Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Turchia

La condanna alla ‘confisca’ del quotidiano Xwebûn: una pratica degli anni ’90

Kadri Esen, licenziatario di Xwebûn Newspaper, i cui giornali sono stati sequestrati dalla polizia, ha affermato che si tratta di una pratica degli anni ’90 e ha invitato il pubblico a proteggere l’unico giornale che comunica in curdo.

L’unico giornale pubblicato in curdo, Xwebûn, che è stato portato a Diyarbakır alla Gestione del terminal degli autobus interurbani di Diyarbakır (DİŞTİ) il 17 settembre per essere inviato a Mersin, è stato confiscato dalla polizia.

La polizia, che ha impedito il trasporto merci della compagnia di autobus senza fornire alcuna motivazione, ha sequestrato i giornali. Condannando la situazione, il licenziatario del giornale Xwebûn Kadri Esen ha affermato che ciò che è accaduto è una pratica degli anni ’90.

Osservando che il giornale Xwebûn pubblica settimanalmente in curdo e viene inviato in tutte le città curde, Kadri Esen ha affermato che 100 giornali, del numero 144 del giornale, sono stati confiscati senza alcuna giustificazione.

Il giornale curdo Xwebûn deve essere letto liberamente

Kadri Esen ha dichiarato: “Il fatto che il nostro giornale sia in lingua curda non può essere un motivo per il suo sequestro. Il giornale Xwebûn dovrebbe raggiungere tutti e ovunque. Il loro scopo è impedire il diritto del popolo curdo di ricevere notizie, ma il giornale curdo Xwebûn deve essere letto liberamente .

Le pratiche degli anni 90 continuano

Osservando che non sono state fornite informazioni o avvertimenti sulla confisca, Esen ha dichiarato: “Hanno presentato una denuncia penale contro i responsabili della situazione. Negli anni ’90 i giornalisti sono stati assassinati e i giornali sono stati confiscati. C’erano pratiche simili per impedire ai giornali turchi e curdi dall’essere portato in Kurdistan. Le stesse pratiche si ripetono nonostante l’arrivo del 2022. Il loro scopo è impedire che gli sviluppi in curdo o del popolo curdo siano conosciuti. Con queste pratiche si mira a far apprendere al governo e ai media turchi ciò che sta accadendo in Kurdistan, ma i fatti non dovrebbero essere conosciuti dalla gente”.

La pressione deve essere condannata

Chiedendo la protezione di Xwebûn, l’unico quotidiano che comunica in lingua curda, Esen ha affermato: “Si possono fornire nuove giustificazioni per le copie sequestrate, i giornali possono essere confiscati senza fornire alcuna motivazione in futuro, e quindi il motivo della confisca può essere costituita.

Questo non è solo un problema dei giornalisti curdi, ma dell’intero popolo curdo. Tutto il popolo curdo dovrebbe condannare queste pressioni e impedire che si verifichino tali pressioni contro i giornali curdi”.

Il giornalismo curdo continuerà in ogni circostanza

Sottolineando che il giornale è stato sequestrato durante l’anniversario della morte dello studioso curdo Musa Anter (Apê Musa), Esen ha dichiarato: “Dopo 30 anni, un altro giornale curdo è stato sequestrato solo perché comunica in curdo e comunica in Kurdistan. L’obiettivo è impedire il giornalismo curdo in Kurdistan. Ma dovrebbe essere ben noto che il giornalismo curdo continuerà in ogni circostanza”.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Sara Kaya, ex co-sindaco del distretto di Nusaybin a Mardin, è stata rilasciata dal carcere il 9 maggio dopo un lungo periodo di detenzione....

Iran

Le violazioni dei diritti umani contro civili e attivisti curdi nella regione curda dell’Iran sono continuate nel febbraio 2024. Nei suoi rapporti mensili, la...

Diritti umani

MÊRDÎN/İZMİR – 1 persona è stata arrestata durante le perquisiszioni domestiche a Nisêbîn (Nusaybin). A Izmir è stato arrestato Koray Kesik, direttore artistico del documentario...

Diritti umani

Lo sciopero della fame iniziato dai detenuti nelle carceri che chiedono “la libertà per Abdullah Öcalan e una soluzione politica al problema curdo” prosegue...