Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Retekurdistan.it | 25 marzo 2019

Seleziona una pagina:
Scroll to top

Top

Nessun commento

I medici: La soglia critica è stata superata dagli scioperanti della fame nelle carceri

I medici: La soglia critica è stata superata dagli scioperanti della fame nelle carceri

2 gennaio 2019


Un gruppo di organizzazioni di medici e di ausiliari ha avvertito che la soglia critica è stata superata dagli scioperanti della fame in carcere. La Camera degli ausiliari di Mardin (MTO), la sezione di Mardin del sindacato dei lavoratori della sanità e del sociale (SES) , la Camera dei dentisti di Mardin (MDHO) e la Confederazione dei sindacati dei lavoratori pubblici (KESK) di Mardin Branches hanno rilasciato una dichiarazione relativa agli scioperi della fame in corso.

La dichiarazione, oltre a ricordare che Leyla Güven deputata di HDP di Hakkari è in sciopero della fame da 56 giorni per chiedere la fine dell’isolamento imposto al leader del popolo curdo Abdullah Öcalan, ha anche richiamato l’attenzione sulla situazione di Kadir Karabak e di Esat Naci Yildirim, che sono al loro 108 ° giorno di fast death (morte veloce) nel carcere chiuso di tipo F Van.

I rappresentanti delle istituzioni che hanno rilasciato la dichiarazione si sono riuniti nella conferenza stampa alla sede della KESK di Mardin

Tuncay Gökçen, membro del consiglio direttivo dell’MTO, ha letto la dichiarazione a nome delle organizzazioni.

Osservando che molti prigionieri proseguono con il loro sciopero della fame e che nuovi detenuti si uniscono all’iniziativa ogni settimana, Gökçen ha affermato: “Gli scioperi della fame, che tendono a diffondersi in tutte le prigioni, si sono avvicinati in alcuni luoghi alla soglia della morte . Questa è una questione delicata per i medici la cui priorità è la protezione della vita umana e della dignità. I detenuti e i condannati che hanno fatto lo sciopero della fame a tempo indeterminato hanno bisogno di spiegazioni sui i danni che la fame produce ai corpi e sulle misure da adottare. Abbiamo bisogno di avere il consenso informato da ciascuno di essi, sono necessari interventi supplementari e cure mediche giornaliere. “

Non c’è tempo da perdere

Ricordando lo sciopero della fame e le death fast in carcere negli anni 1996 e 2000, Gökçen ha dichiararo: “I comitati indipendenti da formare nelle camere dei medici dovrebbero adottare le misure necessarie per monitorare gli scioperanti della fame e assicurare il minimo danno durante il loro digiuno. Le organizzazioni per i diritti umani dovrebbero essere consapevoli del fatto che vi possono essere morti in qualsiasi momento poiché la soglia critica è stata superata, noi crediamo, come professionisti della salute “.

Gökçen ha spiegato che il percorso verso la morte negli scioperi della fame è di sofferenza e dolore: “Difficoltà nella respirazione, nausea e vomito, ipersensibilità, ipotensione, impossibilità di movimento, deterioramento rapido del corpo e la morte. Come operatori sanitari ricordiamo la sacralità del diritto alla vita e ci aspettiamo che le autorità, le istituzioni interessate e in particolare il governo intervengano “.

Le richieste dei prigionieri dovrebbero essere garantite

Alla fine della dichiarazione, le organizzazioni hanno chiesto con urgenza che le richieste dei prigionieri fossero prese in considerazione dal Ministero della giustizia. È nostro dovere esigere i necessari negoziati per la fine di questo sciopero della fame condotto dai prigionieri, invitando coloro che sono sensibili all’umanità e alla vita umana, compresi i politici, a fare qualsiasi tentativo per porre fine allo sciopero della fame Abbiamo sottolineato che una delegazione di medici indipendenti dovrebbe essere istituita e dovrebbe essere autorizzata ad entrare nelle carceri il prima possibile. Dobbiamo sapere che la vita è la cosa più essenziale “.

 

ANF


Inserisci un commento