Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Turchia

Alla ricerca dei resti di sua figlia per 7 anni: non partecipare al festival di Cizre

Condannando il “festival” che si terrà sulle spoglie dei suoi figli e facendo appello al pubblico, Hezni Arslan, la cui figlia è stata uccisa durante il coprifuoco e non ha potuto avere le sue spoglie per 7 anni, ha dichiarato: “Mehmet Tunç e Hacere dovrebbero essere ricordati .”

Condanna il festival, che dovrebbe essere organizzato sotto il nome di “Dosso Dossi” con il patrocinio del governatorato, del governatorato distrettuale e del fiduciario governativo nel distretto di Cizre di Şırnak il prossimo 30 ottobre.

Da un lato si richiama l’attenzione sullo scopo dei festival, che viene definito “genocidio culturale”, e dall’altro si chiede la cancellazione dei programmi. Il fatto che il distretto designato per il festival sia la città che ha assistito nel recente passato alla resistenza nel e dove sono state uccise 288 persone, fa arrabbiare le famiglie che hanno perso i loro parenti.

177 persone sono state uccise nei sotterranei delle case di Cizre durante il coprifuoco dichiarato il 14 dicembre 2015. Quando le famiglie hanno raggiunto i resti dei loro parenti a seguito di lunghe lotte, le spoglie di Feride Yıldız, Mardin Çelebi, Hacer Arslan, Osman Gökhan, Hüseyin Derviş, Servet Aslan, İdris Susin, Ali Aslan, Cemal Pürlek, Emrah Aşkan, Osman Esmeray, Mustafa Kençanlu, Emrah Aşkın, Sakine Durmiş non sono stati ancora trovate nonostante siano trascorsi 7 anni.

Mentre i resti di 14 persone non erano ancora stati raggiunti, i detriti delle case distrutte nei quartieri in cui sono avvenuti gli scontri si sono riversati sulle rive del fiume Tigri.

Non è bastato il parco. Fanno un festival

Durante il coprifuoco, sua figlia Hacer, il figlio Mehmet Sait e il fratello Selim Turay sono stati assassinati. Raggiungendo i resti di suo fratello e suo figlio, Hezni Arslan ha cercato i resti di sua figlia per 7 anni. Ezni Aslan ha dichiarato: “Il luogo in cui si terrà il festival è stato scelto deliberatamente. Stiamo ancora cercando i resti di mia figlia. Quando hanno demolito il seminterrato, hanno messo i resti in fondo a questo parco. Da 7 anni né io né i mio figlio andiamo ai parchi. I corpi dei nostri ragazzi non si trovano da nessuna parte. Hanno parcheggiato sui corpi dei nostri figli. Non bastava, stanno organizzando consapevolmente un festival in quel parco. È il mio appello alla gente di Cizre; Non dovrebbero partecipare a quel festival. Dovrebbero ricordare gli scantinati di Cizre, Mehmet Tunç e Hacer. Spero che nessuno parteciperà al festival. Condanniamo anche gli organizzatori di questo festival”.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Memet Sıddık Akış, co-sindaco eletto del comune di Hakkari, è stato arrestato questa mattina e sostituito dal governatore di Hakkari. Il fascicolo investigativo utilizzato...

Turchia

La deputata del partito DEM Ceylan Akça-Cupolo chiede un’indagine sullo sfollamento forzato della popolazione di Sur avvenuto dopo la distruzione del quartiere storico. Il...

Turchia

Condanne durissime contro l’Hdp. 42 anni a Demirtas, l’unico in grado di ridare forza e unità alla sinistra turca e curda. Prima del verdetto...

Turchia

Gültan Kışanak, Ayla Akat Ata, Meryem Adıbelli, Ayşe Yağcı e Sebahat Tuncel sono di nuovo libere. Ma non si sentono veramente libere. Dopo aver...