Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Diritti umani

Impedito il rilascio di 28 prigionieri in 13 carceri

AMED – ÖHD e TUAY-DER hanno annunciato che, nelle loro indagini in 13 carceri, il rilascio di 28 prigionieri è stato impedito per vari motivi. La sezione di Amed (Diyarbakir) dell’Associazione degli avvocati per la libertà (ÖHD) e dell’Associazione per l’assistenza alle famiglie dei detenuti (TUAY-DER) hanno annunciato che i periodi di rilascio di 28 detenuti in 13 carceri di Amed(Diyarbakır), Dîlok(Gaziantep), Elezîz(Elazig), Erzîngan (Erzincan) ed Erzirom (Erzurum) sono stati estesi.

Il rapporto preparato sull’argomento è stato annunciato nel corso di una conferenza stampa tenutasi nell’edificio della Federazione delle associazioni legali e di solidarietà dei detenuti e delle famiglie dei detenuti della Med (MED TUHAD-FED). Alla conferenza stampa hanno partecipato anche molte persone della Piattaforma per la protezione della città di Diyarbakır, del Partito per l’uguaglianza e la democrazia dei popoli (HEDEP), del Partito delle regioni democratiche (DBP) e dell’Unione dei pensionati uniti (BES).

L’isolamento di Ocalan

Intervenendo all’incontro, il membro della Commissione penitenziaria dell’ÖHD Zeki Binbir ha dichiarato: “L’isolamento imposto al leader del PKK Abdullah Öcalan non può essere accettato.

Le famiglie di Abdullah Öcalan e dei prigionieri Veysi Aktaş, Hamili Yıldırım e Ömer Hayri Konar non possono incontrarsi da 4 anni, 8 mesi e 21 giorni, e che la visita di un avvocato è stata impedita per 4 anni, 3 mesi e 17 giorni. Da 2 anni e 8 mesi perdura lo stato di assoluta incomunicabilità. L’isolamento imposto a İmralı si sta estendendo a tutte le carceri.”

Sono state poste domande ai detenuti

Affermando che l’amministrazione penitenziaria e i comitati di osservazione agiscono come “meccanismi giudiziari”, Binbir ha affermato: “Il concetto di ‘buona condotta’, che influisce direttamente sul diritto alla libertà e alla sicurezza personale, è lasciato agli approcci arbitrari di questi comitati e ha chiesto al prigionieri: ‘Sei pentito?’, ‘Parteciperai ad attività organizzative dopo il rilascio?’, Perché non ti sei trasferito nella cellula giuridica?, Ritieni la struttura in cui ti trovi un’organizzazione terroristica?’, ‘Cosa pensi del PKK?’, ‘Cosa farai quando uscirai?’, ‘Qualcuno nella tua famiglia ha un dossier sull’appartenenza all’organizzazione?’, ‘Cosa ne pensi di Abdullah Öcalan?'”

​Binbir said: “The Administrative and Observation Boards have become the decision-making authority in cases where only the judicial authorities can make a decision about the prisoner, in a way that even exceeds the powers of the judicial authorities. Prison administrations are abusing the powers given to them with the new regulation. This practice must be stopped immediately.”

Emphasizing that an evaluation should be made without discrimination among the prisoners, Binbir continued as follows: “Prisoners whose parole rights are prevented by the illegal approaches and decisions of the Administrative Observation Boards in the closed penal institutions we include in our report should be released immediately. We will address the rights violations experienced by the prisoners in this regard. We invite the European Committee for the Prevention of Torture (CPT), the Ministry of Justice and the Turkish Grand National Assembly Human Rights Investigation Commission to take action.”

Abuso di autorità

Zeki ha dichiarato: “I consigli di amministrazione e di osservazione sono diventati l’autorità decisionale nei casi in cui solo le autorità giudiziarie possono prendere una decisione sul detenuto, in un modo che supera addirittura i poteri delle autorità giudiziarie. Le amministrazioni penitenziarie abusano dei poteri dato loro con il nuovo regolamento. Questa pratica deve essere immediatamente interrotta.”

Sottolineando che una valutazione dovrebbe essere fatta senza discriminazioni tra i prigionieri, Zeki ha proseguito come segue: “I prigionieri il cui diritto alla libertà condizionale è impedito dagli approcci e dalle decisioni illegali dei Comitati di osservazione amministrativa negli istituti penali chiusi che includiamo nel nostro rapporto dovrebbero essere rilasciati immediatamente .

Affronteremo le violazioni dei diritti subite dai prigionieri a questo riguardo. Invitiamo il Comitato europeo per la prevenzione della tortura (CPT), il Ministero della Giustizia e la Commissione d’inchiesta sui diritti umani della Grande Assemblea nazionale turca ad agire.”

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Sara Kaya, ex co-sindaco del distretto di Nusaybin a Mardin, è stata rilasciata dal carcere il 9 maggio dopo un lungo periodo di detenzione....

Iran

Le violazioni dei diritti umani contro civili e attivisti curdi nella regione curda dell’Iran sono continuate nel febbraio 2024. Nei suoi rapporti mensili, la...

Diritti umani

MÊRDÎN/İZMİR – 1 persona è stata arrestata durante le perquisiszioni domestiche a Nisêbîn (Nusaybin). A Izmir è stato arrestato Koray Kesik, direttore artistico del documentario...

Diritti umani

Lo sciopero della fame iniziato dai detenuti nelle carceri che chiedono “la libertà per Abdullah Öcalan e una soluzione politica al problema curdo” prosegue...