Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Diritti umani

Almeno 228 ragazzini uccisi dopo Ceylan

Sono passati 14 anni dall’omicidio di Ceylan Önkol, il cui corpo smembrato era avvolto in foglie di quercia. Anche se i responsabili di Ceylan non sono stati trovati, almeno 228 bambini hanno subito la stessa sorte. Ceylan Önkol, quando aveva solo 12 anni, è stata uccisa da un proiettile di mortaio, presumibilmente sparato dalla vicina stazione di polizia, mentre pascolava animali nella frazione Xanbaz del quartiere rurale Kanîsipî (Şenlik) del distretto di Licê di Amed, il 28 settembre 2009.

Sono passati 14 anni dalla sua morte, ma nessuna persona è stata perseguita. L’autore o gli autori non sono stati rivelati e molti bambini hanno subito la stessa sorta di Ceylan nel periodo successivo.

Almeno 228 ragazzini sono stati assassinati

Secondo il rapporto preparato dall’Associazione per i Diritti Umani (IHD) della sezione di Amed (Diyarbakir) e relativo agli anni 2011-2021, dopo Ceylan sono stati assassinati almeno 228 bambini. Mentre la maggior parte degli autori non sono stati processati, quelli che lo sono stati sono stati assolti o hanno ricevuto come una ricompensa. İzzettin Boz, 14 anni, Umut Furkan Akçil, 7 anni, Doğan Teyboğa, Mazlum Akay, Helin Hasret Şen, Muhammet Aydemir, Orhan Aslan, Taha Kılıç, Umut Kozay, Ali Ölmez, Efe Tektekin e Mihraç Miroğlu sono alcuni dei questi bambini

L’avvocato Zeytun elenca le illegalità

Abdullah Zeytun, uno degli avvocati della famiglia Önkol, ha valutato il processo contenzioso e la politica di impunità. Affermando che l’atteggiamento di impunità della magistratura è solo una dimensione dell’approccio dello Stato nei confronti dei curdi. Per quanto riguarda la morte di Ceylan è stato emesso un “mandato di perquisizione permanente”. È stato citato come motivo che le prove e le relazioni contenute nel fascicolo non erano sufficienti per identificare gli autori del reato. Tuttavia l’esame della scena del crimine è stato effettuato 3 giorni dopo e per di più dall’imam del villaggio. Tutti i pezzi materiali appartenenti all’arma che l’ha uccisa sono stati raccolti da persone indipendenti ed esperte. Altre procedure giudiziarie, in particolare l’autopsia, non sono state eseguite secondo la procedura. Questi sono stati i primi atti illeciti che mi sono venuti in mente. Sebbene fin dall’inizio dell’indagine avessimo affermato che le procedure investigative erano contrarie alla legge, gli autori del reato non sono stati identificati e non sono stati processati.

La politica di impunità

Richiamando l’attenzione sulla politica di impunità, Zeytun ha affermato: “Parallelamente alla questione curda irrisolta, le cause dirette della violenza contro i curdi non sono indipendenti dalla magistratura. Tuttavia, non dovrebbe essere valutato come un problema e una questione puramente giudiziaria. Questa visione esprime anche l’aspetto politico del problema. La magistratura insiste per proseguire in modo politico. Le pratiche di impunità non possono essere considerate separatamente dall’aspetto politico della questione”.

MA / Eylem Akdağ

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

L’Associazione per i Diritti Umani è un’organizzazione volontaria per i diritti umani, indipendente dallo Stato, dal governo e dai partiti politici, che osserva le...

Turchia

L’organizzazione provinciale di Qers (Kars) del Partito Dem ha chiesto al comitato elettorale provinciale di annullare le elezioni in città. Il Partito per l’uguaglianza...

Turchia

WAN – Le proteste sono iniziate in tutta la città dopo che Abdullah Zeydan, che ha vinto le elezioni per la carica di co-sindaco...

Turchia

Affermando che il diritto di essere eletto del co-sindaco della municipalità metropolitana di Van, Abdullah Zeydan, è stato usurpato per ordine del ministro della...