Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Iraq

Il ministro Eroğlu avverte ISIS: non provate la pazienza della Turchia

ANKARA (DİHA) – Il ministro degli affari delle foreste e dell’acqua Veysel Eroğlu ,ha avvertito lo Stato Islamico d’Iraq e di Sham(ISIS)di non provare la pazienza della Turchia ,dopo che il gruppo ha accusato la Turchia di tagliare i flussi del fiume Eufrate,prosciugando  la Siria settentrionale.

“La Turchia è un paese che non si arrende a tali minacce,”ha affermato Eroğlu,avvertendo che la diga di Mosul,che è stata conquistata recentemente da ISIS,potrebbe crollare in qualsiasi momento, ricordando che la Turchia si era offerta di aiutare il governo centrale  irachenoi in merito alla questione.

“Di conseguenza, ISIS non dovrebbe bluffare sulle minacce. Abbiamo la pazienza fino a un certo punto, “ha dichiarato.

L'”addetto stampa”, di ISIS Abu Mosa ha dichiarato a Vice Notiziea Raqqa che la Turchia dovrebbe riconsiderare la sua decisione di interrompere il flusso del fiume. “Se non aprono la diga Atatürk in Turchia, che sta distogliendo l’acqua, la apriamo noi da Istanbul”, ha detto nel documentario.

13 Agosto 2014

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Memet Sıddık Akış, co-sindaco eletto del comune di Hakkari, è stato arrestato questa mattina e sostituito dal governatore di Hakkari. Il fascicolo investigativo utilizzato...

Turchia

La deputata del partito DEM Ceylan Akça-Cupolo chiede un’indagine sullo sfollamento forzato della popolazione di Sur avvenuto dopo la distruzione del quartiere storico. Il...

Turchia

Condanne durissime contro l’Hdp. 42 anni a Demirtas, l’unico in grado di ridare forza e unità alla sinistra turca e curda. Prima del verdetto...

Turchia

Gültan Kışanak, Ayla Akat Ata, Meryem Adıbelli, Ayşe Yağcı e Sebahat Tuncel sono di nuovo libere. Ma non si sentono veramente libere. Dopo aver...