Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Diritti umani

HDP: ad agosto gli attacchi dei droni turchi hanno ucciso 8 bambini e ferito altri 24 nel nord-est della Siria

La Commissione per i bambini del Partito democratico dei popoli (HDP) ha riferito che i droni turchi ad agosto hanno ucciso 8 bambini e ferito altri 24 e ha chiesto che i colpevoli vengano perseguiti.

Il co-portavoce della Commissione per i bambini di HDP Hüseyin Kaçmaz ha tenuto una conferenza stampa presso la sede del partito sulla morte di bambini causata dagli attacchi in aumento della Turchia contro la Siria settentrionale e orientale.

Hüseyin Kaçmaz ha rivelato che 8 bambini hanno perso la vita e altri 24 sono rimasti feriti negli attacchi nel solo mese di agosto condannando le politiche “anticurde” del governo e il silenzio delle forze internazionali, in particolare dell’Onu.

I bambini che hanno perso la vita a causa degli attacchi turchi nel nord-est della Siria durante il mese di agosto sono i seguenti:

Il 2 agosto, Fehime Resho (17 anni) è stato ucciso a Til Rifet.

Il 16 agosto, Ehmed Elî Hisên e Aheng Ekrem Hisên sono stati uccisi nel distretto di Sinaa di Qamishlo.

Il 16 agosto Ebid Mihemed Heci (12) è stato ucciso nel villaggio di Zorava a Kobanê.

Il 18 agosto, Raniya Eta, Zozan Zêdan, Dîlan Izedîn e Diyane Elo sono state uccise durante un attacco aereo contro un centro educativo per ragazze nel villaggio Shemoka di Hesekê, sostenuto dalle Nazioni Unite.

Il portavoce della Coalizione Anti-Isis ha confermato e condannato questi attacchi. Questi bambini sono stati uccisi negli attacchi dei droni della Turchia. Si afferma che 8 bambini siano morti solo dall’inizio di agosto”, ha aggiunto Hüseyin.

Bambini feriti

Il 2 agosto, Dîna Osman (6), Mehmud Xerîb Mamo (6), Hisên Cemal Qasim (7), Sebah Henan Hemo (10), Avrîn Ebdurehman Heyder (13), Orîvan Mihemed Ebdo (15) si sono infortunati a Til Rifet.

Il 9 agosto, Mihemed Salih (12), Mirah Selah (12), Îlan Selah (5) e Bilind Mihemed Şemsedin (16) sono rimasti feriti nel villaggio di Sêgirka.

Il 16 agosto sono rimasti feriti Xelîl Jihad Şêxo (2) a Kobanê, Temîm Feysel Hemed (11) a Zirgan, Ehmed Îmad Îbiş (15) nel villaggio di Bene nel distretto di Sherawa nel cantone di Afrin.

Il 18 agosto, 11 bambini che ricevevano istruzione presso il centro di istruzione femminile nel villaggio Shemoka di Hesekê-Til Temir, sostenuto dalle Nazioni Unite, sono rimasti feriti.

ll 19 agosto, Hisên Xelef (13) è stato ferito in un bombardamento nelle regioni di Qeramil, Hasin, Eyn Deqnê, Belûniyê e Til Rifet di Shehba.

Inoltre il 20 luglio, 9 persone, di cui 3 bambini, hanno perso la vita a causa di un bombardamento turco nella città di Zakho, nella regione del Kurdistan iracheno.

L’odio verso i curdi

“Come risultato delle politiche anti-curde del governo dell’AKP-MHP, questi bambini stanno perdendo la vita”, affermato Hüseyin.

“L’amministrazione autonoma della Siria settentrionale e orientale ha ripetutamente confermato questi attacchi. Allo stesso modo la Coalizione anti-Isis ha riferito delle morti di bambini causate dagli attacchi turchi.

Per protestare contro le politiche aggressive del governo AKP-MHP contro la Siria settentrionale e orientale, la Komîteya Zarokan a Qada Civakî li bajarê Qamişlo, composta da bambini a Qamişlo, ha rilasciato un comunicato stampa denunciando gli attacchi della Turchia il 7 agosto.

Riuscite a immaginare i bambini che fanno un comunicato stampa congiunto in cui si riportano le morti infantili?”, ha aggiunto Hüseyin Kaçmaz.

Gli attacchi devono finire

“Dal 7 agosto abbiamo assistito a una serie di attacchi. Né le organizzazioni internazionali né l’AKP-MHP hanno prestato attenzione ai bambini che hanno protestato contro questi attacchi. Vorrei qui ribadire che questi attacchi devono essere fermati. Lodo le richieste di questi bambini che rivendicavano il loro diritto a vivere contro la politica della morte”, ha osservato Kaçmaz.

L’ipocrisia dell’ONU

“L’indifferenza delle Nazioni Unite per l’attacco a un campo sotto il suo controllo mostra l’ipocrisia delle Nazioni Unite. Condanniamo questo atteggiamento ipocrita delle Nazioni Unite”.

Devono essere avviate delle indagini

“Le Nazioni Unite e il loro Consiglio di sicurezza dovrebbero riferire immediatamente sulle morti e sui feriti di bambini nel nord e nell’est della Siria. Tutti i partiti politici in Turchia dovrebbero prendere una posizione chiara contro questi attacchi che mietono la vita dei bambini. Il parlamento turco dovrebbe avviare un’indagine e la sottocommissione per i diritti dei bambini nell’ambito della Commissione investigativa sui diritti umani dovrebbe convocarsi immediatamente per affrontare queste uccisioni e ferite e intervenire per prevenire ulteriori morti di bambini. Come membro di questa commissione, presenterò una petizione per richiedere la convocazione della commissione”, ha detto.

Le istituzioni che sostengono i diritti dei bambini dovrebbero assumere dei provvedimenti

“Le istituzioni che lavorano con i bambini dovrebbero agire per denunciare i crimini di guerra contro i bambini e perseguire i colpevoli. Chiediamo che le organizzazioni per i diritti in Turchia sviluppino politiche per fermare questi attacchi, avviare un’indagine sulla questione, rivelare la verità e non essere parte dei crimini. I popoli della Turchia dovrebbero sfidare questi attacchi diretti ai bambini”.

Gli autori devono essere perseguiti

“Il governo dell’AKP-MHP dovrebbe fare immediatamente una dichiarazione riguardo a 8 bambini che hanno perso la vita e 24 bambini che sono rimasti feriti ad agosto. Gli autori dovrebbero essere smascherati e perseguiti immediatamente. Questi attacchi rivelano l’ostilità ufficiale nei confronti dei curdi. Il governo turco, che considera i curdi un nemico e commette crimini di guerra, non avrà mai successo attraverso queste politiche”, ha concluso.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Gültan Kışanak, Ayla Akat Ata, Meryem Adıbelli, Ayşe Yağcı e Sebahat Tuncel sono di nuovo libere. Ma non si sentono veramente libere. Dopo aver...

Turchia

Sara Kaya, ex co-sindaco del distretto di Nusaybin a Mardin, è stata rilasciata dal carcere il 9 maggio dopo un lungo periodo di detenzione....

Iran

Le violazioni dei diritti umani contro civili e attivisti curdi nella regione curda dell’Iran sono continuate nel febbraio 2024. Nei suoi rapporti mensili, la...

Diritti umani

MÊRDÎN/İZMİR – 1 persona è stata arrestata durante le perquisiszioni domestiche a Nisêbîn (Nusaybin). A Izmir è stato arrestato Koray Kesik, direttore artistico del documentario...