Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Kurdistan

Una delegazione internazionale guidata dal giudice Moosa chiede di visitare Öcalan a İmralı

Una delegazione di personalità note a livello internazionale guidata dal giudice Essa Moosa ha chiesto che gli venga accordata una visita al leader del popolo curdo Abdullah Öcalan nel carcere di İmralı in occasione del 18° anniversario della cospirazione internazionale che cade nel mese di febbraio.

Il leader del PKK (Partito dei Lavoratori del Kurdistan) Abdullah Öcalan che è stato portato in Turchia a seguito di una cospirazione internazionale il 15 febbraio 1999 da allora si trova in isolamento sull’isola carcere di İmralı.

Una delegazione di personalità note a livello internazionale guidata dal giudice Essa Moosa ha chiesto che gli venga accordata una visita al leader del popolo curdo Abdullah Öcalan nel carcere di İmralı in occasione del 18° anniversario della cospirazione internazionale che cade nel mese di febbraio.

La delegazione incontrerà comitati di HDP, CHP e AKP prima di recarsi sull’isola di İmralı per una visita a Öcalan il 16 febbraio.

Il giudice Essa Moosa sarà accompagnato dalle seguenti personalità durante i colloqui della durata di tre giorni in Turchia;

Autore indipendente, artista grafico ed editoriale Janet Biehl, USA

Attivista politico, scrittore e pubblicista Dimitri Roussopoulos del Canada, co-fondatore della International Confederation for Disarmament and Peace

Accademico Federico Venturini dell’Università di Leeds, UK,

Accademico Dr. Thomas Jeffrey Miley dell’Università di Cambridge, UK

Attivista per la giustizia sociale Dr. Radha D’Souza, UK

Andrej Hunko, componente del Bundestag

Author Eirik Eiglad di New Compass, Norvegia

Edgar de Jesús Lucena González del Parlamento venezuelano

Joe Ryan, Presidente di Westminster Justice and Peace, UK

Francisco Velasco Andrade, ex Ministro della Cultura in Ecuador.

LETTERA AL MINISTERO DELLA GIUSITIZIA TURCO

Il giudice Essa Moosa che guiderà la delegazione che si recherà in Turchia, ha scritto una lettera al Ministro della Giustizia turco, Bekir Bozdağ, in cui hanno spiegato le ragioni per le quali hanno chiesto di visitare İmralı come segue; “Crediamo che Öcalan possa svolgere un ruolo molto importante per la soluzione della questione curda in Turchia, nello stesso modo in cui il Presidente Nelson Mandela lo ha svolto in Sud Africa.”

ÖCALAN E MANDELA NELLA STESSA CONDIZIONE

Essa Moosa ha sottolineato che le condizioni di Öcalan devono essere migliorate per poter riavviare il processo di pace e che la sua condizione deve essere equiparata a quella del leader sudafricano Nelson Mandela. A questo proposito, Moosa ha allegato una lettera scrittagli da Mandela il 21 agosto 1989 che dimostra come il leader sudafricano non abbia rinunciato alla lotta per la pace nonostante tutte le difficili circostanze di quegli anni.

‘VOGLIAMO VISITARE ÖCALAN’

La lettera del giudice Moosa, che è stata scritta nome di una delegazione molto stimata a livello internazionale nel mondo politico e della cultura, afferma: “La missione della delegazione è di visitare la Turchia per dare un contributo per mettere fine al conflitto in corso dall’inatteso collasso del processo di pace e per la ripresa di colloqui per la pace. La missione quindi richiede un incontro prima di tutto con il presidente turco Recep Tayyip Erdoğan e poi con il leader del popolo curdo incarcerato Abdullah Öcalan. Intendiamo concentrarci sul parlare con Öcalan del processo di pace perché crediamo che Öcalan possa svolgere un ruolo molto importante per la soluzione della questione curda in Turchia, nello stesso modo in cui il Presidente Nelson Mandela lo ha svolto in Sud Africa. La nostra delegazione chiede di poter visitare l’isola carcere di İmralı il 16 febbraio 2016.”

Moosa ha detto che la delegazione vuole avere un breve incontro anche con il Ministro della Giustizia Bekir Bozdağ dopo la visita al leader curdo a İmralı.

DELEGAZIONE SOSTENUTA DA NOMI ILLUSTRI

La delegazione internazionale di 11 persone è sostenuta anche da una serie di nomi noti a livello internazionale che comprendono: Prof. Noam Chomsky, Tariq Ali, Prof. David Graeber, John Holloway, Mauro Palma, Dr. Felix Padel, Baronessa Helena Kennedy, Baronessa Jenny Jones, Mark Thomas, Jeremy Hardy, Dr. Dafydd Iwan, Dr. Bill Bowring, Mike Mansfield, James Kelman, Bruce Kent, Dr. Derek Wall, Bert Schouwenburg, Stephen Smellie, Nick Hildyard, Louise Christian, Tony Simpson, Ara Sarafian, Alastair Lyon, Matt Foot, Bronwen Jones, Johannes de Jong e Feroze Mithiborwala.

 

NEWS DESK – ANF – ALİ GÜLER

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Condanne durissime contro l’Hdp. 42 anni a Demirtas, l’unico in grado di ridare forza e unità alla sinistra turca e curda. Prima del verdetto...

Turchia

Gültan Kışanak, Ayla Akat Ata, Meryem Adıbelli, Ayşe Yağcı e Sebahat Tuncel sono di nuovo libere. Ma non si sentono veramente libere. Dopo aver...

Turchia

Sara Kaya, ex co-sindaco del distretto di Nusaybin a Mardin, è stata rilasciata dal carcere il 9 maggio dopo un lungo periodo di detenzione....

Turchia

Un gruppo di 159 accademici, scrittori, parlamentari e avvocati ha chiesto il rilascio delle persone imprigionate nel processo di Kobanê e ha affermato: “Questo...