Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Retekurdistan.it | 20 settembre 2019

Seleziona una pagina:
Scroll to top

Top

Nessun commento

XIV° Rassegna del Cinema Kurdo e Mediorientale

XIV° Rassegna del Cinema Kurdo e Mediorientale

8 aprile 2013


8 Aprile 2013
XIV° Rassegna del Cinema Kurdo e Mediorientale
Aspettando nuove primavere

Mercoledì 10 aprile – spettacolo unico ore 21.30

Cinema     MACALLE’
Castelceriolo – Alessandria

2° Film della rassegna:     PRESS  di  Sedat Yilmaz   Turchia 2010

Sono gli anni ’90 e un gruppo di sei giornalisti del quotidiano filokurdo, Ozgur Gundem, sta cercando di attirare l’attenzione del mondo sulla regione del Kurdistan turco, avendo scoperto delle violazioni dei diritti umani a Diyarbakir.
Nazim apre e pulisce la redazione e l’ufficio tutti i giorni; inoltre, aiuta i redattori nella distribuzione dei giornali.
Un giornalista indaga sulla scomparsa di cinque abitanti di un villaggio, il suo nome è Hafiz, e scopre le tracce di una banda paramilitare a capo del sequestro.
Il giornale sarà alle prese con difficoltà tecniche e sottoposto a vari tentativi di intimidazione.
Ad un certo punto, la distribuzione del giornale verrà persino bloccata, e, di conseguenza, i giornalisti dovranno trovare una soluzione alternativa per poter far arrivare le notizie all’esterno della loro redazione.

*   *   *

Negli anni ’90, Ozgur Gundem, il giornale filokurdo, è stato chiuso dalle autorità turche ben 52 volte e per 26 volte è stato costretto a cambiare nome alla testata.

76 sono i giornalisti di Ozgur Gundem che hanno pagato con la vita, la propria scelta di raccontare l’oppressione e le violenze dello Stato turco verso il popolo kurdo.

Molti giornalisti di Ozgur Gundem sono attualmente in carcere.

La Turchia vanta il triste primato del maggior numero di giornalisti in carcere (oltre 100) di qualsiasi altro Paese del mondo.

 

 


Inserisci un commento