Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Comunicati

Congresso nazionale del Kurdistan: la Turchia colpevole di crimini di guerra

“Da anni l’esercito turco usa armi chimiche contro i guerriglieri per la libertà. Le armi chimiche, che lo Stato turco utilizza da molti anni, sono state usate contro i guerriglieri per la libertà senza sosta negli ultimi due anni dal febbraio 2021. Soprattutto da metà aprile, le armi chimiche vengono utilizzate sempre di più negli attacchi di invasione.

Secondo i dati del centro stampa delle HPG, BİM, armi chimiche sono state usate 367 volte nel 2021 e 2470 volte negli ultimi 6 mesi. Più di 100 guerriglieri sono stati uccisi in attacchi con armi chimiche. Molte volte, immagini e prove dell’uso di armi chimiche sono state condivise con il pubblico e incluse nella stampa.

Infine, sono state condivise nuove immagini dell’uso di armi chimiche e si è appreso che 17 guerriglieri sono stati uccisi a causa di attacchi con armi chimiche. Il popolo curdo, i movimenti curdi e gli amici del popolo curdo cercano da tempo di far sentire la propria voce in ogni ambito. Tuttavia, sfortunatamente, nessuna istituzione oltre ad alcune organizzazioni per i diritti umani ha sentito questa voce. In particolare, il Consiglio d’Europa, le Nazioni Unite e l’OPCW restano in silenzio di fronte agli attacchi. Lo Stato turco, invece, prende coraggio da questo silenzio e aumenta i suoi attacchi.

Lo Stato turco commette crimini di guerra

Funzionari statali turchi stanno commettendo crimini di guerra sul territorio del Kurdistan. Soprattutto Erdogan e i funzionari del suo governo, i comandanti dell’esercito turco e il MIT sono criminali di guerra contro l’umanità. Quello che sta succedendo in Kurdistan non è normale. Lo Stato turco oggi sta compiendo attacchi brutali e crimini contro l’umanità di fronte al mondo. Il popolo curdo e i suoi amici dovrebbero insorgere contro questi attacchi e alzare la voce ovunque. La situazione è straordinaria e il popolo curdo non accetta il loro silenzio. Come KNK, tutta questa situazione è il nostro principale punto all’ordine del giorno e resisteremo a questi attacchi con tutte le nostre forze e seguiremo gli eventi.

Il giorno è il giorno della resistenza

Chiediamo a tutto il popolo del Kurdistan di abbracciare i combattenti per la libertà dichiarando “il giorno è il giorno della resistenza”. Tutti dovrebbero scendere in piazza e opporsi agli attacchi con lo spirito di Kobanê. Gli amici del popolo curdo e del mondo umanista dovrebbero stare dalla parte del popolo curdo”.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Comunicati

Erdogan: salvare la sconfitta in Turchia con la guerra nel Kurdistan meridionale Il 23 marzo, il KNK ha convocato un incontro straordinario con i...

Comunicati

Nelle elezioni locali del 31 marzo, il nostro partito ha ottenuto un grande successo candidandosi alle elezioni in condizioni estremamente difficili. Dopo le elezioni...

Comunicati

Le elezioni locali del 31 marzo hanno portato alla vittoria delle masse democratiche in Kurdistan e in Turchia a favore dell’uguaglianza sociale e del...

Comunicati

Il Consiglio esecutivo del KNK, sottolineando i piani degli stati occupanti di compiere nuovi massacri come Halabja, ha invitato tutte le forze a non...