Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Diritti umani

Il giornalista Ziya Ataman: Siamo in un pesante isolamento

Il giornalista Ziya Ataman, che è detenuto nel carcere di massima sicurezza n. 2 di Dumlu, ha riferito che si trovano in un pesante isolamento. Ziya Ataman, giornalista dell’agenzia stampa Dicle Haber (DIHA), che è stata chiusa con un decreto-legge, ha scritto una lettera all’Associazione dei giornalisti Dicle Fırat (DFG) dal carcere di massima sicurezza n. 2 di Dumlu e ha raccontato i problemi che ha vissuto.

C’è una politica di pesante isolamento

Ziya Ataman ha scritto la sua lettera come segue: “Lo scopo del mio scritto è a causa delle violazioni dei diritti che potrebbero essere ascoltate anche se lo abbiamo detto molte volte. Come sapete, questo nuovo sistema carcerario è una violazione dei diritti sotto ogni aspetto. Sto per completare i miei 7 mesi in questo posto anti umano. A volte ricordo che sono umano attraverso il mio riflesso nello specchio. Nonostante sia stato detto che sia un luogo per ospitare i condannati a gravi pene e di coloro che sono venuti alla ribalta con i loro casi clamorosi, ospitano coloro i quali che si trovano ancora sotto processo o che qui sono stati condannati (con lo status di essere in carcere) nonostante le loro dichiarazioni (la maggior parte di loro sono in condanne temporanee). Siamo di fronte a una pesante politica di isolamento. “

Non vediamo il sole

Affermando che non vedono il sole, Ataman ha detto: “Non vediamo il sole. Mentre attendiamo miglioramenti, le nostre ore di aria si stanno riducendo; Il nostro ordine e la nostra pace esistenti sono turbati dalle perquisizioni effettuate ogni settimana; qui si discute con l’approccio ideologico di alcuni membri del personale e si tiene un rapporto; Il il comitato d monitoraggio della direzione dimentica che esistiamo; gli amministratori rifiutano la maggior parte delle nostre richieste. E mentre questo accade , non viene offerta alcuna ragione. Nessuna porta aperta. Speriamo di beneficiare delle porte aperte. Facciamo sentire la nostra voce, ma nessuno sente. E questi sono solo alcuni aspetti negativi”.

Voglio che la mia voce sia udita

Ha così concluso la sua lettera: “Cari colleghi sono consapevole di scrivervi in un periodo intenso. Tuttavia il forte sentimento di solitudine e di impotenza che si intende imporci non potrà interferire con la mia coscienza, il mio onore e il mio diritto naturale, né mi influenzerà. Volevo far sentire ancora una volta la mia voce. Vi saluto dalla mia cella-gabbia di cinque gradini. State bene, vi auguro buona fortuna”.

 

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

L’Associazione per i Diritti Umani è un’organizzazione volontaria per i diritti umani, indipendente dallo Stato, dal governo e dai partiti politici, che osserva le...

Turchia

L’organizzazione provinciale di Qers (Kars) del Partito Dem ha chiesto al comitato elettorale provinciale di annullare le elezioni in città. Il Partito per l’uguaglianza...

Turchia

WAN – Le proteste sono iniziate in tutta la città dopo che Abdullah Zeydan, che ha vinto le elezioni per la carica di co-sindaco...

Turchia

Affermando che il diritto di essere eletto del co-sindaco della municipalità metropolitana di Van, Abdullah Zeydan, è stato usurpato per ordine del ministro della...