Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Diritti umani

Abdurrahman Gök, che non è stato rilasciato: farò il mio lavoro anche se sarò in prigione

AMED – Il giornalista Abdurrahman Gök, il cui arresto è stato deciso che debba proseguire, ha sottolineato di essere stato processato per la foto che ha scattato a Kemal Kurkut e ha affermato: “Continuerò a fare il mio lavoro sia dentro che fuori”.

La prima udienza del caso intentato contro il redattore dell’Agenzia stampa Mesopotamia (MA) Abdurrahman Gök, che è stato arrestato dopo essere stato detenuto durante l’irruzione in un abitazione ad Amed (Diyarbakır) il 25 aprile con l’accusa di “essere membro di un’organizzazione terroristica” e “fare propaganda per un’organizzazione terroristica”, si è svolto presso la quinta alta corte penale di Diyarbakır.

Oltre alle organizzazioni professionali dei giornalisti, hanno assistito all’udienza i parenti di Abdurrahman e rappresentanti di numerose organizzazioni non governative e partiti politici.

Intervenendo all’udienza iniziata con l’identificazione, il giornalista Abdurrahman Gök ha dichiarato: “Sono giornalista da più di 20 anni. Mi occupo anche di giornalismo nelle aree di conflitto.

Ho lavorato come giornalista in Iran, Iraq e Turchia. Nel 2017, il governatorato di Diyarbakır ha rilasciato una sfortunata dichiarazione in merito alla sparatoria di Kemal Kurkut durante il Newroz di Diyarbakır.

Aveva fatto una dichiarazione. Probabilmente è stata la polizia a indirizzarlo. Successivamente è stata aperta un’indagine 5 volte contro di me dopo aver pubblicato le foto di nudo di Kemal che avevo scattato. Penso che questa foto sia stata la ragione per l’apertura di questo caso.”

L’avvocato Temur: La corte è sotto pressione

L’avvocato Resul Temur ha preso la parola e ha presentato alla corte i documenti SSI che attestano l’impiego di Gök. Temur ha affermato: “Il testimone Ümit Akbıyık non ha fornito il nome del mio cliente nella sua prima deposizione, e nei processi successivi, il pubblico ministero ha cercato di ottenere una dichiarazione sul mio cliente, come se dicesse ‘date il nome di Abdurrahman Gök’, e quando esaminiamo l’intero fascicolo, non ci sono prove che il mio cliente sia un “membro dell’organizzazione”. Le forze dell’ordine e la procura hanno commentato che è così. Ciò esercita pressione non solo sul mio cliente ma anche sul tribunale .”

Gli avvocati: nessuna prova

L’avvocato Mehmet Emin Aktar, invece, ha affermato che Gök da quel giorno ne ha pagato il prezzo, perché ha fatto luce sulla morte di Kemal Kurkut con la fotografia che ha scattato. Aktar ha chiesto il rilascio di Abdurrahman perché non c’era nessun crimine grave contro di lui.

Dopo la difesa degli avvocati, l’accusa ha chiesto il mantenimento della detenzione.

Abdurrahman Gök : Continuerò a fare il mio lavoro

Parlando della prosecuzione dell’arresto, Gök ha dichiarato: “Non ci sono carenze nel dossier. Prima di essere arrestato, ero spesso seguito dalla polizia. Ero sotto controllo. Questi sono indicatori del motivo per cui sono stato arrestato.Ho difeso ogni notizia che ho fatto. Non sono sfuggito al processo. Ho assistito anche all’udienza in cui sono stato processato con una condanna a 22 anni. Continuerò a fare il mio lavoro sia dentro che fuori. Chiedo il mio rilascio.”

L’udienza è il 5 dicembre

La corte ha deciso di ascoltare il testimone Ümit Akbıyık nella prossima udienza, di richiedere i documenti di Gök alla Corte Suprema e di proseguire con il suo arresto.L’udienza è stata rinviata al 5 dicembre.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Diritti umani

MÊRDÎN – Nel caso KCK in corso a Mêrdîn (Mardin) dal 2014, 15 politici curdi, tra cui l’ex deputata Gülser Yıldırım, sono stati condannati...

Diritti umani

Dicle Müftüoğlu, co-presidente della DFG, che ha annunciato di aver iniziato uno sciopero della fame, ha dichiarato: “Come giornalista le cui attività professionali sono...

Diritti umani

La giornalista Safiye Alağaş è stata arrestata ieri sera dalla polizia. Ieri sera la polizia ha intercettato il veicolo di Safiye mentre viaggiava da...

Diritti umani

I redattori arrestati dalle forze del KDP hanno scritto sulla sorte di Süleyman Ahmet: “Sono passati 44 giorni: dov’è Süleyman Ahmet?” Continuando a chiederselo,...