Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Retekurdistan.it | 20 ottobre 2019

Seleziona una pagina:
Scroll to top

Top

Nessun commento

Messaggio della KCK su Xerib: I collaborazionisti saranno puniti

Messaggio della KCK su Xerib: I collaborazionisti saranno puniti

9 luglio 2019


“Noi promettiamo a voi e al nostro popolo: noi lavoreremo per raggiungere i suoi obiettivi e realizzare i sogni del compagno Helmet e di tutti i nostri martiri, infliggendo pesanti colpi contro il nemico e punendo i collaborazionisti. ” ha detto la KCK.Il componente del Consiglio Generale di Presidenza dell’Unione delle Comunità del Kurdistan (KCK) Diyar Xerib e due guerriglieri sono caduti martiri in un attacco aereo turco a Qandil il 5 luglio.

La co-Presidenza del Consiglio Esecutivo della KCK ha inviato un messaggio di condoglianze alla famiglia di Xerib. Il componente del Consiglio Esecutivo della KCK Xebat Hewlêrî ha letto il messaggio a Sulaymaniyah dove la famiglia sta ricevendo visite di cordoglio.

Il messaggio della KCK è il seguente:

“Il martirio di Helmet è un profondo dolore per noi, il nostro movimento, il nostro popolo patriottico e il Kurdistan del sud, come per voi è un enorme lutto. Il nostro dolore potrà essere alleviato solo quando i sogni del compagno Helmet, preso di mira con il proposito di infliggere un colpo al Movimento di Liberazione curdo e al Kurdistan del sud. Voi e il popolo del Kurdistan del sud nell’abbraccio al martire Helmet, sarete il nostro [punto di] riferimento per far avverare i suoi sogni.

Durante la sua lotta di 25 anni nelle file del movimento di liberazione PKK, il compagno Helmet è stato un rivoluzionario esemplare e una personalità di spicco. La pura istruzione che ha ricevuto dalla famiglia e dal Leader Apo (Öcalan) lo ha reso una personalità etica, politica e sociale.

Il compagno Helmet, membro del Consiglio Generale di Presidenza della KCK e del Comitato Centrale del PKK, è stato in prima linea nei suoi precendenti lavori nel Kurdistan del sud. Ha presieduto il Partito della Soluzione Democratica del Kurdistan (PÇDK). Era un amico con una grande conoscenza del sociale e ha compiuto le sue missioni con tutta la serietà possibile. Ha sempre istruito le persone e i suoi compagni a questo fine. Ha fatto grandi sforzi per la costruzione dell’unità nazionale curda. Era fermo nelle idee libertarie del Leader Apo. L’attacco contro la sua persona è anche un attacco all’idea e alla filosofia del Leader Apo.

È di grande valore che voi abbracciate il martire. Noi promettiamo a voi e al nostro popolo: noi lavoreremo per raggiungere i suoi obiettivi e realizzare i sogni del compagno Helmet e di tutti i nostri martiri, infliggendo pesanti colpi contro il nemico e punendo i collaborazionisti. Gli obiettivi per i quali il compagno Helmet ha dato la vita verranno certamente raggiunti.”

Fonte: ANF


Inserisci un commento