Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Retekurdistan.it | 20 ottobre 2019

Seleziona una pagina:
Scroll to top

Top

Carcere

Prigionier* del PKK e del PAJK ricordano la resistenza del 14 luglio

Prigionier* del PKK e del PAJK hanno rilasciato una dichiarazione per ricordare il 37° anniversario della resistenza di digiuno fino alla morte ad Amed nel 1982. Leggi tutto

Trasferimento forzato di prigionieri che hanno partecipato allo sciopero della fame

Prigionieri che hanno partecipato allo sciopero della fame per la rimozione dell’isolamento di Abdullah Öcalan, con il pretesto di cure mediche vengono distribuiti forzatamente in altre carceri. Protestano con nuovo scioperi della fame. Leggi tutto

TUAYDER: Non smetteremo di lavorare a causa della repressione

La sede di TUAYDER di Mersin, diventata un bersaglio per via della solidarietà con le famiglie e I prigionieri durante la resistenza di sciopero della fame, si impegna a continuare a lavorare nonostante la repressione. Leggi tutto

Bilancio semestrale: 154 giornalist* nelle carceri turche

L’Iniziativa di Giornalist* Liber* ha pubblicato un rapporto sulla libertà di stampa in Turchia per il primo semestre del 2019. Leggi tutto

Dopo quattro anni: Visita dal fratello a Imrali

Dopo anni di divieto di contatti, Sabiha Aslan ha potuto visitare suo fratello Veysi Aktaş sull’isola carcere di Imrali. Aktaş è uno dei quattro prigionieri sull’isola dei quali fa parte anche Abdullah Öcalan. Leggi tutto

Intossicazione alimentare per attivist* che hanno fatto lo sciopero della fame nel carcere di Şakran

Cinque prigionier* del carcere di Şakran che hanno preso parte allo sciopero della fame sono stat* ricoverat* in ospedale per un’intossicazione alimentare causata dal cibo del carcere. Leggi tutto

Famigliari avviati verso Imrali

Il fratello di Abdullah Öcalan, Mehmet Öcalan, e partenti degli altri prigionieri del carcere di Imrali attualmente si sono in viaggio verso l’isola carcere. La loro richiesta di visita in precedenza era stata approvata dalla procura generale di Bursa. Leggi tutto

Iran: 30 anni di carcere per avvocato per i diritti umani

L’avvocato per i diritti umani Amirsalar Davoodi in Iran è stato condannato a 30 anni di carcere e 111 frustate. Il 27enne, che difende anche la prigioniera politica curda Zeynab Jalalian, è accusato di „propaganda contro lo Stato“. Leggi tutto

Celik: Le conquiste ottenute pagando un prezzo devono essere difese

Naime Celik che è stata per 87 giorni in sciopero della fame contro l’isolamento a Imrali, ha sottolineato che le vere artefici del successo sono state le madri che hanno continuato la loro resistenza durante l’intero processo e chiama a difendere le conquiste. Leggi tutto

IHD: Violazioni dei diritti dei prigionieri che hanno fatto lo sciopero della fame

Dopo la fine dello sciopero della fame nelle carceri, continuano ad essere all’ordine del giorno molte violazioni di diritti relative alle cure mediche dei prigionieri. Leggi tutto