Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Diritti umani

L’amministrazione penitenziaria di Ankara impone sanzioni disciplinari a 14 prigionieri per aver ballato al ritmo di musica curda

L’amministrazione penitenziaria di Ankara ha imposto una sanzione disciplinare a 14 prigionieri per aver ballato halay al ritmo della canzone curda “Lê Amedê”. Di conseguenza, l’amministrazione ha limitato per un mese i diritti di comunicazione dei prigionieri, sostenendo che stavano celebrando il PKK.

L’amministrazione del carcere chiuso di alta sicurezza n. 1 di Sincan, nella capitale turca di Ankara, ha imposto una sanzione disciplinare a 14 prigionieri per aver ballato halay al ritmo della musica curda, lo ha riferito l’agenzia stampa Mesopotamia il 19 novembre.

Uno dei prigionieri, Kinyas Ataman, ha ricevuto l’annuncio del matrimonio di uno dei suoi tre nipoti durante una telefonata con la sua famiglia il 15 agosto. Dopo essere tornato nel suo reparto, Ataman e i suoi amici hanno iniziato a ballare halay in curdo con la canzone “Lê Amedê “.

È stato quindi presentato un rapporto riguardante la loro danza. La commissione disciplinare del carcere ha cercato la canzone “Lê Amedê” su Google e ne ha incluso il testo in curdo-turco nel rapporto dell’indagine.

Nelle loro dichiarazioni, quattro guardie hanno affermato che i prigionieri cantavano slogan, mentre i prigionieri hanno negato queste affermazioni.

La commissione disciplinare ha sostenuto che la canzone in questione conteneva “il messaggio dell’organizzazione (terroristica)”.

Tuttavia, la canzone in questione non contiene i testi accusatori “Bijî Serok Apo” e “Bijî Guerilla”, come ha sostenuto la commissione. Inoltre, la commissione non ha incluso nei documenti dell’indagine il contenuto della telefonata di Ataman, in cui aveva ricevuto l’annuncio del matrimonio di un suo parente.

Il consiglio ha poi sostenuto che il 15 agosto era l’anniversario della prima grande azione del Partito dei lavoratori del Kurdistan (PKK) e che i prigionieri stavano ballando halay per questo motivo, e ha aggiunto che i prigionieri stavano disturbando l’ordine dell’istituzione e creando “cattivo esempio”.

Il consiglio ha deciso il 31 agosto di limitare per un mese i diritti di comunicazione dei prigionieri, compresa la ricezione e l’invio di lettere e gli incontri con le loro famiglie.

I prigionieri hanno poi portato la questione alla magistratura e hanno affermato che erano membri del PKK e che avrebbero difeso e rivendicato qualora avessero festeggiato per il PKK, ma che avevano ballato l’halay per l’annuncio del matrimonio.

Un tribunale di Ankara ha ritenuto adeguata la sanzione disciplinare inflitta e ha respinto la richiesta dei prigionieri.

 

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Diritti umani

MÊRDÎN – Nel caso KCK in corso a Mêrdîn (Mardin) dal 2014, 15 politici curdi, tra cui l’ex deputata Gülser Yıldırım, sono stati condannati...

Diritti umani

Dicle Müftüoğlu, co-presidente della DFG, che ha annunciato di aver iniziato uno sciopero della fame, ha dichiarato: “Come giornalista le cui attività professionali sono...

Diritti umani

La giornalista Safiye Alağaş è stata arrestata ieri sera dalla polizia. Ieri sera la polizia ha intercettato il veicolo di Safiye mentre viaggiava da...

Diritti umani

I redattori arrestati dalle forze del KDP hanno scritto sulla sorte di Süleyman Ahmet: “Sono passati 44 giorni: dov’è Süleyman Ahmet?” Continuando a chiederselo,...