Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Kurdistan

L’Europol ha istituito un’unità speciale per combattere il PKK

Si è appreso che l’agenzia delle forze di polizia dell’Unione Europea,Europol,ha istituito un’unità speciale per coordinare l’azione contro il PKK.É emerso che l’unità ,è stata chiamata “Target Group Bazaar”,ed è stata costituita durante l’ultimo incontro di novembre sotto l’egida dell’Ufficio federale tedesco di polizia criminale (BKA).Il deputato del partito della sinistra tedesca Andrej Hunko  ha chiesto al governo tedesco di porre fine ai suoi sforzi per eliminare il movimento curdo.

Nonostante  l’efficace lotta del PKK contro le bande di ISIS in Medio Oriente,l’atteggiamento dei paesi occidentali nei confronti del movimento curdo di liberazione non è cambiato.In una risposta del governo di Berlino ad un quesito del deputato tedesco Andrej Hunko,si è chiarito che gli sforzi dell’agenzia delle forze di polizia europee stanno continuando.

In una risposta è stato affermato che”Target Group Bazaar” è stata istituita in particolare per contrastare le fonti finanziarie del PKK e di assicurare un flusso di informazioni tecniche.È stato dichiarato che il gruppo si è riunito regolarmente per preparare le operazioni su iniziativa del BKA,e vi hanno preso parte funzionari di Austria,Belgio,Danimarca,Paesi Bassi,Spagna,Svizzera,Regno Unito e dell’Europol.

L’Ultimo incontro il 24 Novembre

Nella risposta del governo federale si è detto che il gruppo si è riunito a L’Aia, il 15 aprile ed  infine tra il 12 e 14 novembre 2014.In queste riunioni da parte dei partecipanti sono stati comunicati dati per quanto riguarda le indagini sul PKK.

Anche se il governo federale ha sostenuto di non avere il diritto di intervenire all’incontro di questa unità,ha ammesso che in diverse occasioni la BKA aveva condiviso informazioni con l’unità.Il deputato del Partito della Sinistra Andrej Hunko,che ha posto la questione al Parlamento federale,ha criticato la politica dell’Unione Europea e della Germania verso il movimento di liberazione curdo.

Smettete di cercare di eliminare il PKK

Hunko ha affermato che il governo tedesco ha adottato una politica consapevole cercando di eliminare e di distruggere il PKK,aggiungendo che il movimento di liberazione curdo sta combattendo per proteggere l’amministrazione curda in Siria.

Hunko ha dichiarato che la BKA ha partecipato a tali incontri dal 2011 ,aggiungendo:””Nello stesso periodo ci sono stati anche 7 incontri tra il BKA e intelligence turca.”

Hunko ha inoltre detto che anche ‘Ufficio federale per la protezione della costituzione(BFV) ha condiviso informazioni con l’Organizzazione dell’intelligence turca(MIT).Il deputato tedesco ha aggiunto:”L’intelligence turca sta inviando armi a ISIS.Dunque il governo federale deve recidere immediatamente i rapporti con le forze di sicurezza turche e adottare una nuova posizione verso la Turchia”.

Hunko ha chiesto anche che la essa al bando del PKK in Germania,la quale è stata introdotta nel 1993 venga rimossa,e ha chiesto all’UE di rimovere il PKK dalla lista delle”organizzazioni terroriste”.

Hunko ha chiuso chiedendo che venga stabilito un contatto ufficiale con il PKK ed il PYD

ANF/PERWER YAŞ – BERLIN 22.01.2015

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Memet Sıddık Akış, co-sindaco eletto del comune di Hakkari, è stato arrestato questa mattina e sostituito dal governatore di Hakkari. Il fascicolo investigativo utilizzato...

Turchia

La deputata del partito DEM Ceylan Akça-Cupolo chiede un’indagine sullo sfollamento forzato della popolazione di Sur avvenuto dopo la distruzione del quartiere storico. Il...

Turchia

Condanne durissime contro l’Hdp. 42 anni a Demirtas, l’unico in grado di ridare forza e unità alla sinistra turca e curda. Prima del verdetto...

Turchia

Gültan Kışanak, Ayla Akat Ata, Meryem Adıbelli, Ayşe Yağcı e Sebahat Tuncel sono di nuovo libere. Ma non si sentono veramente libere. Dopo aver...