Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Comunicati

È necessario agire contro i crimini di guerra turchi in Rojava

Lo Stato turco attacca il Rojava [Kurdistan occidentale/Siria settentrionale] dal 13 gennaio 2024 nell’ambito dei suoi piani genocidi e continua questi attacchi da 4 giorni.

Ancora una volta, aerei da guerra e droni hanno preso di mira aree residenziali, infrastrutture sia sopra che sotto terra, siti di produzione, centri di produzione petrolifera e impianti energetici, magazzini, depositi, ospedali e scuole.

Condanniamo fermamente questi attacchi brutali e spregevoli da parte dello Stato colonialista genocida turco. Con questi attacchi lo Stato turco ha dimostrato ancora una volta al mondo intero quanto sia fortemente ostile nei confronti dei curdi, che sia ostile al popolo e che non nulla a che fare parte con l’umanità e la moralità.

Abbiamo sottolineato in molte delle nostre dichiarazioni che lo Stato turco ha una mentalità anti-curda e mira ad occupare il Rojava nel quadro della sua politica di genocidio curdo. Abbiamo sottolineato in molte delle nostre dichiarazioni che lo Stato turco ha una mentalità anti-curda e mira ad occupare il Rojava nel quadro della sua politica di genocidio curdo.

Lo Stato turco lo dimostra ogni volta con i suoi attacchi disumani. L’inimicizia curda ha raggiunto il livello di una malattia nello stato turco e nell’amministrazione di Tayyip Erdoğan. Lo Stato turco lo dimostra ogni volta con i suoi attacchi disumani. L’inimicizia curda ha raggiunto il livello di una malattia nello stato turco e nell’amministrazione di Tayyip Erdoğan.

I danni di questa mentalità malata, che cresce come un tumore finché vive, aumentano ogni giorno un po’ di più. Lo sradicamento di questa mentalità malata andrà a beneficio non solo del popolo curdo, ma di tutti i popoli del Medio Oriente, in particolare dei popoli della Turchia, e dell’umanità.

Lo Stato turco colonialista e genocida sta commettendo crimini di guerra davanti agli occhi di tutti.Gli attacchi contro il Rojava rientrano nell’ambito dei crimini di guerra e anche lo Stato turco commette il crimine di genocidio commettendo continui massacri. Colpire depositi di rifornimenti, centrali elettriche, idriche ed energetiche, lasciare le città senza elettricità, acqua, pane e carburante è il più grave crimine di guerra.

Lo Stato turco ha ripetutamente commesso questi crimini davanti agli occhi del mondo. Ma il mondo resta in silenzio. Questo atteggiamento è inaccettabile. Rimanere in silenzio contro questi attacchi dello Stato turco significa essere partner degli attacchi, dei crimini di guerra e dei crimini di genocidio commessi dallo Stato turco.

Questo atteggiamento è criminale e in sostanza non è diverso da quello che sta facendo lo Stato turco. Innanzitutto le Nazioni Unite (ONU) devono opporsi a questi attacchi disumani e crimini di guerra dello Stato turco, dichiararli inaccettabili e adottare provvedimenti.

Anche altre istituzioni internazionali dovrebbero prendere posizione in questa direzione e opporsi all’invasione, all’annessione e agli attacchi genocidi da parte dello Stato turco.

Ancora una volta, le forze della coalizione in Rojava dovrebbero avere un atteggiamento non solo contro gli attacchi dell’Isis ma contro tutti gli attacchi. È inaccettabile prendere posizione contro l’Isis e rimanere in silenzio di fronte agli attacchi dello Stato turco.

Esiste una forza di coalizione di oltre 70 paesi nella Siria settentrionale e orientale. Se non si oppongono agli attacchi al Rojava, compresi gli attacchi dello Stato turco, allora perché sono in Rojava?

