Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Turchia

Le associazioni dei giornalisti condannano le detenzioni: “Non potete zittirci!”

L’Associazione dei giornalisti Dicle Fırat (DFG) e la Piattaforma delle giornaliste della (MKGP) hanno condannato l’operazione di stanza a Diyarbakır in cui decine di politici, giornalisti e artisti sono stati arrestati questa mattina.

In una dichiarazione la DFG ha affermato: “La stampa libera non si è piegata a bombardamenti, massacri e operazioni di detenzione per più di 30 anni, e non lo farà adesso”, mentre l’MKGP ha affermato che “la stampa libera non può essere messa a tacere”.

Reagendo alla detenzione di oltre 100 persone, inclusi giornalisti curdi, laDFG ha sottolineato che i tentativi di mettere a tacere la stampa libera saranno inutili.

La dichiarazione afferma: “Come parte di un’operazione di stanza ad Amed condotta in 21 province, più di 100 persone sono state arrestate durante i raid della polizia. È stata imposta una restrizione di 24 ore riguardo all’operazione, in cui molte persone, tra cui giornalisti, politici, avvocati e artisti, sono state arrestate e le loro istituzioni sono state perquisite.

Il direttore della nostra associazione ed editore del giornale Xwebûn Kadri Esen, il caporedattore del giornale Yeni Yaşam Osman Akın, i giornalisti Abdurrahman Gök, Ahmet Kanbal, Mikail Barut, Mehmet Yalçın, Mehmet Şah Oruç, Beritan Canözer, Mehmet Yalçın, Salih Keleş, Remzi Akkaya e Arif Akkaya sono stati arrestati durante i raid della polizia.

Negli ultimi 10 mesi, 27 dei nostri colleghi sono stati detenuti e arrestati in operazioni contro i giornalisti curdi. Sappiamo che questa operazione è una continuazione della repressione della stampa libera e dei giornalisti curdi”.

La DFG ha sottolineato che: “Al di là di ogni dubbio questa operazione, che è stata effettuata 19 giorni prima delle elezioni più critiche nella storia della Turchia, è una ‘operazione elettorale’! Queste operazioni che cercano di mettere a tacere il popolo curdo, i suoi politici, avvocati, artisti e giornalisti devono essere fermate immediatamente. La stampa libera non si è piegata ai bombardamenti, ai massacri e alle operazioni di detenzione per più di 30 anni, e non lo farà adesso! I tentativi di mettere a tacere la stampa libera saranno vani. Non potete zittirci!

Anche la MKGP ha reagito all’operazione di polizia in una dichiarazione pubblicata sul suo account Twitter, affermando: “19 giorni prima delle elezioni, giornalisti, avvocati e altri che denunciano i crimini del governo sono presi di mira ancora una volta. D’ora in poi non ci sarà più un passo indietro. #ÖzgürBasınSusturulamaz. (La stampa libera non può essere messa a tacere)”

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Memet Sıddık Akış, co-sindaco eletto del comune di Hakkari, è stato arrestato questa mattina e sostituito dal governatore di Hakkari. Il fascicolo investigativo utilizzato...

Turchia

La deputata del partito DEM Ceylan Akça-Cupolo chiede un’indagine sullo sfollamento forzato della popolazione di Sur avvenuto dopo la distruzione del quartiere storico. Il...

Turchia

Condanne durissime contro l’Hdp. 42 anni a Demirtas, l’unico in grado di ridare forza e unità alla sinistra turca e curda. Prima del verdetto...

Turchia

Gültan Kışanak, Ayla Akat Ata, Meryem Adıbelli, Ayşe Yağcı e Sebahat Tuncel sono di nuovo libere. Ma non si sentono veramente libere. Dopo aver...