Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Donne

Prima abbiamo battuto la discriminazione,adesso la soglia elettorale

(DİHA) – Le donne migranti che si sono stabilite nel villaggio di Yakacık, vicino alla capitale di Ankara in Turchia,affermano che il villaggio sta con il Partito democratico dei popoli(HDP) e al suo
appello contro la discriminazione.

Il villaggio di 10.000 persone di Yakacık è diventato la casa per i residenti di una serie di province curde e turche che sono state costrette a lasciare le loro case a causa di differenti esperienze di violenza e  di disuguaglianze.

Qualunque siano le loro differenze,hanno condiviso esperienze di vittimizzazione per mano dello stato,e hanno infine realizzato un unità coesa degli abitanti del villaggio.Le donne elettrici del villaggio, che dicono i residenti stanno pensando di votare per l’HDP alle prossime elezioni di giugno in Turchia,spiegano perchè il partito- che assume una posizione forte contro la discriminazione, è diventato un altro elemento comune tra loro.

Nadire Temel 55 anni dice che quando la sua famiglia curda era venuta per la prima volta nel villaggio,molti residenti li chiamavano “terroristi”.Ha detto che il leader del PKK (Partito dei lavoratori del Kurdistan) Abdullah Öcalan,ha da tempo dato priorità a superare le divisioni sociali e il razzismo contro i curdi che hanno portato alla discriminazione nei confronti del popolo curdo.

“Il progetto del leader è diventato realtà,è giunto alla vita” dice.”Coloro che hanno chiamato i curdi terroristi in passato ora ci sostengono”.Temel dice che lei farà ogni cosa possibile per assicurarsi che l’HDP superi la soglia elettorale del 10% che tiene molti partiti politici fuori dal parlamento turco.

Per quanto riguarda la 32 enne Fatma Yurtsever nativa di Yakacık,la cui famiglia emigrò nel villaggio dall’ovest della Turchia,dice che in passato i loro nonni non avrebbero mai votato per un curdo.Con la crescita dell’HDP questa percezione è cambiata.Dice che i suoi nonni hanno superato la politica dello Stato che li ha portati a pensare che i curdi erano “persone cattive.”

“Se [i nostri nonni] sostengono il nostro aiuto con i progetti dell’Hdp,credo davvero che HDP vincerà e supererà la soglia di sbarramento”, ha detto Yurtsever.”La cosa più importante è che le soglie nella testa delle persone sono già state superate. “

Un altra donna del villaggio Leman Ürper dice che ci sono state persone che si sono rifiutate di parlare alla sua famiglia per anni perchè erano curdi.Adesso dice che persone che non aveva mai immaginato che avrebbero sostenuto l’Hdp le hanno detto che voteranno per loro.Se HDP supera lo sbarramento elettorale,ha detto,prevede che non potranno mai sperimentare di nuovo quel livello di discriminazione.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Memet Sıddık Akış, co-sindaco eletto del comune di Hakkari, è stato arrestato questa mattina e sostituito dal governatore di Hakkari. Il fascicolo investigativo utilizzato...

Turchia

La deputata del partito DEM Ceylan Akça-Cupolo chiede un’indagine sullo sfollamento forzato della popolazione di Sur avvenuto dopo la distruzione del quartiere storico. Il...

Turchia

Condanne durissime contro l’Hdp. 42 anni a Demirtas, l’unico in grado di ridare forza e unità alla sinistra turca e curda. Prima del verdetto...

Turchia

Gültan Kışanak, Ayla Akat Ata, Meryem Adıbelli, Ayşe Yağcı e Sebahat Tuncel sono di nuovo libere. Ma non si sentono veramente libere. Dopo aver...