Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Diritti umani

Cinque giornaliste rischiano pene detentive per aver protestato contro gli arresti dei colleghi

Sei giornaliste sono stati accusate di “aver partecipato a una manifestazione illegale” dopo aver protestato contro l’arresto dei loro colleghi nel distretto di Kadıköy a Istanbul il 29 aprile.

Durante la manifestazione, le giornaliste miravano a esprimere il loro sostegno ai loro colleghi giornalisti che erano stati arrestati in due indagini separate rivolte a organi di stampa incentrati sui curdi. Tuttavia, prima ancora che la protesta potesse iniziare, le giornaliste sono state arrestate.

L’ufficio del procuratore capo di Istanbul ha accusato Pınar Gayip, editrice dell’agenzia di stampa ETHA, insieme a Eylem Nazlıer, giornalista di Evrensel, Esra Soybir, giornalista del sito di notizie Direnişteki.org, Serpil Ünal, giornalista Di Struggle Union, Yadigar Aygün, giornalista di Gazete Patika, la giornalista freelance Zeynep Kuray di aver preso parte a una manifestazione illegale.

Secondo l’accusa, il dipartimento di polizia del distretto di Kadıköy ha rilevato informazioni su una protesta che si sarebbe tenuta fuori dal teatro dell’opera di Süreyya attraverso il monitoraggio dei social media. A seguito di ciò, l’ufficio del governatore di Kadıköy ha emesso un divieto alla manifestazione.

Il pubblico ministero ha dichiarato che gli agenti di polizia avevano informato le giornaliste del divieto di protesta, ma nonostante gli richieste di disperdersi, le giornaliste hanno continuato con la protesta, scandendo slogan come “La stampa libera non può essere messa a tacere, il giornalismo non è un crimine, non lo faremo non tacere».

Il pubblico ministero ha ritenuto illegale la manifestazione pur rilevando che le giornaliste sono state trattenute con la forza.

Le giornaliste sono state accusate di “aver partecipato a raduni e cortei disarmati illegali e di non essersi disperse nonostante gli avvertimenti”. Il pubblico ministero ha chiesto una pena detentiva da 6 mesi a 3 anni, ai sensi dell’articolo 32/1 della legge sui raduni e le manifestazioni.

In particolare, c’e un errore nell’accusa riguardo alla data della manifestazione. La “data del reato” è stata erroneamente indicata come 7 luglio 2023, mentre la data effettiva del protesta è stata il 29 aprile.

Il 22° tribunale penale dell’Anatolia di Istanbul ha accolto l’atto d’accusa e ha fissato la prima udienza per il 10 gennaio 2023, che coincide con la Giornata dei giornalisti che lavorano.

La polizia avrebbe dovuto essere perseguita

Commentando il caso, Eylem Nazlıer ha affermato che l’accusa manca di prove. Quel giorno sono evidenti le immagini delle violenze che abbiamo subito. Siamo andati a negoziare con la polizia intorno alle 18:30, e ci hanno comunicato che non c’era nessun divieto emesso dall’ufficio del governatore o del sotto-governatore. La nostra manifestazione era programmata e l’inizio era fissato per le 19. All’ultimo momento hanno dichiarato illegittima la protesta: se la Procura avesse esaminato il filmato, l’avrebbero visto.

“Mentre stavamo discutendo tra di noi, la polizia ci ha improvvisamente circondato con scudi antisommossa. La manifestazione non era nemmeno iniziata e non avevamo ancora deciso cosa fare. Hanno fatto un annuncio: ‘La vostra protesta è illegale, disperdetevi’, perché volevano che l’annuncio venisse registrato. Tuttavia, mentre questo annuncio veniva fatto, siamo stati circondati da scudi della polizia e sottoposte a violenza fisica prima di essere arrestate”.

Nazlıer ha sottolineato di aver affrontato la violenza della polizia mentre esercitava i propri diritti costituzionali. “Immaginate che anche i giornalisti che protestavano contro l’arresto dei loro colleghi siano stati arrestati. Non solo ci hanno legato i polsi. Inoltre, siamo stati maltrattati fisicamente all’interno dell’autobus. Lo abbiamo affermato nelle nostre testimonianze. Invece di indagare su questi incidenti, hanno archiviato una causa contro di noi”.

Siamo stati torturate

Un altra giornalista, Serpil Ünal, ha fatto eco a sentimenti simili, citando come sono state circondate dalla polizia antisommossa senza alcun preavviso di divieto. “Le giornaliste subiscono violenze anche mentre raccontano notizie. Vengono spinte e picchiate dalla polizia usando scudi per tenerli lontane dalla scena. I nostri colleghi sono costantemente minacciati, detenuti, torturati e arrestati a causa delle storie che raccontano.

I periodi di detenzione vengono estesi e vengono imposti ordini di segretezza sui fascicoli dei giornalisti arrestati. A causa del ritardo nella preparazione delle accuse per i giornalisti detenuti, le loro ingiuste carcerazioni vengono prolungate per mesi.

“Quando cerchiamo di sollevare questi problemi attraverso una semplice dichiarazione, siamo sottoposte a torture e detenute anche prima di fare la dichiarazione. Questo rivela chiaramente l’entità della pressione, degli attacchi e della violenza affrontati dai giornalisti che documentano la verità e si sforzano di trasmettere informazioni accurate al pubblico”.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Diritti umani

Lo sciopero della fame iniziato dai detenuti nelle carceri che chiedono “la libertà per Abdullah Öcalan e una soluzione politica al problema curdo” prosegue...

Diritti umani

I prigionieri politici in Turchia sono in sciopero della fame chiedendo una soluzione democratica alla questione curda. Esra Saçaklıdır dell’IHD di Amed ha parlato...

Diritti umani

MÊRDÎN – Nel caso KCK in corso a Mêrdîn (Mardin) dal 2014, 15 politici curdi, tra cui l’ex deputata Gülser Yıldırım, sono stati condannati...

Diritti umani

Dicle Müftüoğlu, co-presidente della DFG, che ha annunciato di aver iniziato uno sciopero della fame, ha dichiarato: “Come giornalista le cui attività professionali sono...