Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Diritti umani

Ossa di un figlio consegnate in un sacco: nulla è cambiato in Turchia

Ricordando che le ossa di Hakan Arslan sono state rilasciate in un sacco e che suo figlio Davut Altınkaynak, assassinato dallo JİTEM, è stato rilasciato in un sacco,il padre Abdulaziz Altınkaynak ha affermato: “Non cambia nulla anche dopo 70 anni”.

Le ossa di Hakan Arslan, morto negli scontri durante il coprifuoco dichiarato il 2 dicembre 2015 nel distretto Sur di Diyarbakır, sono state rilasciate a suo padre Ali Rıza Arslan in un sacco l’altro giorno, dopo 7 anni.

Le foto di Arslan, il padre che ha dovuto attendere all’uscita del tribunale di Diyarbakır con la borsa contenente le ossa del figlio, hanno provocato condanne. Gli avvocati hanno affermato che il modo in cui sono state rilasciate le ossa, trattate come “custodia giudiziaria”, era contro la legge. Il rilascio delle ossa in una borsa ha ricordato a molte famiglie curde quello che hanno passato.

Ventuno anni dopo essere stato ucciso dallo JİTEM a Dargeçit, le sue ossa sono state restituite in un sacco. Il padre del dodicenne Davut Altınkaynak, Abdülaziz Altınkaynak, nel 2015 ha estratto le ossa di suo figlio dal pozzo . Abdülaziz ha seppellito le ossa di suo figlio, che sono state rilasciate in un sacco dall’ufficio del pubblico ministero di Dargeçit nel maggio 2016, a Dargeçit, dopo la corrispondenza del DNA.

Hanno preso mio figlio vivo e lo hanno rilasciato in un sacco

Ricordando che le ossa sono state inviate all’ufficio del pubblico ministero dopo essere state inviate all’Istituto di medicina legale (ATK), il padre Altınkaynak ha affermato: “Le ossa di mio figlio Davut e del sedicenne Nedim Akyön sono state inviate insieme.

Hanno chiamato perché le ossa di David erano arrivate. Lavoravo in Iraq e venivo da lì. Hanno anche chiamato la famiglia di Nedim lo stesso giorno. Lo Stato voleva che le ossa aspettassero un po’ prima che arrivassero dall’ufficio del pubblico ministero, all’inizio hanno accettato, ma il pubblico ministero ha cambiato idea. Avevano firmato il verbale di consegna. Hanno portato due sacchi bianchi. Davut Altınkaynak è stato scritto su uno di essi e Nedim Akyön è stato scritto sull’altro. Hanno rilasciato le ossa in due sacchi. Li hanno presi vivi e li hanno rilasciati in un sacco”. Affermando che doveva portare le ossa a casa di un amico e nasconderle fino all’arrivo dei suoi parenti, Altınkaynak ha detto che hanno fatto la sepoltura in seguito.

La persona morta deve essere rispettata

Notando che le ossa di Hakan Arslan sono state rilasciate allo stesso modo in una borsa a suo padre, Altınkaynak ha detto: “Hanno rilasciato Hakan Arslan a suo padre in una borsa, proprio come hanno rilasciato Nedim e Davut in una borsa. Quando ho visto la foto, ho pensato alle ossa di mio figlio stvo male. Questo stato agendo in questo modo in modo che non stiamo bene. Devono rilasciare quelle ossa nella bara in modo islamico o umano. Ma non ci considerano curdi come esseri umani. Lo Stato turco non ci considera nemmeno di seconda classe. Ci vede come terza, quarta classe. Ecco perché si approccia a noi in questo modo. Le loro anime erano scomparse, le loro sono rimaste. Mancano di rispetto ai curdi. Indipendentemente dalla religione, la sepoltura deve essere rispettata. Non per 7 anni, anche se passano 70 anni, non cambia nulla. Non dimenticherò finché vivrò. Se David non fosse stato curdo, avrebbero condannato l’autore all’ergastolo. Ma David era curdo. Hanno visto che la giustizia che avevano richiesto per David era appropriata anche per Hakan Arslan”.

 

MA / Ahmet Kanbal

 

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Condanne durissime contro l’Hdp. 42 anni a Demirtas, l’unico in grado di ridare forza e unità alla sinistra turca e curda. Prima del verdetto...

Turchia

Gültan Kışanak, Ayla Akat Ata, Meryem Adıbelli, Ayşe Yağcı e Sebahat Tuncel sono di nuovo libere. Ma non si sentono veramente libere. Dopo aver...

Turchia

Sara Kaya, ex co-sindaco del distretto di Nusaybin a Mardin, è stata rilasciata dal carcere il 9 maggio dopo un lungo periodo di detenzione....

Turchia

Un gruppo di 159 accademici, scrittori, parlamentari e avvocati ha chiesto il rilascio delle persone imprigionate nel processo di Kobanê e ha affermato: “Questo...