Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Diritti umani

I resti di Mahsum Özer sono stati consegnati alla sua famiglia 7 anni dopo

İZMİR – I resti del membro delle HPG Mahsum Özer, che ha perso la vita a seguito di un attacco aereo a Dersim sono stati consegnati alla sua famiglia 7 anni dopo e sepolti.

I resti del membro delle HPG Mahsum Özer, morto a seguito di un attacco aereo a Dersim nel 2015, sono stati rilasciati alla sua famiglia 7 anni dopo. La famiglia Özer è stata chiamata ieri dalla Procura e informata che avrebbero potuto ricevere le sue spoglie.

La famiglia oggi ha ricevuto oggi le spoglie dall’Istituto di medicina legale di Izmir (ATK) con lo slogan “Il martire non può morire”. I parlamentari dell’HDP Murat Çepni, Musa Piroğlu, rappresentanti di partiti politici e organizzazioni non governative, nonché molti cittadini, hanno partecipato alla cerimonia funebre di Özer.

Molte persone hanno partecipato alla cerimonia funebre

I parlamentari di HDP Murat Çepni, Musa Piroğlu, rappresentanti di partiti politici e organizzazioni non governative, nonché molti cittadini, hanno partecipato alla cerimonia funebre nel cimitero di Doğançay nel distretto di Bayraklı. I resti di Özer sono stati sepolti con lo slogan “Il martire non può morire” dopo che gli obblighi religiosi sono stati adempiuti.

La famiglia Özer accetterà le proprie condoglianze nella loro casa nel distretto di Bayraklı.

 

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Condanne durissime contro l’Hdp. 42 anni a Demirtas, l’unico in grado di ridare forza e unità alla sinistra turca e curda. Prima del verdetto...

Turchia

Gültan Kışanak, Ayla Akat Ata, Meryem Adıbelli, Ayşe Yağcı e Sebahat Tuncel sono di nuovo libere. Ma non si sentono veramente libere. Dopo aver...

Turchia

Sara Kaya, ex co-sindaco del distretto di Nusaybin a Mardin, è stata rilasciata dal carcere il 9 maggio dopo un lungo periodo di detenzione....

Turchia

Un gruppo di 159 accademici, scrittori, parlamentari e avvocati ha chiesto il rilascio delle persone imprigionate nel processo di Kobanê e ha affermato: “Questo...