Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Iraq

CPT: La Turchia ha schierato 300 carri armati militari nel Kurdistan meridionale

“Se la Turchia raggiungesse il suo obiettivo in questa operazione militare, una parte essenziale del territorio del Kurdistan sarebbe nelle mani delle forze armate turche, e sarebbe quasi impossibile riprenderla sotto il potere del KRG e del governo iracheno” Il Community Peacemaker Teams (CPT) ha rilasciato una dichiarazione sui tentativi di invasione dell’esercito occupante turco contro il Kurdistan meridionale (Iraq settentrionale). Il CPT ha dichiarato che le forze armate turche hanno avviato una nuova offensiva militare nel Kurdistan iracheno con un massimo di 300 carri armati militari, operando sul terreno a Barbary Balla per dieci giorni e sono entrati in diversi villaggi della regione.

“Il 28 gennaio 2024, le forze armate turche hanno iniziato la costruzione di una rete stradale militare nel Kurdistan iracheno. Questa rete collegava le basi militari costruite durante l’operazione “Claw Lightning” del 2021 nell’area di Berwary Balla nel sottodistretto di Kani Masi.

La Turchia ha costruito in poche settimane questa rete stradale che ha raggiunto i 9 km di profondità all’interno del Kurdistan iracheno. Il 10 aprile 2024 le forze di guardia di frontiera irachene hanno costruito due basi militari nei villaggi intorno a Batifa. Queste basi militari, stabilite su Mily Siri e Chapere Englis, sono state costruite per impedire alla Turchia di avanzare ulteriormente nel Kurdistan iracheno.

La costruzione di queste due basi ha consentito il ritorno di centinaia di famiglie provenienti da Kashan, Shilan, Banke e da decine di altri villaggi. Ad alcuni abitanti dei villaggi è stato impedito di visitare le loro terre per 13 anni. Poco dopo il completamento della costruzione, le forze armate turche hanno iniziato l’avanzata militare nei villaggi dell’area di Berwary Balla, situata nella parte orientale del distretto di Batifa”, si legge nella dichiarazione intitolata “Che cosa mirano le forze armate turche nel Kurdistan iracheno?”

La dichiarazione continua: “Negli ultimi dieci giorni, le forze armate turche sono entrate nei villaggi di Ura, Seraro, Aradina, Keste, Chalke e Babire attraverso le strade militari costruite nel gennaio di quest’anno. Negli ultimi tre giorni, quasi 1000 soldati turchi sono stati visti andare avanti e indietro tra la base militare Gre-Barukh (Gre-Barukh è la base militare turca più estesa nel Kurdistan iracheno, costruita nel 1997) e la montagna Metina dietro il sottodistretto di Bamarne. . Dalla mattina del 25 giugno, le forze armate turche hanno istituito un posto di blocco tra i villaggi di Babire e Kani Belave, e chiunque percorre quella strada verrà controllato dai soldati turchi”.

Il CPT ha sottolineato che l’obiettivo attuale della Turchia è stabilire una linea di sicurezza da Shiladze a Batifa. Questa linea di sicurezza attraversa i sottodistretti di Deraluke, Bamarne, Kani Mase e Begova. L’esercito turco controllerebbe tutti i villaggi, le montagne, le terre, le valli e i fiumi dietro questa linea. Il CPT ha avvertito che in futuro, i conflitti militari avverranno all’interno delle aree urbane, e le città saranno i campi di battaglia.

Un altro obiettivo dell’operazione militare turca è raggiungere il monte Hawt Tabaq attraverso Shiladze e quindi controllare la catena montuosa Gara. Se ciò accadesse, il governo regionale del Kurdistan (KRG) perderebbe il 70-75% del suo potere nel governatorato di Duhok. Allo stesso tempo, questa manovra militare è una risposta alla recente costruzione di una base da parte delle guardie di frontiera irachene per impedire alla Turchia di entrare ulteriormente nel Kurdistan iracheno quest’anno”, ha affermato l’organizzazione.

Il CPT ha avvertito che: “Se la Turchia raggiungesse il suo obiettivo in questa operazione militare, decine di villaggi e città dovranno affrontare gravi minacce e centinaia di abitanti dei villaggi e civili saranno sfollati. “Una parte essenziale del territorio del Kurdistan sarebbe nelle mani delle forze armate turche, e sarebbe quasi impossibile riprenderla sotto il potere del KRG e del governo iracheno”.

 

 

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Diritti umani

Sottolineando che almeno 30 donne sono state uccise nella regione federata del Kurdistan in 6 mesi, l’esponente del RJAK Ronak Majid ha affermato: “Le...

Iraq

ll dottor Kamuran Berwarî ha affermato che la Turchia sta prendendo di mira l’invasione con attacchi nella regione federata del Kurdistan e ha affermato:...

Comunicati

L’esercito turco ha avviato una nuova operazione militare nella regione del Kurdistan iracheno (Kurdistan meridionale), che segnala nuovi attacchi e tentativi di invasione. L’aumento...

Iraq

Dopo la vittoria elettorale del partito DEM nel Kurdistan settentrionale, il regime AKP-MHP continua ad intensificare i suoi attacchi contro i curdi. I guerriglieri...