Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Kurdistan

La polizia impedisce di proiettare il documentario sulla lotta delle donne curde

La polizia di Istanbul ha impedito ieri sera di mostrare il  documentario “Sara”, che racconta la vita della co-fondatrice del PKK (Partito dei lavoratori del Kurdistan)Sakine Cansiz. Sakine Cansiz è stata tra i membri fondatori del PKK. Lei è stata assassinata a Parigi  il 9 gennaio 2013.

La proiezione di Istanbul di “Sara” il documentario sulla vita di Sakine Cansiz era programmata per ieri al cinema Atlas a Beyoğlu.Ieri la polizia ha chiamato gli artisti del  Centro culturale della Mesopotamia (il gruppo organizzatore della proiezione cinematografica) e ha detto loro:”Non possiamo garantire per la vostra sicurezza;non potete mostrare il film.”Gli artisti del centro culturale
hanno deciso di cancellare la proiezione per assicurarsi che nessun danno venisse provocato agli spettatori.

“Hanno imposto l’autocensura per il loro impero della paura.Quando si tratta di curdi, il cinema è stato chiuso “, ha detto il produttore di ” Sara “Elif Elgin Şimşek,rilasciando una dichiarazione fuori del cinema per spiegare la situazione a coloro che erano venuti per guardare il film.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Condanne durissime contro l’Hdp. 42 anni a Demirtas, l’unico in grado di ridare forza e unità alla sinistra turca e curda. Prima del verdetto...

Turchia

Gültan Kışanak, Ayla Akat Ata, Meryem Adıbelli, Ayşe Yağcı e Sebahat Tuncel sono di nuovo libere. Ma non si sentono veramente libere. Dopo aver...

Turchia

Sara Kaya, ex co-sindaco del distretto di Nusaybin a Mardin, è stata rilasciata dal carcere il 9 maggio dopo un lungo periodo di detenzione....

Turchia

Un gruppo di 159 accademici, scrittori, parlamentari e avvocati ha chiesto il rilascio delle persone imprigionate nel processo di Kobanê e ha affermato: “Questo...