Lo Stato turco con le sue politiche non danneggia solo il popolo curdo, ma danneggia l’intera regione. L’amministrazione Tayyip Erdoğan vuole intensificare, approfondire e diffondere la guerra in Medio Oriente. Su questo si basano le sue politiche. Si vuole trascinare tutti in conflitto, metterli contro i curdi e tra di loro. Mira a farlo con gli attacchi contro Iraq, Siria, Kurdistan meridionale e Rojava.

Da qui, chiediamo ancora una volta alle Nazioni Unite e alle organizzazioni internazionali competenti, così come alle forze della coalizione e agli stati del Rojava, di non rimanere in silenzio di fronte a questi attacchi e crimini di guerra e di prendere posizione. La popolazione del Rojava ha finora mostrato la resistenza e l’atteggiamento necessari contro gli attacchi dello Stato turco. Salutiamo questo atteggiamento di resistenza del popolo del Rojava. Lo stato colonialista genocida turco vuole intimidire i popoli del Rojava e della Siria nord-orientale con questi attacchi, privarli di opportunità e costringerli a lasciare le loro case e a migrare.

Vuole quindi realizzare i suoi piani di genocidio. Questo è lo scopo principale degli attacchi. Il popolo del Rojava, con la coscienza della libertà e la consapevolezza di questa realtà, deve continuare il proprio atteggiamento rafforzando ulteriormente la propria resistenza e unità e frustrando questo piano del nemico. Fermare gli attacchi ed essere liberi è possibile solo attraverso la lotta. La popolazione del Rojava, che lo sa e se ne rende conto, deve continuare con questo atteggiamento.

Anche lo Stato siriano deve prendere posizione contro gli attacchi e i crimini di guerra dello Stato turco e non deve accettarlo. L’unità, la liberazione e la libertà della Siria sono possibili solo opponendosi agli attacchi dello Stato turco e delle bande che alimenta e attacca.

Per questo, lo Stato siriano deve agire e lottare insieme ai popoli del Rojava, della Siria settentrionale e orientale contro l’invasione, l’annessione e gli attacchi di genocidio dello Stato turco. Allo stesso modo, l’opinione pubblica e gli Stati arabi devono reagire agli attacchi dello Stato turco, respingerli, opporsi e prendere posizione.

Il popolo curdo nelle quattro parti del Kurdistan e all’estero deve mobilitarsi per il Rojava e difenderlo. Tutti i nostri amici internazionali e le forze democratiche rivoluzionarie devono essere solidali con il popolo curdo e difendere la rivoluzione del Rojava.

La rivoluzione del Rojava è il patrimonio comune di tutta l’umanità. Innanzitutto, i rivoluzionari, i socialisti, le donne e tutte le forze democratiche devono sviluppare una forte posizione contro questo fenomeno, creare pressione politica con la posizione che adotteranno e costringere tutti a prendere posizione.

Non si può più rimanere in silenzio di fronte agli attacchi che lo Stato turco ha portato avanti dal 13 gennaio 2024 e che continuano tuttora. Ancora una volta condanniamo fermamente gli attacchi disumani dello Stato turco e invitiamo tutti ad assumersi la responsabilità e a prendere posizione contro gli attacchi e i crimini di guerra commessi dallo Stato turco.

 

La Co-Presidenza del Consiglio esecutivo della KCK

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Comunicati

Il 15 Febbraio 2024 segna il venticinquesimo anniversario del rapimento di Abdullah Öcalan, catturato a Nairobi, in Kenya, a compimento di un complotto internazionale...

Comunicati

Questa mattina il regime iraniano ha giustiziato i prigionieri politici curdi Mohsen Mazloum, Mohammad Faramarzi, Vafa Azarbar e Pejman Fatehi. Con l’ultima ondata di...

Comunicati

Tra il 2013 e il 2015, 10 milioni e 300 mila persone nel mondo hanno sottoscritto un appello internazionale che chiedeva la libertà per Abdullah...

Comunicati

Il Consiglio esecutivo del Congresso nazionale del Kurdistan (KNK) ha rilasciato una dichiarazione in cui condanna gli attacchi effettuati dalla Turchia contro strutture civili...