso verso il punto di ritrovo alcune manifestanti sono state fermate da poliziotti in borghese. Dopo i primi attacchi della polizia secondo Etha in oltre 20 diversi punti della città ci sono stati scontri tra la polizia e le donne. Le partecipanti hanno riferito a junge Welt che i poliziotti le avevano esortate ad andare a casa e a mandare a combattere i loro uomini al posto loro. Le donne hanno risposto con lo slogan: »Che vengano i padri, i mariti, lo stato, i manganelli – noi ci ribelliamo lo stesso, lo stesso vogliamo la libertà!”

Anche la co-presidente del Partito Democratico dei Popoli (HDP), Figen Yüksekdag, si era recata a Kadiköy per sostenere le manifestanti. Come le altre donne, anche lei e i suoi accompagnatori sono stati attaccati dalla polizia, il suo consulente Sitki Güngör è stato fermato. La portavoce dei Consigli Socialisti delle Donne (SKM), Fadime Celebi, ha commentato così l’azione di Istanbul per jW: “La politica dei divieti del governo dell’AKP qui è stata spezzata dalla determinata resistenza delle donne. Non solo a Istanbul, in tutta la Turchia e in Kurdistan per l’8 marzo c’è una rivolta delle donne. La resistenza delle donne contro la violenza del patriarcato al potere è come una piccola rivolta di Gezi.”

Inoltre nelle manifestazioni in Turchia e in Kurdistan quest’anno è stata ricordata l’internazionalista tedesca Ivana Hoffmann. Aveva combattuto nelle file del Partito Comunista Marxista-Leninista (MLKP) nel Rojava, la parte siriana del Kurdistan, contro la milizia jihadista »Stato Islamico« (IS). Il 7 marzo 2015, la donna originaria di Duisburg di origini tedesco-africane era stata uccisa in un attacco nei pressi del villaggio di Til Hemis, 200 km a est della città di Kobane.

di Kevin Hoffmann– Istanbul

jungewelt

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

L’Associazione per i Diritti Umani è un’organizzazione volontaria per i diritti umani, indipendente dallo Stato, dal governo e dai partiti politici, che osserva le...

Turchia

L’organizzazione provinciale di Qers (Kars) del Partito Dem ha chiesto al comitato elettorale provinciale di annullare le elezioni in città. Il Partito per l’uguaglianza...

Turchia

WAN – Le proteste sono iniziate in tutta la città dopo che Abdullah Zeydan, che ha vinto le elezioni per la carica di co-sindaco...

Turchia

Affermando che il diritto di essere eletto del co-sindaco della municipalità metropolitana di Van, Abdullah Zeydan, è stato usurpato per ordine del ministro della...