Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Kurdistan

HDP invita le organizzazioni internazionali ad adottare misure urgenti per Sur

L’esponente del Partito democratico dei popoli (HDP) membro del parlamento di Diyarbakir Sibel Yiğital ha scritto una lettera alle organizzazioni internazionali chiedendo una iniziativa contro il diniego del recupero di corpi da parte delle famiglie dei loro ragazzi uccisi nel distretto centrale di Diyarbakir di Sur,che rimane sotto assedio da oltre due mesi.

La lettera è indirizzata all’Ufficio del direttore generale delle Nazioni Unite a Ginevra Michael Møller,all’ufficio del direttore generale dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite e ad altri dipartimenti collegati,così come al Gruppo internazionale di crisi e all’Ufficio dei diritti umani dell’OSCE.

La deputata di HDP ha ricordato che ci sono stati 6 coprifuoco da luglio a Sur,dove cinque cittadini sono stati uccisi dalle forze di sicurezza durante il coprifuoco di 69 giorni.”Sebbene il coprifuoco è stato ufficialmente rimosso il 3 febbraio 2016,continua fisicamente e praticamente”.Il coprifuoco a Sur,una città centrale e storica sotto protezione dell’UNESCO, significa la scarsità e la mancanza di vita in Diyarbakır “.

La lettera di HDP ha dichiarato che le famiglie di Rozerin Çukur (16), Ramazan Öğüt, Turgay Girçek, Gündüz Akmeşe, Cihat Morgül (14), Velat Bilen, Mahmut Oruç, Murat Menteş (13) e Hakan Aslan che sono stati uccisi nel distretto di Sur stanno aspettando il recupero dei corpi dei loro ragazzi da 25 giorni.

Mente i corpi dei giovani massacrati rimangono dove sono stati uccisi,le famiglie hanno iniziato uno sciopero della fame a Sümerpark,il luogo più vicino alla zona del coprifuoco,dopo che i loro sforzi per avere indietro i copri non hanno avuto risposta.Le famiglie di altre vittime;İsa Oran e Mesut Seviktek hanno sostenuto che i copri delle vittime sono stati torturati dopo essere stati giustiziati e lasciati nella strada per 30 giorni.

La lettera sottolinea che:””Con tutti i mezzi vi è una guerra ufficiale senza un nome in base al quale anche i cadaveri vengono torturati e distrutti.Questa guerra non reclamata, ma già esistente ha causato la polarizzazione significativa e l’isolamento emotivo e la separazione nella nostra società.Ciò che è in corso avrà un impatto significativo e minaccia non solo la regione curda, ma anche il Medio Oriente come regione e il mondo a livello globale.Questa guerra deve essere fermata al più presto prima che le sue fiamme raggiungano una zona più ampia e vada fuori controllo.Non vi è nessun luogo sulla terra che ha guadagnato la pace attraverso la guerra. La pace può essere realizzata solo attraverso il dialogo,le trattative,le  discussioni. “

La deputata di HDP per Diyarbakir ha chiesto alle organizzazioni internazionali di essere la loro voce, per esprimere e spiegare le loro preoccupazioni e per ottenere la loro richiesta sentita da tutti a livello locale e internazionale.

Yigitalp ha chiesto anche uno sforzo autorevole e costruttivo da parte delle organizzazioni citate incontrando ufficialmente il governo turco, allo scopo di una fine immediata del coprifuoco che causa e favorisce l’esecuzione di civili innocenti.

ANF

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Sara Kaya, ex co-sindaco del distretto di Nusaybin a Mardin, è stata rilasciata dal carcere il 9 maggio dopo un lungo periodo di detenzione....

Turchia

Un gruppo di 159 accademici, scrittori, parlamentari e avvocati ha chiesto il rilascio delle persone imprigionate nel processo di Kobanê e ha affermato: “Questo...

Turchia

Il giornalista e scrittore turco Celal Başlangıç ​​è morto venerdì notte a causa di un cancro all’età di 68 anni. Il giornalista e scrittore...

Diritti umani

MÊRDÎN/İZMİR – 1 persona è stata arrestata durante le perquisiszioni domestiche a Nisêbîn (Nusaybin). A Izmir è stato arrestato Koray Kesik, direttore artistico del documentario...