Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Rassegna Stampa

Diyarbakır, i ragazzi dei giardini di Hevsel

DIYARBAKIR – I ragazzi delle piante che non ci sono più presidiano il luogo. Una zona verde vicinissima a Diyarbakır (Amed in kurdo) di proprietà della locale università che ha concesso alcuni ettari al ministero degli Interni. Quest’ultimo senza pensarci su ha deciso di costruire lì degli edifici e venderli, un cambio di destinazione d’uso a vantaggio della speculazione edilizia e delle sue casse.

Appena diffusa la notizia giovani e studenti della zona sono accorsi per protestare, evidenziando le storture della gestione dei due dicasteri responsabili d’un attacco ecologico al territorio. Nei giorni seguenti l’avvio d’un presidio permanente ha ricevuto visita e assalto dei reparti di polizia giunti a manganellare e sgombrare.

Poi per mostrare i muscoli agli attivisti e alla stessa natura una squadretta in borghese ha provveduto a tagliare alberi d’alto fusto sparsi su quell’area chiamata i giardini di Hevsel. E’ la rivalsa dello Stato turco su una comunità socio-politica che rivendica presenza e controllo della terra che nell’antichità era un tesoro di frutteti. Ancora oggi è un altopiano fertilissimo bagnato dal Tigri dove, fra gli altri esemplari, cresce un tipo d’anguria gigantesca.

 
Dopo le sassaiole i ragazzi sono tornati, piantando sul posto tende e striscioni che ricordano i militanti dei partiti legali (BDP) e illegali (PKK) uccisi nel tempo. Combattenti della cultura come la cantante della guerriglia Şehit Delila (https://www.youtube.com/watch?v=fqHCtwcSK6g), colpita proprio quando le cose iniziavano a cambiare seguendo le aperture avviate da Erdoğan, che comunque verso i kurdi per anni ha praticato uno ‘stop and go’ di avanzamenti e retromarce condito di repressione.
 
Per fortuna l’epoca delle persecuzioni feroci con arresti di massa anche in questa città e nei villaggi limitrofi sembrano alle spalle. Alcuni dei ragazzi del presidio ne hanno avuto notizia dai fratelli maggiori o dai genitori che non vogliono spezzare il filo della memoria. Un legame che passa anche attraverso l’uso del linguaggio, sempre meno utilizzato dalle giovani generazioni che devono rapportarsi al mondo globalizzato e immagazzinano nella mente il turco oppure l’inglese e il tedesco della scuola.
 
Perciò centri culturali che riescono a sopravvivere (la Casa Dengbej) o vengono rilanciati dal desiderio di testimoniare un passato millenario, richiamato anche nelle teorizzazioni dell’uomo simbolo della rivendicazione identitaria – Abdullah Öcalan –, proseguono un rapporto con l’arte basato su canti e danze.
 
 
Con talune leggi avviate nello scorso autunno ora i sindaci hanno la facoltà di disporre di fondi senza attendere che giungano dal governo centrale. Una parte delle tasse della popolazione resta nelle casse municipali. Con questo decentramento federale l’amministrazione non deve più spendersi in richieste e preghiere ai politici di Ankara per finanziare opere locali attese da decenni.
 
E’ il caso d’un servizio di tram che i 600.000 cittadini (un milione e duecentomila nell’intera provincia) aspettano da un decennio e il cui progetto resta bloccato in prefettura. Burocrazia che, col voto kemalista o islamico, non faceva bene alla gente di Amed. Così dalle amministrative dei prossimi giorni le attese si sommano: la coppia del BDP candidata in città (Firat Anli e Gulten Kisanak) punta ad aumentare la percentuale di voto attestato nelle ultime consultazioni attorno al 64%.
 
Pensa di continuare a dirigere la municipalità e avere la forza economica per costruire, ad esempio, un nuovo ospedale che rimpiazzi il vecchio dismesso e ora nelle mire del ministero della Difesa che vorrebbe inglobare quella struttura nelle tante caserme esercitative, tuttora presenti attorno alle millenarie mura. Come gli oltre 300.000 soldati. Avete capito bene, trecentomila, per i quali alloggi privati protetti da colleghi armati non mancano.
 
 
Di Enrico Campofreda
 
 
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Condanne durissime contro l’Hdp. 42 anni a Demirtas, l’unico in grado di ridare forza e unità alla sinistra turca e curda. Prima del verdetto...

Turchia

Gültan Kışanak, Ayla Akat Ata, Meryem Adıbelli, Ayşe Yağcı e Sebahat Tuncel sono di nuovo libere. Ma non si sentono veramente libere. Dopo aver...

Turchia

Sara Kaya, ex co-sindaco del distretto di Nusaybin a Mardin, è stata rilasciata dal carcere il 9 maggio dopo un lungo periodo di detenzione....

Turchia

Un gruppo di 159 accademici, scrittori, parlamentari e avvocati ha chiesto il rilascio delle persone imprigionate nel processo di Kobanê e ha affermato: “Questo...