Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Retekurdistan.it | 17 luglio 2019

Seleziona una pagina:
Scroll to top

Top

Nessun commento

TEV-DEM: Aumentate la lotta contro lo Stato turco invasore

TEV-DEM: Aumentate la lotta contro lo Stato turco invasore

28 aprile 2019


Il TEV-DEM protesta per la costruzione di un muro ad Afrin da parte dello Stato turco e invita a aumentare la lotta contro lo gli attacchi dello Stato turco invasore contro Afrin e il resto del territorio siriano.

Il Movimento della Società Democratica (TEV-DEM) ha rilasciato una dichiarazione contro la costruzione di un muro a Afrin da parte dello Stato turco invasore.

La dichiarazione del TEV-DEM evidenzia quanto segue:

“Come TEV-DEM condanniamo con forza la costruzione di un muro a Afrin per separare la città dal resto della Siria e annunciano che ci opporremo all’invasione con ogni metodo internazionalmente legittimo.

In un momento in cui sono in corso sforzi a livello internazionale per una costituzione provvisoria, lo Stato turco sta prevenendo una soluzione politica e causando una crisi. In questo senso l’invasione dello Stato turco ha raggiunto il livello di frammentazione del territorio, genocidio, cambiamento demografico e di modifica dell’identità curda di Afrin per includere la città nel territorio turco. Quindi lo Stato turco sta violando trattati e leggi internazionali.

La Turchia non si è allontanata da ISIS, Al Nusra o altre organizzazioni terroristiche. Al contrario, ha fornito opportunità a queste organizzazioni per accelerare il terrorismo e la violenza in Siria e per fermare l’avvicinamento delle forze siriane, sostenendole con armi, denaro, logistica e medicinali.

Lo Stato turco vuole costruire un muro e includere Afrin nel territorio turco. Ankara per questa pratica cita la sicurezza dei confini, ma tutto viene fatto per staccare Afrin dalle terre siriane.

Con il silenzio della Russia e della Comunità Internazionale, lo Stato turco continua a legittimare invasioni e frammentazione del territorio, nel tentativo di ripetere gli scenari di Cipro e Iskenderun. La Russia deve svolgere il suo ruolo morale e storico contro l’attuale situazione della Turchia.

Facciamo appello al Bakur, al Bashur, al Rojava e al Rojhilat, tutte le parti del Kurdistan, di far crescere la lotta contro gli attacchi dello Stato turco invasore contro Afrin e la Siria in generale. Noi crediamo che il terrorismo dell’AKP che ora cerca di riprendersi attraverso pratiche razziste dalla recente sconfitta elettorale, sarà sconfitto. Crediamo pienamente nella volontà del nostro popolo resistente.

Come Movimento della Società Democratica facciamo appello al Consiglio di Sicurezza dell’ONU , alla Lega Araba, alle forze della democrazia e della pace e a tutte le strutture internazionali di opporsi alle pratiche dello Stato turco invasore a Afrin, Idlib, Bab, Jarablus e Azaz e di fare pressioni affinché lasci il territorio siriano e rispetti la volontà dei popoli.”

 

ANF


Tags

Inserisci un commento