Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Comunicati

Il governo AKP-MHP ostacola e confisca gli aiuti umanitari per le vittime del terremoto

Mentre le persone stanno vivendo un dolore insopportabile a causa dei terremoti che hanno ucciso decine di migliaia di persone e lasciato milioni di senzatetto, il governo della Turchia è stato inefficace nelle missioni di soccorso e nel rispondere ai bisogni vitali delle persone come cibo e riparo. Superato lo shock e il panico iniziali, il governo AKP-MHP sta ora usando i poteri delle regole di emergenza per coprire i propri fallimenti ostacolando o subentrando illegalmente nella raccolta e distribuzione di aiuti umanitari organizzati da ONG, partiti politici o gente comune in tutto il paese.

Dal primo giorno del terremoto, le ONG, in particolare i sindacati e le associazioni della comunità, i partiti politici e i privati cittadini si sono mobilitati per aiutare i terremotati nelle dieci province colpite.

HDP si è unito a questi sforzi organizzando e fornendo aiuti umanitari e istituendo uffici di crisi in tutte e dieci le province. Tuttavia il governo ci ha impedito di distribuire aiuti alle vittime facendo irruzione nei nostri magazzini e confiscando gli aiuti che abbiamo raccolto. Quattro camion che trasportavano aiuti inviati dal Centro di coordinamento delle crisi di HDP nelle zone terremotate sono stati sequestrati e un camion è stato rispedito indietro. La presidenza del governo per la gestione dei disastri e delle emergenze (AFAD) ad Adıyaman, un luogo che ha subito enormi distruzioni, ha sequestrato un camion carico di tende inviate alle vittime da HDP. La polizia ha sequestrato un altro camion che trasportava aiuti da Izmir a Osmaniye e ha arrestato tre persone, compreso l’autista.

Anche 85 stufe e un camion contenente tonnellate di legna e carbone inviati da Siirt e Batman al distretto Nurdağı di Gaziantep sono stati sequestrati di AFAD e gli aiuti che abbiamo raccolto sono stati portarti nei magazzini di AFAD a Gaziantep.

E il 15 febbraio il governatore distrettuale, accompagnato dalla polizia e dalla gendarmeria, ha nominato un “fiduciario” del governo per rilevare il Centro di coordinamento di crisi che avevamo istituito nel villaggio di Hasankoca a Pazarcık, l’epicentro del primo terremoto a Kahramanmaraş.

Il centro stava consegnando aiuti umanitari alle vittime nel distretto e in oltre cento villaggi intorno. I volontari di HDP in città sono stati costretti a lasciare la città per evitare la detenzione.

Il governo sta distruggendo le reti civili di solidarietà sociale e di cooperazione abusando dei poteri dello stato di emergenza. Queste confische cercano di monopolizzare tutti gli aiuti umanitari nelle mani del governo e nascondono l’inefficacia del governo nel rispondere alla crisi.

Invitiamo la comunità internazionale a seguire da vicino la distruzione da parte del governo delle reti di solidarietà sociale e di aiuto umanitario quando sono più necessarie alle vittime. Nonostante tutti gli ostacoli del governo, l’HDP continuerà i suoi sforzi per fornire aiuti urgenti alle vittime.

 

Feleknas Uca & Hişyar Özsoy

I Co-Portavoce per gli Affari Esteri di HDP

 

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Comunicati

Il 15 Febbraio 2024 segna il venticinquesimo anniversario del rapimento di Abdullah Öcalan, catturato a Nairobi, in Kenya, a compimento di un complotto internazionale...

Comunicati

Questa mattina il regime iraniano ha giustiziato i prigionieri politici curdi Mohsen Mazloum, Mohammad Faramarzi, Vafa Azarbar e Pejman Fatehi. Con l’ultima ondata di...

Comunicati

Lo Stato turco attacca il Rojava [Kurdistan occidentale/Siria settentrionale] dal 13 gennaio 2024 nell’ambito dei suoi piani genocidi e continua questi attacchi da 4...

Comunicati

Tra il 2013 e il 2015, 10 milioni e 300 mila persone nel mondo hanno sottoscritto un appello internazionale che chiedeva la libertà per Abdullah...