Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Comunicati

Comunicato stampa sul fermo di Emanuela Irace

Alla cortese attenzione dell’opinione pubblica- Abbiamo appreso che nella serata di ieri 12 Maggio, la giornalista Emanuela Irace è stata fermata all’aeroporto Sabiha Gökçen di Istanbul e trattenuta per più di 5 ore per poi essere espulsa dal paese.

Emanuela Irace si stava recando in Turchia per seguire lo svolgimento delle elezioni parlamentari e presidenziali del 14 Maggio e informare su tale evento l’opinione pubblica italiana.

Riteniamo inaccettabile che uno stato membro del Consiglio d’Europa violi apertamente il diritto dei giornalisti a svolgere la propria professione e il diritto dell’opinione pubblica europea ad essere informata. Non è un caso che la Turchia occupi 165° posto nella graduatoria RSF per la libertà di stampa.

Esprimiamo la nostra sincera solidarietà a Emanuela Irace e condanniamo fermamente il governo turco per questa censura, invitando l’opinione pubblica tutta a pretendere rispetto per il proprio diritto all’informazione.

Ufficio d’informazione del Kurdistan in Italia

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Comunicati

Memet Sıddık Akış, il co-sindaco curdo democraticamente eletto del comune di Colemêrg, è stato arrestato lunedì 3 giugno e sostituito dal governatore di Hakkari....

Comunicati

In occasione del primo maggio, giorno dell’unità e della solidarietà, desideriamo congratularci con tutti i popoli, in particolare con tutte le donne, con tutte...

Comunicati

La scorsa notte, intorno all’1:30, la polizia belga ha fatto irruzione nella sede di Sterk TV e MedyaHaber, due importanti canali televisivi curdi che...

Comunicati

Nelle elezioni locali del 31 marzo, il nostro partito ha ottenuto un grande successo candidandosi alle elezioni in condizioni estremamente difficili. Dopo le elezioni...