Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Donne

Fidan Kanlıbaş: Tutto ciò che voglio è andare a Kobanê

Fidan Kanlıbaş ha visto i suoi amici e compagni morire davanti ai suoi occhi nell’attentato a Suruç lunedì. Ora, Fidan dice che la sua sola speranza di riprendersi dal massacro è di raggiungere l’obiettivo dei suoi compagni di andare a Kobanê.

Fidan Kanlıbaş è arrivata a Suruç come parte della campagna della Federazione delle Associazioni Giovanili Socialiste (SGDF) per la ricostruzione di Kobanê. Quando è scoppiata una bomba durante la conferenza stampa della SGDF Fidan è stata ricoverata in ospedale. Poi, quando è stata dimessa dall’ospedale, è tornata sul luogo dell’attentato.

In precedenza Fidan aveva parlato con JINHA quando era arrivata a Suruç a novembre, dopo che erano iniziati gli attacchi di Daesh alla città Kobanê (appena oltre il confine). Aveva lavorato lì con i rifugiati di Kobanê. Dall’attentato Fidan è rimasta nel sito dell’attentato senza dire una parola. Quando ha parlato JINHA, questo è quello che ha detto:

“Sin da novembre ho lavorato nella tendopoli di Suruç con la gente di Kobanê. Sono andata una volta a Izmir per visitare la mia famiglia che vive lì. Abbiamo lavorato alla campagna della SGDF di solidarietà con Kobanê per un po’; ho partecipato come patriota [curda]. L’obiettivo della campagna della SGDF era di riunire giovani di diverse fazioni e di lottare per i bambini di Kobanê. Il nostro solo scopo era di fare un parco, un asilo e un parco giochi per i bambini. Portare il sorriso sulle facce dei bambini che vivono in una guerra, questo era il nostro obiettivo.

“La mattina presto la squadra di Izmir si è incontrata e siamo partiti. Avevamo raccolto vestiti colorati per i bambini. Siccome non avevamo spazio, li abbiamo dati al furgone della solidarietà dell’HDP. In ogni pausa lungo la strada cantavamo canzoni rivoluzionarie e ballavamo. Tutti erano molto eccitati e alcuni non riuscivano a stare seduti per l’emozione. Molti di loro non avevano mai visto Suruç o Kobanê. Siccome ho lavorato qui per molto tempo, mi tempestavano continuamente di domande e gridavano deliziati quando rispondevo. Non dimenticherò mai il modo in cui i loro occhi brillavano per l’eccitazione.

“La prima ad arrivare a Suruç è stata la squadra di Izmir. Ci siamo immediatamente diretti al giardino del centro culturale. C’era gente così stanca che si è sdraiata per terra; chi avrebbe immaginato che poche ore dopo i loro corpi senza vita sarebbero stati nello stesso posto? Abbiamo unito tutti i tavoli e preparato la colazione. All’arrivo della maggior parte degli amici abbiamo fatto colazione. Molti di noi si sono incontrati per la prima volta al tavolo della colazione. Alcuni di noi si sono incontrati ballando, altri discutendo di politica.

Tutti avevano la stessa luce negli occhi. C’era gioia che emanava dagli occhi di questi giovani che credevano nella rivoluzione. Tutti si raccontavano i nuovi progetti che volevano realizzare a Kobanê. L’unica cosa che temevamo era di non essere d’aiuto. Gli amici a Kobanê erano davvero emozionati; ci stavano chiamando e chiedevano quanta gente sarebbe venuta. Ho detto ‘verremo tutti, tutti e 200.’ Hanno detto, ‘Come riusciremo a sistemarvi? Abbiamo preparato per 50 persone’ ho detto, ‘ma heval [compagno], voi avete cuori immensi; nei vostri cuori deve esserci spazio abbastanza per tutti.’ E davvero è così. Ora ciascuno dei nostri amici ha un posto nel loro cuore.

