Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Kurdistan

Giovani donne difendono Silvan: resisteremo fino alla libertà

I giovani, che resistono nei tre quartieri sotto l’attacco delle forze di sicurezza turche a Silvan, hanno promesso che la loro resistenza continuerà fino a quando non creeranno zone libere contro le atrocità.

Le giovani donne Ekin Firat e Rodi Amed, che guidano la resistenza popolare a Silvan zona Mescit, sono state intervistate da ANF sugli obiettivi della lotta.

Resistiamo contro l’atrocità di stato

Ekin Fırat: Sono entrata in questa resistenza come una donna che si solleva contro le catene della schiavitù, generate dal sistema nei confronti del popolo. Lo stato sta attaccando e uccidendo la nostra gente con i suoi carri armati e l’ artiglieria. Noi siamo qui come forza di autodifesa, ma anche i civili stanno resistendo accanto a noi.

La storia non si è mai ricordata delle atrocità subite dal popolo curdo da parte dello Stato turco. Il nostro obiettivo non è solo quello di scavare trincee, ma dimostrare che possiamo sconfiggere lo Stato, con le trincee che costituiscono una difesa contro gli attacchi rivolti nei confronti del nostro popolo. Si tratta di aree in cui proteggiamo il nostro popolo dalle atrocità dello stato. Si tratta di aree in cui risolviamo i problemi al di fuori delle regole dello Stato.

Le atrocità non colpiscono solo i cittadini di Silvan

Le atrocità commesse non prendono di mira solo le persone di Silvan, ma riguardano tutte le donne del mondo. Pertanto esortiamo tutte le donne a sostenere ed abbracciare questa resistenza.

Vogliamo che si sappia molto bene che il nostro obiettivo non è quello di dividere il paese. Vogliamo vivere insieme turchi e curdi in queste terre, e avere due bandiere.

Ci governeremo da soli

Rodi Amed: Sono di questa gente, una civile e non affiliata ad un’organizzazione. Sono solo una cittadina di questo quartiere che chiede la fine delle atrocità di stato contro il popolo. Noi e la nostra gente vogliamo autogovernarci e condurre una vita libera e democratica.

Resistenza fino alla libertà

Un’altra cosa che chiediamo è la liberazione del nostro Leader (Abdullah Öcalan). Noi non rinunceremo alla lotta, né chiuderemo le trincee fino a quando non sarà liberato e tornerà da noi.

ANF

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

L’Associazione per i Diritti Umani è un’organizzazione volontaria per i diritti umani, indipendente dallo Stato, dal governo e dai partiti politici, che osserva le...

Turchia

L’organizzazione provinciale di Qers (Kars) del Partito Dem ha chiesto al comitato elettorale provinciale di annullare le elezioni in città. Il Partito per l’uguaglianza...

Turchia

WAN – Le proteste sono iniziate in tutta la città dopo che Abdullah Zeydan, che ha vinto le elezioni per la carica di co-sindaco...

Turchia

Affermando che il diritto di essere eletto del co-sindaco della municipalità metropolitana di Van, Abdullah Zeydan, è stato usurpato per ordine del ministro della...