Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Diritti umani

Le Madri del sabato arrestate nella settimana n° 956 della ricerca di giustizia in Turchia

Una marcia delle Madri del Sabato e dei presidenti dell’ordine degli avvocati verso piazza Galatasaray a Istanbul, in Turchia, è stata bloccata dalla polizia, provocando numerosi arresti. Nonostante una sentenza della Corte costituzionale turca secondo cui il divieto di proteste costituiva una violazione dei diritti, la veglia settimanale delle madri del sabato è stata ostacolata per la sedicesima settimana consecutiva.

La polizia turca ha nuovamente impedito alle Madri del Sabato, un gruppo che chiede giustizia per i loro parenti scomparsi, di marciare verso la piazza Galatasaray di Istanbul e ha arrestato 24 persone. Questo sedicesimo blocco consecutivo della marcia arriva nonostante la sentenza della Corte costituzionale secondo cui il divieto della loro veglia settimanale è stata una violazione dei diritti.

Alle Madri del Sabato, che protestano da 956 settimane, si sono uniti i presidenti degli ordini degli avvocati di varie città e numerose persone per la veglia di questa settimana. Al gruppo è stato impedito dalla polizia di marciare verso piazza Galatasaray, citando la decisione di “divieto” del governatore distrettuale di Beyoğlu.

Quando le Madri del Sabato e i presidenti dell’ordine degli avvocati hanno tentato di sfondare il blocco e marciare verso piazza Galatasaray, è intervenuta la polizia. Secondo quanto riferito, Fatoş Erdoğan, un giornalista, è stato trascinato per terra dalla polizia, che ha poi arrestato numerose persone. Le Madri del Sabato hanno risposto al blocco e alle detenzioni sul loro account Twitter, affermando: “Non c’è nessuna legge, nessuna costituzione, nessuna libertà di riunione. C’è solo violenza, detenzione, manette”.

Simili proteste si sono svolte a sostegno delle Madri del Sabato in altre città. L’Associazione per i diritti umani (İHD) e le famiglie degli scomparsi hanno organizzato proteste a Diyarbakır (Amed), Batman (Êlih) e İzmir, chiedendo giustizia per vittime come Mesut Dündar, che è stata torturata e uccisa dalla polizia nel 1992.

Çetin Abayay, un rappresentante di Batman del quotidiano Özgür Halk è stato ucciso in un attacco armato, e il presidente di Diyarbakır del Partito laburista popolare (HEP) Vedat Aydın è stato rapito e assassinato.

A Dersim, Gönül Autumn e Gürbüz Solmaz, co-presidenti della sezione di İHD di Dersim, sono stati arrestati insieme a Cuba Oktay e Hüseyin Yaşar Sezgin, che erano andati a sostenere la protesta. Secondo quanto riferito, anche il giornalista Hıdır Yıldız è stato aggredito dalla polizia mentre copriva la stessa protesta.

 

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Il Comitato esecutivo centrale del partito DEM ha avvertito che gli attacchi contro gli operatori della stampa libera in Turchia e in Europa sono...

Turchia

L’Associazione per i Diritti Umani è un’organizzazione volontaria per i diritti umani, indipendente dallo Stato, dal governo e dai partiti politici, che osserva le...

Turchia

L’organizzazione provinciale di Qers (Kars) del Partito Dem ha chiesto al comitato elettorale provinciale di annullare le elezioni in città. Il Partito per l’uguaglianza...

Turchia

WAN – Le proteste sono iniziate in tutta la città dopo che Abdullah Zeydan, che ha vinto le elezioni per la carica di co-sindaco...