“Poi è successo, una grande esplosione. I corpi di quei giovani che cantavano canzoni rivoluzionarie, che non avevano finito di dire, ‘viva la fratellanza tra i popoli’ sono stati fatti e pezzi che le parole uscissero dalle loro bocche. Abbiamo raccolto i pezzi dei nostri amici con le nostre mani. Che tipo di dolore è questo? Molti dei nostri amici erano incastrati sotto i corpi senza vita. Riuscite a immaginare? Il vostro compagno con il quale cantavate canzoni rivoluzionarie è sotto un cadavere e cerca di respirare? Io penso che chiunque, me compresa, preferirebbe morire che provare una cosa del genere. Io dico, avrei voluto essere morta.

“Di solito sono una persona che si impressiona molto quando vede del sangue, ma quando ho visto i nostri amici in ospedale, con le braccia strappate via e i loro corpi a pezzi, li ho abbracciati forte. I sopravvissuti facevano segni della vittoria. Io ero stata a Kobanê prima e avevo visto gente che è morta e sul confine di Suruç ho vissuto molte cose pesanti, ma il dolore peggiore è stata questa esplosione. È davvero doloroso vedere i corpi squarciati di persone con le quali stavi parlando qualche minuto prima.

“Io sono un’alevita. Anche se non ho vissuto nella regione [del Kurdistan], so molto bene cosa significa un lamento funebre qui. La situazione ci ha sempre fatto piangere in questi lamenti funebri. Molti di coloro che sono morti nell’esplosione erano turchi; lo stesso vale per i nostri amici sopravvissuti. Prima non conoscevano veramente l’effetto di questi lamenti funebri. Ora dicono che hanno capito perché i lamenti delle madri ti lasciano con una sofferenza così dolorosa.

“La mattina [i lavoratori de] il comune metropolitano di Urfa ha pulito il sangue dell’esplosione, sorridendo. Questo significa tutto. Un giorno prima lì c’è stata una manifestazione. Avrebbero potuto colpire allora con un’esplosione, ma lo hanno fatto qui. Il loro obiettivo era di isolare i curdi; non potevano vedere la solidarietà di alcuno con i curdi.

Era ovvio che ci sarebbe stata un’esplosione. Di solito qui neanche un uccellino può volare senza che si sappia, ma dozzine di macchine dei nostri amici stranieri non sono mai state controllate. Solo due pullman in arrivo da Istanbul sono stati perquisiti a fondo, ma uno è passato senza essere neanche toccato. Questo ci ha resi sospettosi. La persona che fatto il massacro poteva essere qualcuno infiltrato tra noi perché quando così tanta gente dal cuore buono si riunisce, nessuno può immaginare che tra noi possa trovarsi qualcuno che fa cose così orribili.

“Non voglio lasciare questo posto. Se vado via, diventa anche peggio. Non so come sarà la mia vita dopo questo. L’unica cosa che voglio è dare ai bambini i giocattoli raccolti dai miei amici e raccontargli la storia di questi giocattoli. Voglio andare a ritrovare la vita abbracciando questi bambini, questi bambini che conoscono il dolore meglio di noi.”

Zehra Doğan-Beritan Elyakut

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Memet Sıddık Akış, co-sindaco eletto del comune di Hakkari, è stato arrestato questa mattina e sostituito dal governatore di Hakkari. Il fascicolo investigativo utilizzato...

Turchia

La deputata del partito DEM Ceylan Akça-Cupolo chiede un’indagine sullo sfollamento forzato della popolazione di Sur avvenuto dopo la distruzione del quartiere storico. Il...

Turchia

Condanne durissime contro l’Hdp. 42 anni a Demirtas, l’unico in grado di ridare forza e unità alla sinistra turca e curda. Prima del verdetto...

Turchia

Gültan Kışanak, Ayla Akat Ata, Meryem Adıbelli, Ayşe Yağcı e Sebahat Tuncel sono di nuovo libere. Ma non si sentono veramente libere. Dopo aver...